Home > News > Associação
FEVEREIRO 2015
JANEIRO 2015

Dal sogno dei nostri primi migranti… 

gli Umbri in Prima fila


O Azeite que faltava!


Rivista Comunitá Italiana pag.26

https://www.magtab.com/leitor/312/edicao/10552


 

DEZEMBRO 2014






"Não existem sonhos impossíveis para aqueles que realmente

acreditam que o poder realizador reside no interior de cada ser

humanos, sempre que alguém descobre esse poder algo antes

considerado impossível se torna realidade." (Albert Einstein)


...ed ora ci facciamo un girotondo,

INTORNO AL MONDO...


SYDNEY - AUSTRALIA
KUALA LUMPUR - MALAYSIA
HONG KONG - CHINA
MOSCOW - RUSSIA
PRAGUE - REP. CZECH.
BERLIN - GERMANY
ROMA - ITALY
MADRID - ESPAÑA
PARIS - FRANCE
LONDON - UNITED KINGDOM
LISBOA - PORTUGAL
NEW YORK - USA
RIO DE JANEIRO - BRASIL
SAO PAULO - BRASIL
SANTIAGO - CHILE
LIMA - PERÚ
TORONTO - CANADA
VANCOUVER - CANADA
SETEMBRO 2014

Cordiale incontro della VICE PRESIDENTE della Camera dei Deputati On. MARINA SERENI con la rappresentanza dell´Associação Umbri do Brasil: 

On. Marina Sereni V.P della Camera entra al Terrazzo Italia 

accompagnata dal Deputato Fabio Porta

e Sandro Benedetti Isidori dell`Ass.Umbri do Brasil

On. Marina Sereni riceve 

dal Presidente dell´Ass.Umbri do Brasil Pietro Mignozzetti

il volume storico DEBRET E O BRASIL 

***

Da: UMBRI DO BRASIL [mailto:umbri.brasile@terra.com.br]
Inviato: sexta-feira, 29 de agosto de 2014 20:11
A: 'Aldo Spina'; 'carolinaciampi@yahoo.com.br'; 'elianebussotti@gmail.com'; 'gildo.paradisi@gmail.com'; 'paola@cosmicafigurinos.com.br'; 'paulafelici@uol.com.br'; 'sandro.benedetti@terra.com.br'; 'patriciamanella@uol.com.br'; 'valentinomanella@ig.com.br'; 'arqui.pietro@gmail.com'; 'ricardobr@globo.com'; 'Marcelo Reyes'; 'agiltecseg@ig.com.br'; 'valspina@hotmail.com'; 'lidia.pedini@valuepartners.com'
Oggetto: Incontro con la Vice Presidente On. Marina Sereni, 3 Setembro ore 18.30 al Circolo Italiano
Priorità: Alta

Cari Colleghi e Associati

Aldo, Carolina, Eliane, Gildo, Lidia, Marcelo, Paola, Patricia, Paula, Ricardo, Roberto, Sandro, Valeria, Valentino, 

O dia 3 de setembro no Círculo Italiano em São Paulo, estará a Vice Presidente da Câmara dos Deputados

Hon. Marina Sereni

 Marina Sereni (Foligno8 maggio 1960) è una politica italiana, vicepresidente del Partito Democratico dal 2009 al 2013 e vicepresidente della Camera dei deputati dal 21 marzo 2013. Maturità classica, funzionaria, già impegnata nella Federazione Giovanile Comunista, ha aderito dapprima al PCI e al PDS, successivamente ai Democratici di SinistraÈ stata consigliere regionale dell'Umbria, eletta per la prima volta nel 1985, e assessore regionale (nel 1993). È stata eletta alla Camera dei deputati nel 2001 nel collegio uninominale di Foligno, per la coalizione di centrosinistra. Da dicembre 2001 è stata membro della segreteria nazionale dei DS, in un primo momento con l'incarico di responsabile esteri e, successivamente, di responsabile dell'organizzazione. Si è ricandidata, nelle elezioni del 2006, nella lista dell'Ulivo, nella circoscrizione Umbria. In quella legislatura è stata membro della Commissione Difesa, nonché vicepresidente vicario del gruppo Partito Democratico-Ulivo alla Camera dei deputati. Dal 23 maggio 2007 è stata uno dei 45 membri del Comitato nazionale per il Partito Democratico che ha riunito i leader delle componenti del futuro PD. Tra i costituenti del Partito Democratico, eletti con le elezioni primarie del 14 ottobre 2007, ha fatto parte della Commissione Statuto del PD. È stata riconfermata alla Camera anche nelle elezioni del 2008. Dal 7 novembre 2009 al 15 dicembre 2013 è stata vicepresidente del PD, insieme a Ivan ScalfarottoL'8 gennaio 2013 la direzione nazionale del PD ha candidato candida Sereni alla Camera dei Deputati come capolista della lista PDnella circoscrizione Umbria, in vista delle Elezioni politiche italiane del 2013. Il 21 marzo 2013 è stata eletta Vicepresidente dellaCamera dei Deputati per il PD con il maggior numero di preferenze, pari a 311 voti. 

Gostaria muito de encontrar os emigrantes da Úmbria da nossa associação, 

será presente também uma pequena delegação das empresas da Úmbria instaladas no Brasil 

Não falte.

Pietro Mignozzetti

________________________________________________________________

Regione Umbria - Associação Umbri do Brasil CNPJ: 65 517 278/0001-86 CCM: 9 871 596-8
Rua MAJOR QUEDINHO, 111 – CJ 108 - CEP 01050-030 - SAO PAULO – SP – Brasil
TEL. : + 55 11 29011120 - FAX : + 55 11 29011120 – E-MAIL: contato@umbridobrasil.org
Presidente + 55 11 982853439 - arqui.pietro@gmail.com
www.umbridobrasil.org

 

 

Da: UMBRI DO BRASIL [mailto:umbri.brasile@terra.com.br
Inviato: quinta-feira, 28 de agosto de 2014 16:26
A: 'Consolato Generale d' Italia in Brasile, San Paolo - Segreteria'
Cc: umbri.brasile@terra.com.br
Oggetto: R: incontro con la Vice Presidente On. Marina Sereni, 3 Settembre ore 18.30
Priorità: Alta

Cortese attenzione SEGRETERIA CONSOLATO GENERALE D´ITALIA in Brasile - Sao Paulo,

Come da richiesta comunichiamo i nominativi di Associati e Rappresentanti di Imprese Umbre in Brasile che saranno presenti all´incontro con il Vice Presidente della Camera de Deputati On. Marina Sereni del 3 di Settembre 2014 presso il Circolo Italiano di Sao Paulo.

 

1. ALDO

2. CAROLINA

SPINA

CIAMPI

3. EGIDIO

EGIDI

4. ELIANE

BUSSOTTI

5. GILDO

PARADISI

6. GIULIANO

TRIMBOLI

7. HAMID

HADEG

8. MANOEL

FASTELLINI

9. MARCELO

REYES

10. MAURIZIO

CALISTI

11. PAOLA

BIGANTI

12. PATRICIA

MANELLA

13. PAULA

FELICI

14. PIETRO

MIGNOZZETTI

15. RENATO

GNONI

16. RICARDO

BOGGI

17. ROBERTO

BRODOLONI

18. SANDRO

BENEDETTI ISIDORI

19. VALENTINO

MANELLA

 Ringraziando,
Cordiali saluti
Associação Umbri do Brasil
Pietro Mignozzetti

Da: Consolato Generale d' Italia in Brasile, San Paolo – Segreteria [mailto:segreteria.sanpaolo@esteri.it]
Inviato: quinta-feira, 28 de agosto de 2014 11:19
A: umbri.brasile@terra.com.br
Oggetto: I: incontro con la Vice Presidente On. Marina Sereni, 3 Settembre ore 18.30
Priorità: Alta

Gentili Signori, 
preghiamo cortesemente voler informare i nomi di chi parteciperà all'incontro con l'On. Sereni
Cordialmente
Segreteria
Consolato Generale d'Italia - San Paolo

JUNHO 2014
FESTA DUE GIUGNO 2014 CIRCOLO ITALIANO
Presenti tutte le autoritá della Comunitá Italiana 
l´Ambasciatore d´Italia, il Console Generale di Sao Paulo, 
Il Senatore Fausto Longo, il Deputato Fabio Porta
Presente anche la rappresentanza 
dell´ASSOCIAÇÃO Umbri do Brasil





AGOSTO 2014
JANEIRO 2014
DEZEMBRO 2013

Auguri a Tutti

e

 un brindisi al nuovo anno...

...ed ora ci facciamo un girotondo,

INTORNO AL MONDO...

SYDNEY

KUALA LUMPUR

DUBAI

MOSCA

PRAGA

BERLINO

R O M A

PARIS

LONDON

RIO DE JANEIRO

SAO PAULO

BUENOS AIRES

NEW YORK

VANCOUVER

***

Carissimo associato e Famiglia,

In occasione di questi giorni di fine anno,

Vi auguro che lo Spirito della Nascita del Bambin Gesú,

Vi porti molta Pace, Fratellanza e Accoglienza nella Vostra Famiglia,

con un 2014 pieno di Realizzazioni, Felicitá e Salute.

Pietro Mignozzetti

Presidente

ASSOCIAÇÃO UMBRI DO BRASIL

Novembro 2013

Caríssimos Coregionais,

Eis, enfim, o Proframa em Portugues, do dia 07/11/2013, a ser desenvolvido pela Delegação da Região Umbria, na Sede da Presidência da República do Brasil, conforme endereço para a qual todos nós estamos convidados a participar.

Solicito que cada um (a) de voces Associados (as) que se interessem em participar do Seminário Brasil Próximo, nesse dia, mesmo que não tenha possibilidade de participar por todo o período, ou seja, desde as 9:00 hr da manhã, não haverá problema algum, em participar em parte do Seminário, conforme suas possibilidades. 

Espero que todos participem, pois é muito importante para nós da Associação Umbri do Brasil, demonstrarmos UNIÃO E PARTICIPAÇÃO NAS ATIVIDADES ASSOCIATIVAS EM CONJUNTO COM A DELEGAÇÃO DA REGIÃO DA UMBRIA.

Peço que me respondam cada um, confirmando a Participação, pois deverei, ainda amanhã na parte da manhã, informar a Lista de Participantes, por questões de Segurança que a Presidência do Brasil, toma em conta para o acesso no Edifício Sede da mesma. 

É difícil fazer todas estas coisas em tamanha pressa e de última hora, porém é assim que funciona.

Peço, também, que confirmem a presença no Jantar de Confraternização que faremos ao início da noite do dia 07, na CHURRASCARIA BOVINOS na Av. Rebouças, ou seja, depois do Seminário do dia.

A expectativa é que venha um expressivo número de Associados, para o convívio com os membros que compõem a Delegação, sejam os empresários, como os funcionários do Governo Regional Umbro, especialmente com o Presidente do CRE-Conselho Regional da Emigração da Região da Umbria, Dr. FAUSTO GALANELLO, o qual manifestou especial interesse em conhecer todos nós Associados no Brasil.

Peço a gentileza de confirmarem, o quanto antes, a vossa presença, para as devidas providências que devemos encaminhar.

Saudações Asscociativas,

PIETRO MIGNOZZETTI

Presidente Associação Umbri do Brasil.

arqui.pietro@gmail.com  

presidencia@umbridobrasil.org

www.umbridobrasil.org 

Outubro 2013
SETEMBRO 2013
FERRAGOSTO... Oggi 2 settembre si torna a lavorare !

Se guardate sul calendario al 15 di agosto troverete l’Assunzione della Santissima Vergine.
Quel giorno la Chiesa festeggia Maria madre di Gesù accolta in Paradiso.
Segnalata la curiosità che soltanto nel 1950 l’evento ha ricevuto il sigillo di dogma, passiamo a capirne qualcosa di questa data estiva, che per la maggior parte di noi è l’apoteosi delle vacanze!
Ferragosto è parola di origine latina, deriva infatti da “Feriae Augusti”, che significa “riposo di Agosto”.
Nel mese di agosto venivano raccolti i cereali e quindi nell’antica Roma si festeggiava la fine dei principali lavori agricoli.
Ovvio che tale data nell’agricola Italia fosse motivo di grandi festeggiamenti e gli stessi animali da tiro (cavalli, asini e muli) si godevano le giornate di riposo, bardati con fiori.
Nel giorno di Ferragosto i lavoratori ricevevano una mancia dal padrone, gratifica che nel Rinascimento venne resa obbligatoria per decreto pontificio e chissà che l’attuale tredicesima non ne sia la moderna derivazione…
Già prima di Roma esistevano i Consualia, periodo di festa e riposo in onore di Conso, divinità protettrice dell’agricoltura.
Nel 18 a.c., con l’inizio dell’età imperiale, i Consualia divennero Augustali, in onore dell’imperatore Ottaviano Augusto.
Fortemente radicata nella tradizione pagana, la festività del Ferragosto fu poi riciclata dalla Chiesa, che, come per altre feste pagane, provò prima a sopprimerle per poi ammantarle di cristianità.
Al giorno d’oggi Ferragosto è per definizione la giornata della vacanza, dell’escursione, del week end lungo, insomma, a ferragosto bisogna leggere e andare a fare qualcosa!
L’impronta religiosa della festività si fa sentire nelle tante processioni religiose che si svolgono un po’ ovunque.
Solitamente la statua della Madonna viene portata in processione attraverso le stradine dei centri storici, sul mare, tra colori, suoni, fuochi e balli notturni sotto i cieli stellati del folklore regionale.
Da un lato la sacralità del 15 agosto dall’altra le scampagnate e i pic nic fuori porta per chi già non è in vacanza.
In ogni caso, la tradizione di agosto come mese delle Feriae è rimasta, e questa è la ragione per cui fabbriche e negozi restano ancor oggi «chiusi per ferie» fino alla fine di agosto, anche se nessuno si ricorda più del riposo agricolo e dell’imperatore Augusto che le istituì per autocelebrarsi.
Foto
Foto

AGOSTO 2013

Luisa Spina Ungarelli, é nata a San Paolo il 28 di Agosto 2013

JULHO 2013

Sao Paulo, 17.07.2013

XXX

 Oggi alle 04.30 é nato a Sao Paulo un nuovo Umbro di Spoleto...

XXX

xxx

 VICTOR Kirschner Benedetti Isidori

XXX


Sao Paulo, 09.07.2013

xxxx

NICOLETTA Aracamone Mattoli

xxx

Caros Associados, sinto informar a todos que nesta noite Nicoletta Arcamone Mattoli nosso Presidente de Honra nos deixou.
O velório será 09/07/2013 das 09:00 as 15:00 na R. São Carlos do Pinhal,37

ABRIL 2013

Sao Paulo 27 de Abril de 2013

ASSEMBELEIA GERAL ORDINARIA

Os associados presentes votaram e aprovaram a Lista abaixo por unanimidade para o periodo Abril 2013 - Abril 2016.

DIRETORIA EXECUTIVA:

Presidente:                                                  PIETRO MIGNOZZETTI

1º Vice-Presidente:                                      PAOLA BIGANTI        

2º Vice-Presidente:                                      LIDIA PEDINI

1º Secretário Administrativo:                      MARCELO REYES

2º Secretário Administrativo:                      RICARDO BOGGI

1º Diretor Cultural:                                       ELIANE BUSSOTTI

2º Diretor Cultural:                                       GILDO PARADISI

1º Diretor Jovens Umbri:                              CAROLINA CIAMPI

2º Diretor Jovens Umbri:                              PATRICIA MANELLA

CONSELHO FISCAL:

Conselheiro Fiscal Efetivo:                            PAULA FELICI

Conselheiro Fiscal Efetivo:                            VALENTINO MANELLA

Conselheiro Fiscal Efetivo:                            ROBERTO BRODOLONI

Conselheiro Fiscal Suplente:                         FRANCO CRISANTI

Conselheiro Fiscal Suplente:                         CARLOS FELICI

Conselheiro Fiscal Suplente:                         UMBERTO GUARNIER MIGNOZZETTI

***

                            

 

MARÇO 2013

***

IPSE DIXIT

Nuove figure retoriche  - «Mi hanno proposto un'alleanza, ma loro sono morti! Non hanno capito di avere a che fare con qualcosa di completamente diverso da un partito politico... Loro preferiscono non parlare dei 13 anni passati, ma solo degli ultimi sei mesi... Chi è il responsabile? Loro! I partiti! Per 13 anni hanno dimostrato che cosa sono stati capaci di fare. Abbiamo una nazione economicamente distrutta... la classe media in ginocchio, le finanze agli sgoccioli, milioni di disoccupati... Sono loro i responsabili! Io... io oggi sono socialista, domani comunista, poi sindacalista, loro ci confondono, pensano che siamo come loro. Noi non siamo come loro! Loro sono morti, e noi vogliamo vederli tutti nella tomba... Noi resisteremo a qualsiasi pressione... Siamo un movimento che non può essere fermato... Loro non capiscono che questo movimento è tenuto insieme da una forza inarrestabile che non può essere distrutta... Noi non siamo un partito, noi rappresentiamo l'intero popolo, un popolo nuovo...". – Comizio-spettacolo dell’ultima campagna elettorale in Italia? No, discorso di Hitler a Gottinga nell'agosto del 1932, un anno prima della presa del potere.» – Critica Sociale (L'Avvenire dei Lavoratori)

***

CITTA DEL VATICANO, 13 DI MARZO, In Meno di 24 ore...

Habemus Papam... Francesco 1º ; non so peró perché tanta sorpresa per la cosa piu normale del mondo... forse la gente non sa che é la 266ª volta che succede... 
Proviamo a pensare, invece, se un giorno dopo la fumata bianca, il Gran Ciambellano di Corte annuncia :
Habemus Papam... Chiara 1ª - FINALMENTE!!! 

Allora si che la Chiesa Cattolica Apostolica Romana. senza dover cambiar di nome (oggi molto di moda), potrá finalmente affermare, ci siamo aggiornati per star al par dei tempi...


Ma con un nome come Francesco solo potrá essere un Papa Eccellente, il 1º del SUDAMERICA.
Tanti Tanti auguri a Papa Francesco, il  Sudamericano.

***

São Paulo, 06 Março - Commemorando il Successo.

Gli elettori dello Stato di SÃO PAULO  si scatenano  per votare...  quasi raddoppiando la partecipazione alle Urne !

 Fabio Porta rieletto Deputato; Sandro Benedetti Isidori Presidente Ass. Umbri Brasil; Fausto Longo neo Senatore;

Il forte richiamo Socialista di Fausto Longo há scatenato nell’elettorato dello Stato di São Paulo in Brasile una grande partecipazione al voto, tanto che São Paulo capitale diventa la cittá nel mondo che piú ha partecipato alle Elezioni Italiane all’estero.

La Tenacia, l’Esperienza, l’Impegno continuo di Fabio Porta in Parlamento e nel Continente Sudamericano hanno caratterizzato la sua prima legislatura.

Questi due elementi hanno creato la sinergia necessária all’elezione del SENATORE FAUSTO LONGO e la rielezione del DEPUTATO FABIO PORTA nella Citta di São Paulo.

Grande segnale per continuare a marciare insieme e propagare lo slancio, la passione e l’affetto verso  il nostro paese, appunto: Italia.Bene Comune...

Fausto, Fabio in bocca a lupo... continuate a far sentire la differenza che l’Elettore in Sudamerica con certezza non ci ha risparmiato.(Sandro Benedetti Isidori)

FEVEREIRO 2013

Roma 27 Febbraio, Elezioni 2013 - Ripartizione Estero

XXXXXXXXXXXX

A Sao Paulo ITALIA BENE COMUNE ELEGGE:

1 SENATORE - FAUSTO LONGO

1 DEPUTATO - FABIO PORTA

xxxxxxxxxxxxxxxx

XXXXXXXXXXXXXX

Sotto abbiamo i 18 parlamentari eletti in tutta la ripartizion e estero;

6 senatori e 12 deputati. 

XXXXXXXXXXXXXccccccv

XXXXXXXXXXXXXXXX

XXXXXXXXXXXXXXXX

Perugia 26 Febbraio, ELEZIONI 2013

xxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Camera e Senato in Umbria; Vince "Italia. Bene comune"

xxxxxxxxx

Definitivo Camera scrutinate 1029/1029 sezioni ore 0:41 - Italia. Bene Comune 35,55%

xxxxxxxxxxx

Definitico Senato Scrutinate 1029/1029 sezioni ore 21:52 - Italia. Bene Comune 37,58%

XXXXXXXXXXXXX

XXXXXXXXXXXXX

Vedi i risultati:

http://www.giornaledellumbria.it/elezioni_2013_camera_senato_umbria

***

ROMA 24.02.2013

xxxxxxxxxxxxxxxxx

L'ultimo Angelus di Benedetto XVI "Non abbandono la Chiesa"

In occasione dell'ultimo discorso domenicale del Papa, più di centomila persone hanno preso posto sul sagrato: "Dio mi chiama a preghiera e meditazione in un modo più adatto alla mia età e alle mie forze". Quattro maxi-schermi sono stati collocati per consentire ai fedeli di seguire l'evento

ROMA -  ''Cari fratelli e sorelle, grazie per il vostro affetto. Dio mi chiama a salire sul monte per dedicarmi ancora di più alla preghiera e alla meditazione. Ma questo non significa abbandonare la Chiesa": Benedetto XVI ha salutato una Piazza San Pietro affollata da più di centomila fedeli, secondo il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, e le forze dell'ordine, per l'ultimo suo Angelus. "Se Dio mi chiede questo è proprio perché io possa continuare a servirla con la stessa dedizione e lo stesso amore con cui l'ho fatto fino ad ora, ma in un modo più adatto alla mia età e alle mie forze", ha aggiunto il Papa, commosso, ma deciso, più volte interrotto dagli applausi. "Ringraziamo il Signore per il sole che ci dona'', ha anche scherzato Benedetto XVI, sottolineando la tregua meteorologica, dopo le piogge di questi giorni su Roma.

"Nella Quaresima - ha detto Benedetto XVI affacciato alla finestra del suo studio - impariamo a dare il giusto tempo alla preghiera, personale e comunitaria, che dà respiro alla nostra vita spirituale. Inoltre - ha proseguito il Papa a commento del racconto evangelico odierno sulla trasfigurazione - la preghiera non è un isolarsi dal mondo e dalle sue contraddizioni, come sul Tabor avrebbe voluto fare Pietro, ma l'orazione riconduce al cammino, all'azione. "L'esistenza cristiana - ho scritto nel Messaggio per questa Quaresima - consiste in un continuo salire il monte dell'incontro con Dio, per poi ridiscendere portando

L'amore e la forza che ne derivano, in modo da servire i nostri fratelli e sorelle con lo stesso amore di Dio. Cari fratelli e sorelle - ha aggiunto Benedetto XVI - questa Parola di Dio la sento in modo particolare rivolta a me, in questo momento della mia vita", ha detto il Papa. ''Grazie, in preghiera siamo sempre vicini'', ha detto salutando la folla per l'ultima volta.

Quattro maxi-schermi hanno consentito di seguire l'evento anche a chi non è riuscito a guadagnare una posizione favorevole. Rigidi i controlli delle forze dell'ordine. In presidio forze dell'ordine e protezione civile: la macchina organizzativa ha previsto lo schieramento di circa 2.000 uomini, tra agenti e volontari, la presenza di cecchini sui tetti e la bonifica dei tombini.

Addio su Twitter. ''In questo momento particolare, vi chiedo di pregare per me e per la Chiesa, confidando come sempre nella Provvidenza di Dio'', è stato l'ultimo tweet del Papa subito dopo l'Angelus.

Conto alla rovescia. Parte lunedì il conto alla rovescia per il Pontificato: il Papa incontrerà alcuni cardinali in udienze singole, probabilmente anche i tre cardinali che hanno svolto per Benedetto XVI le indagini sulla fuga di documenti riservati (Vatileaks), Julian Herranz, Josef Tomko e Salvatore De Giorgi. Annullato l'incontro con i vescovi delle Marche previsto in questo giorno per la visita 'Ad limina apostolorum'. Mercoledì 27, alle 10.30, l'ultima udienza generale di Benedetto XVI si svolgerà in Piazza San Pietro: previsto un grande afflusso di fedeli. Giovedì 28 febbraio, ultimo giorno del Pontificato, alle 11 in Sala Clementina avrà luogo il saluto personale ai cardinali presenti in Roma. Alle 17, infine, il commiato dai cardinali Tarcisio Bertone (segretario di Stato) e Angelo Sodano (decano del collegio cardinalizio), la partenza in elicottero dal Vaticano e l'accoglienza a Castel Gandolfo da parte del presidente e del segretario del governatorato, card. Giuseppe Bertello e mons. Giuseppe Sciacca, del sindaco e del parroco di Castel Gandolfo. In serata, il Papa saluterà i fedeli radunati davanti all'ingresso del palazzo apostolico della cittadina laziale. Alle ore 20 del 28 febbraio inizia la sede vacante. Benedetto XVI tornerà in Vaticano dopo circa due mesi, quando sarà completato il restauro del monastero 'Mater Ecclesiae' dove risiederà. E quando sul soglio di Pietro siederà il prossimo Papa.

Roma, 11 febbraio 2013

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Benedetto XVI lascerà il Pontificato il prossimo 28 febbraio

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Ha chiesto che si indichi un conclave per l’elezione del successore.

Lo ha annunciato personalmente, in latino, durante il concistoro per la canonizzazione dei martiri di Otranto.

Il Papa ha spiegato di sentire il peso dell’incarico, di aver a lungo meditato su questa decisione e di averla presa per il bene della Chiesa.


Joseph Ratzinger, 85 anni, è diventato Papa il 19 aprile 2005, succedendo a Karol Wojtyła (Giovanni Paolo II).

Nei mesi scorsi nulla lasciava presagire una simile decisione da parte del santo Padre. "Un fulmine a ciel sereno", è stato il commento del decano del collegio cardinalizio, Cardinal Angelo Sodano.

***

***

ELEZIONI POLITICHE

xxxxxxxxxxxxxxxxxx

Italia. Bene comune

AVANTI  A TUTTA FORZA ! e vincere per la ricostruzione...

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

XXXXXXXX

Siamo chiamati alle urne per eleggere il nuovo parlamento italiano, appuntamento fondamentale per tutti noi Italiani residenti in Patria e residenti all’estero.

Questa elezione é importante piú che mai  poiché avviene in un momento di grave crisi economica mondiale.

Italia Bene Comune, alleanza tra partiti progressisti, si accinge a lottare con tutte le forze per VINCERE questa importantissima tornata elettorale e poter governare il paese nell´attuale momento drammatico, lavorando per la ricostruzione e riaccendendo la speranza, attraverso il cambiamento, in un  governo forte, creato sull´alleanza di tutte le forze democratiche e progressiste. Solo cosí potrá essere affrontata e combattuta la crisi stagnante.

Tutti noi siamo ormai stanchi di vedere apparire sulla scena politica il  ¨salvatore della patria di turno¨ del tipo che assume il governo proponendo soluzioni e poi si dimette per presentarsi a nuove elezioni con nuove alleanze partitarie che quasi mai camminano verso lo stesso obbiettivo.

Quello che stiamo proponendo é un insieme forte e leale, supportato da un orizzonte politico condiviso,  capace di lavorare condividendo gli stessi obbiettivi e ascoltando sempre la voce dell´elettore perché vive in mezzo agli Elettori.

Un gruppo di persone disposte a farsi sentire, forti principalmente delle continue sfide che vivono tutti i giorni per mantenere viva la propria Identitá: una cultura, una lingua e le proprie tradizioni pur sentendosi parte del paese che li ha accolti, avendo assorbito totalmente il concetto di : tolleranza e rispetto delle diversitá nella pace e armonia; persone che sanno come usare la politica estera perché é una vita che fanno questo nella professione e nella Famiglia; persone che oggi si presentano eleggibili perché vogliono condividere il proprio patrimonio di esperienze a favore della ricostruzione; persone che sanno bene che il mondo é troppo piccolo per avere frontiere.

È in questo momento, in cui la crisi ha paralizzato l´Italia, che le nostre forze all´estero possono mostrare nuovi orizzonti, possono aprire nuovi mercati per il  made in Italy, tanto amato nel mondo, sia per le alte tecnologie sia per le eccellenze nel campo della gastronomia, della moda, del turismo dell´agricoltura.

Dobbiamo fare.

Ma potremo fare solo con l´aiuto di tutti gli italiani all´estero, grazie ad una presenza massiccia al voto la nostra voce potrá essere ascoltata.

Vorremmo tanto dire ai nostri connazionali in Italia che esistono tanti Italiani intorno al mondo che da assistiti, possono trasformarsi in attori per far rinascere il sogno italiano: essere una nazione forte dentro una Europa forte, connettata e abbracciata ai suoi emigranti; per convincerli di questo dobbiamo mostrare che esistiamo attraverso il voto;  votiamo  perché il milione é piú di voti del Sudamerica fará la differenza.   (Sandro Benedetti

JANEIRO 2013

RIO DE JANEIRO - COPACABANA

SAO PAULO - AV. PAULISTA

ROMA

PARIS

LONDON

BERLIN

NEW YORK

MOSCOW

KUALA LUMPUR

HONG KONG

TOKYO

SYDNEY

WELLINGTON

BUENOS AIRES

DEZEMBRO 2012

*

Buon anno a tutti, un anno di Pace,

Serenitá e gioia di Vivere!

*

“ Prendi un sorriso,

regalalo a chi non l’há.

Prendi una lacrima,

posala sul volto di chi non há mai pianto.

Prendi il coraggio,

offrilo a chi non sa lottare.

Scopri la vita,

raccontala a chi non puó ancora capirla. ”

*

(GHANDI)


Cari Corregionali

a tutti Voi gli  auguri più sinceri

perché la nascita di Gesù Bambino possa farci rinascere

ogni giorno nell'amore e nella disponibilità verso gli altri.

*

Sandro Benedetti Isidori

Presidente

   

NOVEMBRO 2012

Le foto piú belle del 2012

OUTUBRO 2012

ROMA 10.10.2012 - Residence Ripetta

L’Italia ce la farà se ce la faranno gli italiani. Se il paese che lavora, o che un lavoro lo cerca, che studia, che misura le spese, che dedica del tempo al bene comune, che osserva le regole e ha rispetto di sé, troverà un motivo di fiducia e di speranza.  
L’Italia perderà se abbandonerà l’Europa e si rifugerà nel suo spirito corporativo, se prevarrà l’interesse del più ricco o del più arrogante. Se speranza e riscatto non saranno il capitale di un popolo ma scialuppe solo per i furbi e i meno innocenti.
Questa Carta d’Intenti vuole descrivere l’Italia che ce la può fare, che ce la può fare ricostruendo basi etiche e di efficienza economica; che ce la può fare con uno sforzo comune in cui chi ha di più dà di più.   


Sappiamo che la politica ha le sue colpe. E che quanto più profonda si manifesta la crisi, tanto più le classi dirigenti devono testimoniare il meglio: nella competenza, nella condotta, nella coerenza. Questo sarà il nostro impegno e la bussola per il nostro compito. Con la stessa sincerità, diciamo che non siamo tutti uguali. Non sono uguali i partiti, le persone, le responsabilità. Gli italiani sono finiti dove mai sarebbero dovuti stare perché a lungo sono stati governati male. Noi vogliamo chiudere quella pagina e aprirne un’altra.
L’Italia, come altre grandi nazioni, è immersa nella fine drammatica di un ciclo della storia che ha occupato l’ultimo trentennio. La gravità del quadro elimina molte certezze. Ma sono proprio le grandi rotture a dettare le regole del futuro.
Nel senso che da una crisi radicale – dell’economia e della democrazia – non si esce mai come si è entrati. Le crisi cambiano il paesaggio, le persone, il modo di pensare. La sfida è spingere quel mutamento verso un progresso e un civismo più solidi, retti, condivisi. Davanti a noi, adesso, c’è una scelta di questo tipo: se batterci per migliorare tutti assieme o rinunciare a battersi. Se credere nelle risorse del Paese o affidarsi – e sarebbe una sciagura – alle risorse di uno solo. Se unire le energie disponibili e ripensare assieme l’Europa, o attendere che altri scelgano e dicano per noi.
Questo è il momento di decidere cosa vogliamo diventare. Quale ruolo dare a una nazione con la nostra tradizione, situata nel cuore di un Mediterraneo che le rivolte giovanili stanno modificando come mai era accaduto. Quale democrazia rifondare, dopo una crisi che ha corretto i confini della sovranità dei singoli stati.
Insomma questo è il momento di ricostruire l’Italia che lasceremo a chi verrà dopo.
Il prossimo Parlamento e il governo che gli elettori sceglieranno avranno tre compiti decisivi. Dovranno guidare l’economia fuori dalla crisi rimettendola salda sulle gambe. Dovranno ridare autorità, efficienza e prestigio alle istituzioni e alla politica, ripartendo dai principi della Costituzione. Dovranno rilanciare – in un gioco di squadra con le altre nazioni e i loro governi – l’unità e l’integrazione politica dell’Europa.
Vogliamo dunque proporre la traccia di una discussione aperta sull’Italia attorno ad alcune idee fondamentali. Cerchiamo un patto con le forze politiche democratiche, progressiste e di una sinistra di governo, con movimenti e associazioni, con amministratori, con ogni persona e personalità che voglia contribuire a un progetto per uscire da una crisi senza eguali nella nostra memoria. Una crisi che affrontiamo con la zavorra di un debito pubblico da ridurre drasticamente e che richiederà scelte responsabili, di rigore e allo stesso tempo di enorme coraggio.
Bisogna vedere i problemi e insieme cogliere le occasioni. L’Italia è in grado di farlo ma deve avere più fiducia nei suoi mezzi e meno paura del viaggio che dobbiamo fare. Non è più tempo di “contratti”, promesse, sogni appesi a un filo. Adesso è tempo di ripartire. Perché il peggio può essere alle nostre spalle. Se lo vogliamo.

1 Visione
Noi non crediamo all’ottimismo delle favole, quello venduto nel decennio disastroso della destra. Crediamo, invece, in un risveglio della fiducia e soprattutto nel futuro degli italiani, a cominciare dai più giovani e dalle donne. I problemi sono enormi e il tempo per aggredirli si accorcia. Le scelte da compiere non sono semplici né scontate. Ma la speranza che ci muove vive tutta nella convinzione che si possano combinare rigore e cambiamento. Che si possa agganciare la crescita in un quadro di equità.
Il nostro posto è in Europa. Lì dove Mario Monti ha avuto l’autorevolezza di riportarci dopo una decadenza che l’Italia non meritava. Noi collocheremo sempre più saldamente l’Italia nel cuore di un’Europa da ripensare e, in qualche misura, da rifondare. Lo faremo assieme a quelle forze progressiste che cercano in un tempo difficile di non tradire il sogno di un’Europa unita nell’impronta della sua civiltà.
In “casa” dovremo colmare la faglia che si è scavata tra cittadini e politica. Qui non bastano le parole. Serviranno i comportamenti, le azioni, le coerenze. Cercheremo di andare nella direzione giusta: di fare in modo che la buona politica e una riscossa civica procedano affiancate. Il traguardo è ricostruire quel patrimonio collettivo che la destra e i populismi stanno disgregando: la qualità della democrazia, la dignità di ciascuno, legalità, cittadinanza, partecipazione. La realtà è che mai come oggi nessuno si salva da solo. E nessuno può stare bene davvero, se gli altri continuano a stare male: è questo il principio a base del nostro progetto, sia nella sfera morale e civile che in quella economica e sociale.
Vogliamo che il destino dell’Italia sia figlio della migliore civiltà dell’Europa e che insieme riscopriamo la necessità di sentirci vicino a chi nel mondo si batte per la libertà e l’emancipazione di ogni essere umano. Lo scriviamo nella coscienza che la grandezza e la tragedia del ‘900 in Europa si misurano in una sola parola: la pace. La conquista faticosa di un continente che, con la tragica eccezione dei Balcani, ha conosciuto nella seconda metà del secolo la sua riconciliazione.
Oggi, in un mondo in subbuglio, pace, cooperazione, accoglienza, devono ispirare di nuovo il discorso pubblico. Nella coscienza dei singoli come nella diplomazia degli Stati.
Con questa visione noi, democratici e progressisti, ci candidiamo alla guida del Paese.

2 Democrazia
Dobbiamo sconfiggere l’ideologia della fine della politica e delle virtù prodigiose di un uomo solo al comando. E’ una strada che l’Italia ha già percorso, e sempre con esiti disastrosi. In democrazia ci sono due modi di concepire il potere.
Usare il consenso per governare bene. Oppure usare il governo per aumentare il consenso. La prima è la via del riformismo. La seconda è la scorciatoia di tutti i populismi e si traduce in una paralisi della decisione.
Per noi il populismo è il principale avversario di una politica autenticamente popolare. In questi ultimi anni esso è stato alimentato da un liberismo finanziario che ha lasciato i ceti meno abbienti in balia di un mercato senza regole. La destra populista ha promesso una illusoria protezione dagli effetti del liberismo finanziario innalzando barriere culturali, territoriali e a volte xenofobe. Anche quando questo populismo ha pescato il suo consenso all’interno di un disagio diffuso e reale, il suo esito è sempre stato antipopolare.
La sola vera risposta al populismo è in una partecipazione rinnovata come base della decisione. E questo perché la crisi della democrazia non si combatte con “meno” ma con “più” democrazia. Il che significa più rispetto delle regole, una netta separazione dei poteri e l’applicazione corretta e integrale di quella Costituzione che rimane tra le più belle e avanzate del mondo. In questo senso siamo convinti che il suo progetto di trasformazione civile, economica e sociale sia vitale e per buona parte ancora da mettere in atto.
Vogliamo dare segnali netti all’Italia onesta che cerca nelle istituzioni un alleato contro i violenti, i corruttori e chiunque si appropri di risorse comuni mettendo a repentaglio il futuro degli altri. Per noi ciò equivarrà alla difesa intransigente del principio di legalità, a una lotta decisa all’evasione fiscale, al contrasto severo dei reati contro l’ambiente, al rafforzamento della normativa contro la corruzione e a un sostegno più concreto agli organi inquirenti e agli amministratori impegnati contro mafie e criminalità, vero piombo nelle ali per l’intero Paese. Sono questi gli impegni inderogabili e le coerenze richieste alla politica se vogliamo che i cittadini abbiano di nuovo fiducia nella democrazia.
Sulla riforma dell’assetto istituzionale, siamo favorevoli a un sistema parlamentare semplificato e rafforzato, con un ruolo incisivo del governo e la tutela della funzione di equilibrio assegnata al Presidente della Repubblica. Riformuleremo un federalismo responsabile e bene ordinato che faccia delle autonomie un punto di forza dell’assetto democratico e unitario del Paese. Sono poi essenziali norme stringenti in materia di conflitto d’interessi, legislazione antitrust e libertà dell’informazione, secondo quei principi liberali che la destra italiana disconosce. Bisogna attuare a tutti i livelli la democrazia paritaria nell’idea che autonomia e responsabilità delle donne siano una leva essenziale della crescita. Ma soprattutto daremo vita a un meccanismo riformatore che dia finalmente concretezza e certezza di tempi alla funzione costituente della prossima legislatura.
Infine, ma non è l’ultima delle priorità, la politica deve recuperare autorevolezza, promuovere il rinnovamento, ridurre i suoi costi e la sua invadenza in ambiti che non le competono. Serve una politica sobria perché se gli italiani devono risparmiare, chi li governa deve farlo di più. A ogni livello istituzionale non sono accettabili emolumenti superiori alla media europea. Ma anche questo non basta.
Va approvata una riforma dei partiti, che alla riduzione del finanziamento pubblico affianchi una legge di attuazione dell’articolo 49 della Costituzione, e bisogna agire per la semplificazione e l’alleggerimento del sistema istituzionale e amministrativo. Occorrono piani industriali per ogni singola amministrazione pubblica al fine di produrre efficienza e risparmio. Riconoscere il limite della politica e dei partiti significa anche aprire il campo alle richieste d’impegno e mobilitazione che maturano nella società ed alle competenze che si affermano. Tutto ciò dovrà essere messo al concreto a cominciare dalle nomine in enti, società pubbliche e autorità di sorveglianza e da criteri di selezione nelle funzioni di governo.

3 Europa
La crisi che scuote il mondo mette a rischio l’Europa e le sue conquiste di civiltà.
Ma noi siamo l’Europa, nel senso che da lì viene la sola possibilità di affrancare l’Italia dai guasti del collasso liberista, e quindi le sorti dell’integrazione politica coincidono largamente col nostro destino. Insomma non c’è futuro per l’Italia se non dentro la ripresa e il rilancio del progetto europeo. La prossima maggioranza dovrà avere ben chiara questa bussola: nulla senza l’Europa.
Per riuscirci agiremo in due direzioni. In primo luogo, rafforzando la piattaforma dei progressisti europei. Se l’austerità e l’equilibrio dei conti pubblici, pur necessari, diventano un dogma e un obiettivo in sé – senza alcuna attenzione per occupazione, investimenti, ricerca e formazione – finiscono per negare se stessi. Adesso c’è bisogno di correggere rotta, accelerando l’integrazione politica, economica e fiscale, vera condizione di una difesa dell’Euro e di una riorganizzazione del nostro modello sociale.
La sfida – e questa è la seconda direzione da imboccare – è portare a compimento le promesse tradite della moneta unica e integrare la più grande area commerciale del pianeta – perché questo siamo, e tuttora – in un modello di civiltà che nessun’altra nazione o continente è in grado di elaborare.
Salvare l’Europa nel pieno della crisi significa condividere il governo dell’emergenza finanziaria secondo proposte concrete che abbiamo da tempo avanzato assieme ai progressisti europei. Tali proposte determinano una prospettiva di coordinamento delle politiche economiche e fiscali. E dunque nuove istituzioni comuni, dotate di una legittimazione popolare e diretta. A questo fine i progressisti devono promuovere un patto costituzionale con le principali famiglie politiche europee. Anche per l’Europa, infatti, la prossima sarà una legislatura costituente in cui il piano nazionale e quello continentale saranno intrecciati stabilmente.
Una legislatura nella quale dovrà rivivere l’orizzonte ideale degli Stati Uniti d’Europa.
Qui vive la ragione che ci spinge a cercare un accordo di legislatura con le forze del centro moderato. Collocare il progetto di governo italiano nel cuore della sfida europea significa essere alternativi alle regressioni nazionaliste, antieuropee e populiste, da sempre incompatibili con le radici di un’Europa democratica, aperta, inclusiva.

4 Lavoro
La nostra visione assume il lavoro come parametro di tutte le politiche. Cuore del nostro progetto è la dignità del lavoratore da rimettere al centro della democrazia, in Italia e in Europa. Questa è anche la premessa per riconoscere la nuova natura del conflitto sociale. Fulcro di quel conflitto non è più solo l’antagonismo classico tra impresa e operai, ma il mondo complesso dei produttori, cioè delle persone che pensano, lavorano e fanno impresa. E questo perché anche lì, in quella dimensione più ampia, si stanno creando forme nuove di sfruttamento. Il tutto, ancora una volta, per garantire guadagni e lussi alla rendita finanziaria. Bisogna perciò costruire alleanze più vaste, oltre i confini tradizionali del patto tra produttori. La battaglia per la dignità e l’autonomia del lavoro, infatti, riguarda oggi il lavoratore precario come l’operaio sindacalizzato, il piccolo imprenditore o artigiano non meno dell’impiegato pubblico, il giovane professionista sottopagato al pari dell’insegnante o del ricercatore universitario.
Il primo passo da compiere è un ridisegno profondo del sistema fiscale che alleggerisca il peso sul lavoro e sull’impresa, attingendo alla rendita dei grandi patrimoni finanziari e immobiliari. Quello successivo è contrastare la precarietà, rovesciando le scelte della destra nell’ultimo decennio e in particolare l’idea di una competitività al ribasso del nostro apparato produttivo, quasi che rimasti orfani della vecchia pratica che svalutava la moneta, la risposta potesse stare nella svalutazione e svalorizzazione del lavoro. Il terzo passo è spezzare la spirale perversa tra bassa produttività e compressione dei salari e dei diritti, aiutando le produzioni a competere sul lato della qualità e dell’innovazione, punti storicamente vulnerabili del nostro sistema. Quarto passo è mettere in campo politiche fiscali a sostegno dell’occupazione femminile, ancora adesso uno dei differenziali più negativi per la nostra economia, in particolare al Sud. Farlo significa impegnarsi per sradicare i pregiudizi sulla presenza delle donne nel mondo del lavoro e delle professioni. A tale scopo è indispensabile alleggerire la distribuzione del carico di lavoro e di cura nella famiglia, sostenendo una riforma del welfare e varando un piano straordinario per la diffusione degli asili nido. Anche grazie a politiche di questo tipo sarà possibile sostenere concretamente le famiglie e favorire una ripresa della natalità. Insomma sul punto non servono altre parole: bisogna fare del tasso di occupazione femminile e giovanile il misuratore primo dell’efficacia di tutte le nostre strategie.
Infine, il lavoro è oggi per l’Italia lo snodo tra questione sociale e questione democratica.
Fondare sul lavoro e su una più ampia democrazia nel lavoro, la ricostruzione del Paese non è solo una scelta economica, ma l’investimento decisivo sulla qualità della nostra democrazia. Questo se pensiamo – e noi ne siamo convinti – che il lavoro non sia solo produzione, ma rete di relazioni, equilibrio psicologico, progetto e speranza di vita; la possibilità offerta a ciascuno di noi di trasformare la realtà.
5 Uguaglianza
L’Italia è divenuta negli anni uno dei Paesi più diseguali del mondo occidentale.
La crisi stessa trova origine – negli Stati Uniti come in Europa – da un aumento senza precedenti delle disuguaglianze. E dunque esiste, da tempo oramai, un problema enorme di redistribuzione che investe il rapporto tra rendita e lavoro, mettendo a rischio i fondamenti del welfare.
Sull’altro fronte, la ricchezza finanziaria e immobiliare è diventata sempre più inafferrabile, capace com’è di sfuggire a ogni vincolo fiscale e solidale. E però non si esce dalla crisi se chi ha di più non è chiamato a dare di più. In altre parole, è la crisi stessa a insegnarci che la giustizia sociale non è pensabile come derivata della crescita economica, ma ne fonda il presupposto. Ciò significa che la ripresa economica richiede politiche di contrasto alla povertà, anche in un Paese come il nostro dove il fenomeno sta assumendo caratteri nuovi e dimensioni angoscianti. I “nuovi poveri”, per altro, continuano ad assistere allo scandalo di rendite o emolumenti cresciuti a livelli indecenti, a ricchezze e proprietà smodate che si sottraggono a qualunque vincolo di solidarietà. A tutto questo bisogna finalmente mettere un argine.
Per noi parlare di uguaglianza significa guardare la società con gli occhi degli “ultimi”. Di coloro che per vivere faticano il doppio: perché sono partiti da più indietro o da più lontano o perché sono diversamente abili. Se poi guardiamo alle generazioni più giovani, il tema dell’uguaglianza si presenta prima di tutto come possibilità di scelta e parità delle condizioni di accesso alla formazione, al lavoro, a un’affermazione piena e libera della loro personalità. Superare le disuguaglianze di genere è l’altra grande sfida per ricostruire il Paese su basi moderne e giuste. Non a caso, ancora una volta, il simbolo più forte di una riscossa civica e morale è venuto dal movimento delle donne. Su questo piano la politica, il Parlamento e il governo devono assumere la democrazia paritaria come traguardo della democrazia tout court.
Nessun discorso sull’uguaglianza sta in piedi se non si rimette il Mezzogiorno al centro dell’agenda. Le disuguaglianze territoriali, infatti, sono sempre anche disuguaglianze nei diritti e nelle opportunità. L’Italia è cresciuta quando Sud e Nord hanno scelto di avanzare assieme. Viceversa quando la forbice si è allargata, l’Italia tutta si è distanziata dall’Europa. Sostenere, come la destra ha fatto per anni, che il Nord poteva farcela da solo è stato un modo ipocrita di blandire una parte del ceto produttivo. Tutt’altra cosa è combattere sprechi e inefficienze con una nuova strategia nazionale d’intervento. Il punto è farlo assieme al senso di responsabilità di tante amministrazioni e movimenti meridionali impegnati a correggere le storture di vecchi regionalismi e localismi clientelari e a promuovere legalità, civismo e lavoro.Infine, al capitolo dell’uguaglianza è legata a filo doppio la questione di una giustizia civile e penale al servizio del cittadino. Su questo piano è superfluo ricordare che gli anni della destra al governo hanno sprangato ogni spiraglio a un intervento riformatore. Diciamo che si sono occupati pochissimo dello stato di diritto e molto del diritto di uno soltanto che si riteneva proprietario dello Stato. Ma così a pagare due volte sono stati i cittadini più deboli: quelli che hanno davvero bisogno di una giustizia civile e penale rapida, imparziale, efficiente. Nella prossima legislatura il tema dovrà essere affrontato dal punto di vista della dignità e dei diritti di tutti e non più dei potenti alla ricerca d’impunità.
6 Sapere
La dignità del lavoro e la lotta alle disuguaglianze s’incrociano nel primato delle politiche per l’istruzione e la ricerca. Non c’è futuro per l’Italia senza un contrasto alla caduta drammatica della domanda d’istruzione registrata negli ultimi anni.
E’ qualcosa che trova espressione nell’abbandono scolastico, nella flessione delle iscrizioni alle nostre università, nella sfiducia dei ricercatori e nella demotivazione di un corpo insegnante sottopagato e sempre meno riconosciuto nella sua funzione sociale e culturale.
In questo caso più che dalle tante indicazioni programmatiche, conviene partire da un principio: nei prossimi anni, se vi è un settore per il quale è giusto che altri ambiti rinuncino a qualcosa, è quello della ricerca e della formazione. Dalla scuola dell’infanzia e dell’obbligo alla secondaria e all’università: la sfida è avviare il tempo di una società della formazione lunga e permanente che non abbandoni nessuno lungo la via della crescita, dell’aggiornamento, di possibili esigenze di mobilità. Solo così, del resto, si formano classi dirigenti all’altezza, e solo così il sapere riacquista la sua fondamentale carica di emancipazione e realizzazione di sé.
A fronte di questo impegno, garantiremo processi di riqualificazione e di rigore della spesa, avendo come riferimento il grado di preparazione degli studenti e il raggiungimento degli obiettivi formativi. La scuola e l’università italiane, già fiaccate da un quindicennio di riforme inconcludenti e contraddittorie, hanno ricevuto nell’ultima stagione un colpo quasi letale. Ora si tratta di avviare un’opera di ricostruzione vera e propria. Nella prossima legislatura partiremo da un piano straordinario contro la dispersione scolastica, soprattutto nelle zone a più forte infiltrazione criminale, dal varo di misure operative per il diritto allo studio, da un investimento sulla ricerca avanzata nei settori trainanti e a più alto contenuto d’innovazione. Tutto ciò nel quadro del valore universalistico della formazione, della promozione della ricerca scientifica e della ricerca di base in ambito umanistico.

7 Sviluppo sostenibile
Sviluppo sostenibile per noi vuol dire valorizzare la carta più importante che possiamo giocare nella globalizzazione, quella del saper fare italiano. Sarebbe sciocco pensare che nel mondo nuovo l’Italia possa inseguire nazioni molto più grandi e popolose di noi. Se una chance abbiamo, è quella di una Italia che sappia fare l’Italia. Da sempre la nostra forza è stata quella di trasformare con il gusto, la duttilità, la tecnica e la creatività, materie prime spesso acquistate all’estero. O di usare al meglio il nostro territorio, che non è solo arte e bellezza naturale, ma bacino di risorse, creatività, talento.
Il decennio appena trascorso è stato particolarmente pesante per il nostro sistema produttivo. L’ingresso nell’euro e la fine della svalutazione competitiva hanno prodotto, con la concorrenza della rendita finanziaria, una caduta degli investimenti in innovazione tecnologica e nella capitalizzazione delle imprese, con l’aumento dell’esportazione di capitali. Anche in questo caso è tempo di cambiare spartito e ridare centralità alla produzione. Una politica industriale “integralmente ecologica” è la prima e più rilevante di queste scelte. Si tratta di sviluppare prodotti e servizi innovativi in quei settori che, in un mercato globale sempre più attento alle sfide ambientali, rendano l’Italia un punto di riferimento essenziale.
Noi immaginiamo un progetto-Paese che individui grandi aree d’investimento, di ricerca, di innovazione verso le quali orientare il sistema delle imprese, nell’industria, nell’agricoltura e nei servizi. La qualità e le tipicità, mobilità sostenibile, risparmio ed efficienza energetica, le scienze della vita, le tecnologie legate all’arte, alla cultura e ai beni di valore storico, l’agenda digitale, le alte tecnologie della nostra tradizione. Bisogna inoltre dare più forza e prospettiva alle nostre piccole e medie imprese aiutandole a collegarsi fra loro, a capitalizzarsi, ad accedere alla ricerca ed alla internazionalizzazione.
C’è molto da fare. Mettere al centro in Italia l’economia reale e le forze che la promuovono, è un grande tema politico e culturale. Una vera svolta, dopo gli anni di una destra che ha lasciato nell’oscurità le prospettive produttive del Paese.
8 Beni comuni
Per noi sanità, istruzione, sicurezza, ambiente, sono campi dove, in via di principio, non dev’esserci il povero né il ricco. Perché sono beni indisponibili alla pura logica del mercato e dei profitti. Sono beni comuni – di tutti e di ciascuno – e definiscono il grado di civiltà e democrazia del Paese.
Ancora, l’energia, l’acqua, il patrimonio culturale e del paesaggio, le infrastrutture dello sviluppo sostenibile, la rete dei servizi di welfare e formazione, sono beni che devono vivere in un quadro di programmazione, regolazione e controllo sulla qualità delle prestazioni.
Per tutto questo, introdurremo normative che definiscano i parametri della gestione pubblica o, in alternativa, i compiti delle autorità di controllo a tutela delle finalità pubbliche dei servizi. In ogni caso non può venir meno una responsabilità pubblica dei cicli e dei processi, che garantisca l’universalità di accesso e la sostenibilità nel lungo periodo.
La difesa dei beni comuni è la risposta che la politica deve a un bisogno di comunità che è tornato a manifestarsi anche tra noi. I referendum della primavera del 2011 ne sono stati un’espressione fondamentale. È tramontata l’idea che la privatizzazione e l’assenza di regole siano sempre e comunque la ricetta giusta. Non si tratta per questo di tornare al vecchio statalismo o a una diffidenza preventiva verso un mercato regolato. Il punto è affermare l’idea che questi beni riguardano il futuro dei nostri figli e chiedono pertanto una presa in carico da parte della comunità.
In questo disegno la maggiore razionalità e la valorizzazione del tessuto degli enti locali sono essenziali, non solo per la funzione regolativa che sono chiamati a svolgere, ma perché il presidio di democrazia, partecipazione e servizi che assicurano è in sé uno dei beni più preziosi per i cittadini. Superare le duplicazioni, riqualificare la spesa, devono perciò accompagnarsi ad un nuovo e rigoroso investimento sul valore dell’autogoverno locale che, soprattutto nella crisi, non va visto, così come ha fatto la destra, come una specie di malattia, ma piuttosto come una possibile medicina. A sua volta l’autogoverno
locale deve offrire spazi e occasioni alla sussidiarietà, alle forme di partecipazione civica, ai protagonisti del privato sociale e del volontariato.

9 Diritti
Per i democratici e i progressisti la dignità della persona umana e il rispetto dei diritti individuali sono la bussola del mondo nuovo e la cornice generale entro cui trovano posto tutte le nostre scelte di programma.
La storia per altro insegna – e questa crisi lo conferma – che non esiste una gerarchia dei diritti e che l’azione per il loro riconoscimento e la loro affermazione vive di una tensione continua sul piano politico e sociale. In particolare, noi guardiamo oggi nel mondo alla lotta di popoli interi per la difesa dei diritti umani, a iniziare da quelli delle donne. E crediamo sia compito della politica, dei parlamenti e dei governi affermare l’indivisibilità dei diritti: politici, civili e sociali.
Anche su questo terreno l’Europa è per la politica dei singoli Stati un riferimento essenziale. A partire dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea proclamata per la prima volta a Nizza nel 2000 e dal Piano europeo di contrasto alle discriminazioni: di genere, orientamento sessuale, etnia, religione, età, portatori di differenti abilità.
Nel nostro caso questo significa l’impegno a perseguire il contrasto verso ogni violenza contro le donne e a una legge urgente contro l’omofobia. Sul piano dei diritti di cittadinanza l’Italia attende da troppo tempo una legge semplice ma irrinunciabile: un bambino, figlio d’immigrati, nato e cresciuto in Italia, è un cittadino italiano. L’approvazione di questa norma sarà simbolicamente il primo atto che ci proponiamo di compiere nella prossima legislatura.
Daremo sostanza normativa al principio riconosciuto dalla Corte costituzionale, per il quale una coppia omosessuale ha diritto a vivere la propria unione ottenendone il riconoscimento giuridico Su temi che riguardano la vita e morte delle persone, la politica deve coltivare il senso del proprio limite e il legislatore deve intervenire sempre sulla base di un principio di cautela e di laicità del diritto. Per evitare i guasti di un pericoloso “bipolarismo etico” che la destra ha perseguito in questi anni, è necessario assumere come riferimento i principi scolpiti nella prima parte della nostra Costituzione e, a partire da quelli, procedere alla ricerca di punti di equilibrio condivisi, fatte salve la libertà di coscienza e l’inviolabilità della persona nella sua dignità.
10 Responsabilità
L’Italia ha bisogno di un governo e di una maggioranza stabili e coesi. Di conseguenza l’imperativo che democratici e progressisti hanno di fronte è quello dell’affidabilità e della responsabilità. Per questa ragione, nel momento stesso in cui chiamiamo a stringere un patto di governo movimenti, associazioni, liste civiche, singole personalità e cittadini che condividono le linee di questo progetto, vogliamo assumere insieme, dinanzi al Paese, alcuni impegni espliciti e vincolanti.
Le forze della coalizione, in un quadro di lealtà e civiltà dei rapporti, si dovranno impegnare a:
• sostenere in modo leale e per l’intero arco della legislatura l’azione del premier scelto con le primarie;
• affidare a chi avrà l’onere e l’onore di guidare la maggioranza, la responsabilità di una composizione del governo snella, sottratta a logiche di spartizione e ispirata a criteri di competenza, rinnovamento e credibilità interna e internazionale;
• vincolare la risoluzione di controversie relative a singoli atti o provvedimenti rilevanti a una votazione a maggioranza qualificata dei gruppi parlamentari convocati in seduta congiunta;
• assicurare il pieno sostegno, fino alla loro eventuale rinegoziazione, degli impegni internazionali già assunti dal nostro Paese o che dovranno esserlo in un prossimo futuro;
• appoggiare l’esecutivo in tutte le misure di ordine economico e istituzionale che nei prossimi anni si renderanno necessarie per difendere la moneta unica e procedere verso un governo politico-economico federale dell’eurozona.

I democratici e i progressisti s’impegnano altresì a promuovere un “patto di legislatura” con forze liberali, moderate e di Centro, d’ispirazione costituzionale ed europeista, sulla base di una responsabilità comune di fronte al passaggio storico, unico ed eccezionale, che l’Italia e l’Europa dovranno affrontare nei prossimi anni.

* Abbiamo alle spalle il decennio di una destra impregnata di promesse e parole che hanno reso più confuse e opache la politica e l’azione del governo.
Mentre davanti a noi l’ansia del cambiamento si sente con più forza. Noi – i democratici e i progressisti – questa volta non inviteremo a sognare. Insieme con il Paese che resiste e vuole ripartire apriremo bene gli occhi e ascolteremo.
Assumeremo degli impegni. Discuteremo con la società consapevole i traguardi di un’Italia da rifare. Siamo pronti e non siamo soli. Siamo convinti di avere cose da dire, e soprattutto molte cose da fare.
Per l’Italia, bene comune.

SETEMBRO 2012

 Le foto piú belle del mese...

NEW YORK

La cittá del presente...

***

Il Lavoro non nobilita piú...

Dove stiamo andando – E’ messo radicalmente in discussione il principio centrale al quale l’idea della "piena occupazione" era legata. Essa includeva infatti una relativa sicurezza per le persone, compresa la possibilità di progettare la propria vita. Un’evoluzione che lo rende sempre meno in grado di offrire il perno intorno al quale legare la definizione di sé e ha anche effetti disastrosi sul tessuto democratico di un paese.

 

Malgrado i cosiddetti esperti del "palazzo" rimangano inclini a sostenere il contrario, si può ritenere che ci si sia ormai incamminati verso la fine della società della "piena occupazione". Quanto meno intesa nel senso classico. Vale a dire quella auspicata e garantita nella seconda metà del secolo scorso. In particolare nei i paesi occidentali.

In effetti, nella cultura politica e sociale di quegli anni, il principio ed il significato di "piena occupazione" coincideva sostanzialmente con "lavoro normale", "stabile". Stabilità che consentiva ad ognuno di apprendere e praticare un mestiere. Sia manuale che intellettuale. Con la ragionevole speranza di poterlo effettuare per tutta la vita. O, tutt’al più, con la probabilità di cambiarlo al massimo un paio di volte. Il che gli avrebbe comunque garantito, assieme alla realizzazione di sé stesso, le condizioni materiali dell’esistenza. Non esclusa una plausibile speranza di miglioramento nel futuro.

Ora il lavoratore si ritrova invece in una condizione totalmente diversa. Perché quella modalità di occupazione è stata completamente rivoluzionata: dal nomadismo del capitale e dalla sedentarietà del lavoro, dalla tecnologia informatica, dalla globalizzazione economico-finanziaria, dalla frammentazione del mercato del lavoro. Una delle principali conseguenze è che il lavoro si è flessibilizzato, spezzettato, nelle sue dimensioni: spaziali, temporali, contrattuali. Si assiste così al dilagare del lavoro intermittente, precario, falsamente autonomo, a tempo determinato. A volte persino senza alcun contratto. Posto cioè nella zona grigia del lavoro informale. Crescono infatti i "lavoretti". Quelli di poche centinaia di euro al mese. Lavoretti che si stanno diffondendo a macchia d’olio. E non solo in settori, come l’agricoltura o alcuni ambiti dei servizi, in cui può essere richiesta una bassa qualificazione.

 

La diffusione di queste forme di attività mette quindi radicalmente in discussione il principio centrale al quale l’idea della "piena occupazione", perseguita nel corso della società industriale, era legata. Essa includeva infatti una relativa sicurezza per le persone, compresa la possibilità di progettare la propria vita. Questa rottura ha contribuito in maniera significativa al mutamento della natura e del significato del lavoro dipendente. Tanto nella sfera individuale, che in quella sociale. Al punto che il termine "arrabattarsi" può risultare persino più adatto a caratterizzare la mutata sostanza del lavoro. Sia perché, valutato realisticamente e nei suoi termini attuali, lo sfronda dal mito di riscatto universale per il genere umano e da quello non meno grandioso di una vocazione lunga una vita. Poi perché, liberato dai suoi orpelli escatologici e recise le sue radici metafisiche, il lavoro ha definitivamente perso la centralità attribuitagli all’epoca della società e del capitalismo industriale. Proprio questa evoluzione lo rende sempre meno in grado di offrire il perno intorno al quale legare la definizione di sé. La propria identità, i propri progetti di vita: individuale, familiare e sociale. Naturalmente il risultato di questo mutamento rende anche sempre più difficile immaginarlo nel ruolo di fondamento etico della società. O di asse etico della vita individuale. Malgrado l’uno e l’altro aspetto continuino a restare preminenti nella retorica del discorso pubblico e nella letteratura sul lavoro.

Considerati i termini reali dell’evoluzione in atto, non sorprende affatto quindi che per molti, inclusa soprattutto una buona parte di giovani, il lavoro abbia acquisito (insieme ad altre attività della vita) un significato principalmente estetico. Essi si aspettano infatti che possa essere gratificante di per sé, anziché essere valutato in base agli effetti reali o presunti che può arrecare al prossimo, allo sviluppo del paese. Per non parlare di felicità delle generazioni successive. D’altra parte, solo pochissime persone e solo assai di rado, possono vantare il privilegio, il prestigio, l’onore, di svolgere un lavoro importante e vantaggioso per l’intera comunità. Oltre tutto, sempre più raramente ci si può attendere che il lavoro (che nella maggior parte dei casi è appunto spezzettato, frantumato, privo di significati percettibili) "nobiliti" chi lo esercita. Lo renda cioè una persona migliore. Tant’è vero che piuttosto infrequentemente c’è chi può essere ammirato ed elogiato per tale motivo. Mentre, sempre più spesso, molti misurano e valutano il lavoro soprattutto in base alla capacità di "intrattenere e divertire". Di "soddisfare". Non tanto la vocazione etica del produttore, quanto i bisogni estetici del consumatore. In particolare di chi cerca sensazioni e colleziona esperienze. Resta il fatto che poiché i lavori creativi e gratificanti per chi li svolge sono piuttosto rari, in molte persone tende a crescere la delusione, l’insoddisfazione, la frustrazione. Sia per il lavoro che manca, che per la qualità del lavoro effettivamente disponibile.

Non sorprende perciò più di tanto che in una conferenza sul significato del lavoro esso sia stato definito da un giovane come "quella cosa che preferiremmo non fare". In effetti, a dispetto di quanti sostengono di amare il proprio lavoro, questa definizione negativa appare la più aderente ai sentimenti di gran parte dei lavoratori. Per lo meno della maggioranza di chi ogni mattina è costretto ad abbandonare di malavoglia il letto. Osserva nello specchio con rassegnazione le proprie borse sotto gli occhi. Si scaraventa fuori dalla porta di casa. Mugugna frustrato ad ogni ingorgo. Oppure è costretto a lottare per un posto su un treno dei pendolari sporco, sovraffollato, e quasi sempre in ritardo. Poi per riuscire a prendere posto su un autobus. Questa descrizione della vita quotidiana calza probabilmente a pennello per coloro che, nel corso della giornata, rivolgono sguardi speranzosi alla lancetta dei minuti che avanza, lenta ma inesorabile verso l’ora d’uscita. Per coloro che temono l’arrivo alle spalle del capo. Per coloro, e sono probabilmente la maggioranza, che si ritrovano a compiere una lavoro parcellizzato, ripetitivo, assolutamente privo di senso.

Sappiamo bene che questa rappresentazione, per quanto realistica, non trova nessun riscontro nella retorica sul lavoro che dilaga nel dibattito pubblico. Non trova riscontro nella sua enfasi etico-epica. Questo cosa significa? Che rispetto alle sensazioni, ai sentimenti veri delle persone il problema è inutilmente amplificato? Assolutamente no. Per almeno un duplice ordine di ragioni. La prima è che, malgrado tante cose siano cambiate e stiano cambiando – inclusi la cultura del lavoro, il rapporto tra l’uomo ed il lavoro, l’organizzazione e la qualità del lavoro – il lavoro (anche nella società contemporanea) continua a restare un elemento essenziale per la definizione di sé. Della  propria identità. Infatti nei rapporti sociali continuiamo ad "essere" anche in rapporto a ciò che facciamo. A cominciare dal fatto che abbiamo o non abbiamo un lavoro. Anche perché esso rimane un elemento insostituibile per il proprio reddito e per i propri progetti di vita.

Naturalmente essere senza lavoro non significa morire necessariamente di fame, come spesso capitava invece alle generazioni precedenti. Ma significa sempre sentirsi personalmente e socialmente esclusi. Il che spiega perché, nelle purtroppo sempre maggiori situazioni di chiusure di imprese, i lavoratori coinvolti esprimano tutta la loro angoscia, il loro sconforto. Che, in alcuni casi, arriva fino ad ipotizzare gesti disperati. Soprattutto quando le persone implicate non riescono più ad immaginare come fare fronte  alla sequela di disavventure che possono ricadere sulla propria vita e su quella dei propri familiari.

Collegata a questa, ed è la seconda ragione, la perdita e la mancanza del lavoro ha effetti disastrosi sul tessuto democratico di un paese. Purtroppo questo aspetto non viene normalmente discusso con la necessaria consapevolezza. Infatti, come ha spiegato largamente e chiaramente Ulrich Beck, il lavoro retribuito è la precondizione perché una democrazia possa essere vitale. In fin dei conti le sicurezze sociali, compresa una relativa assicurazione per i rischi del mercato del lavoro, sono il presupposto perché i diritti e le libertà politiche diventino una realtà effettiva. D’altra parte la società del lavoro (che in Italia è sancita niente meno che nel primo articolo della Costituzione) presuppone il lavoro e, dunque, cittadini lavoratori. Ed il "cittadino lavoratore" è colui che, da un lato, cerca di costruire condizioni di vita accettabili per sé e per la sua famiglia. Dall’altro, partecipa alla vita politica e democratica con l’intento di rendere praticabili speranze condivise. Da questo punto di vista non si sottolineerà mai abbastanza che lo Stato sociale non è soltanto una assicurazione contro i rischi del mercato del lavoro. Ma è la pietra angolare della democrazia. Perché se una persona non ha un lavoro e quindi un reddito, non ha un tetto sulla testa, non può vestire e nutrire adeguatamente i suoi figli, è piuttosto difficile aspettarsi che possa impegnarsi attivamente come cittadino. (Pierre Carniti)

AGOSTO 2012

        

Le Foto piú belle del mese

 

 

  PESCHE FINTE ALL’ALCHERMES...

  Le finte pesche all’alchermes sono dolci dal bellissimo impatto visivo, costituiti da un morbido corpo di pasta biscotto ripieno di crema pasticcera.
Il Il colore rosato e l’effetto” buccia di pesca” sono dati da un bagno nell’alchermes e un tuffo nello zucchero semolato.

              

IL MEDAGLIERE DELLE OLIMPIADI DI LONDRA 2012

1

Usa

46

29

29

104

2

Cina

38

27

22

87

3

Gran Bretagna

29

17

19

65

4

Russia

24

25

33

82

5

Sud Korea

13

8

7

28

6

Germania

11

19

14

44

7

Francia

11

11

12

34

8

ITALIA

8

9

11

28

9

Ungheria

8

4

5

17

10

Australia

7

16

12

35

11

Giappone

7

14

17

38

12

Kazakhstan

7

1

5

13

13

Olanda

6

6

8

20

14

Ucraina

6

5

9

20

15

Cuba

5

3

6

14

16

Nuova Zelanda

5

3

5

13

17

Iran

4

5

3

12

18

Jamaica

4

4

4

12

19

Repubblica ceca

4

3

3

10

20

Nord Korea

4

0

2

6

21

Spagna

3

10

4

17

22

BRASILE

3

5

9

17

23

Bielorussia

3

5

5

13

24

Sud Africa

3

2

1

6

25

Etiopia

3

1

3

7

26

Croazia

3

1

2

6

27

Romania

2

5

2

9

28

Kenya

2

4

5

11

29

Danimarca

2

4

3

9

30

Azerbaijan

2

2

6

10

30

Polonia

2

2

6

10

32

Turchia

2

2

1

5

33

Svizzera

2

2

0

4

34

Lituania

2

1

2

5

35

Norvegia

2

1

1

4

36

Canada

1

5

12

18

37

Svezia

1

4

3

8

38

Colombia

1

3

4

8

39

Georgia

1

3

3

7

39

Messico

1

3

3

7

41

Irlanda

1

1

3

5

42

Argentina

1

1

2

4

42

Slovenia

1

1

2

4

42

Serbia

1

1

2

4

45

Tunisia

1

1

1

3

46

Repubblica Dominicana

1

1

0

2

47

Trinidad and Tobago

1

0

3

4

47

Uzbekistan

1

0

3

4

49

Lettonia

1

0

1

2

50

Algeria

1

0

0

1

50

Bahamas

1

0

0

1

50

Grenada

1

0

0

1

50

Uganda

1

0

0

1

50

Venezuela

1

0

0

1

55

India

0

2

4

6

56

Mongolia

0

2

3

5

57

Tailandia

0

2

1

3

58

Egitto

0

2

0

2

59

Slovacchia

0

1

3

4

60

Armenia

0

1

2

3

60

Belgio

0

1

2

3

60

Finlandia

0

1

2

3

63

Bulgaria

0

1

1

2

63

Estonia

0

1

1

2

63

Indonesia

0

1

1

2

63

Malesia

0

1

1

2

63

Porto Rico

0

1

1

2

63

Taipei

0

1

1

2

69

Botswana

0

1

0

1

69

Cipro

0

1

0

1

69

Gabon

0

1

0

1

69

Guatemala

0

1

0

1

69

Montenegro

0

1

0

1

69

Portogallo

0

1

0

1

75

Greece

0

0

2

2

75

Moldavia

0

0

2

2

75

Qatar

0

0

2

2

75

Singapore

0

0

2

2

79

Afghanistan

0

0

1

1

79

Bahrain

0

0

1

1

79

Hong Kong

0

0

1

1

79

Saudi Arabia

0

0

1

1

79

Kuwait

0

0

1

1

79

Marocco

0

0

1

1

79

Tajikistan

0

0

1

1

JULHO 2012

UMBRIA - Luglio 2012

Per i corregionali che andranno in Umbria in occasione delle vacanze estive...

Sagre e Feste qua e lá per l'Umbria:

http://www.giornaledellumbria.it/article40252.html

***

ROMA 02-07-2012

Dibattito serrato in Aula sì a Senato Federale e fa fuori gli eletti allestero

L’emendamento passa senza eletti all’estero. Il provvedimento torna ora in Commissione per l'esame degli emendamenti in tema di presidenzialismo e per la nomina di un nuovo relatore, che sostituirà Vizzini. Con 153 voti a favore, 136 contrari, 5 astenuti il Senato ha dato ieri il primo contestatissimo via libera al Senato federale e alla contestuale eliminazione dei senatori eletti all’estero. Dibattito infuocato in Aula, con Lega e Pdl che votano a favore dell’emendamento che istituisce il Senato federale, con il senatore Vizzini che rassegna le dimissioni da relatore perché il testo approvato dall’Aula contraddice quanto esaminato e votato in Commissione Affari Costituzionali.In mezzo, un dibattito serrato cui intervengono, tra gli altri, anche i senatori D’Alia, Fantetti e Micheloni per avere chiarimenti sugli eletti all’estero che spariscono dal Senato che, secondo l’emendamento approvato, sarebbe formato da 250 senatori eletti a suffragio universale e diretto su base regionale (nessuna Regione può avere un numero di senatori inferiore a sei, il Molise ha due senatori e la Valle d'Aosta uno), cui si aggiunge la partecipazione di un rappresentante per ogni Regione eletto da ciascun consiglio o assemblea regionale fra i propri componenti all'inizio di ciascuna legislatura regionale.Un contingente che dovrebbe votare in materie di legislazione concorrente ovvero di interesse degli enti territoriali, ma senza essere membri del Parlamento e senza ricevere indennità. Al contrario, come i senatori, ad essi si applicherebbe la prerogativa dell'insindacabilità delle opinioni espresse e dei voti dati nell'esercizio delle loro funzioni, come previsto dalla Costituzione.

Come accennato, durante il dibattito D’Alia (UDC-SVP-AUT:UV-MAIE-VN-MRE-PLI-PSI) ha chiesto chiarimenti sui senatori eletti all'estero: "potremmo trovarci nella paradossale situazione in cui la Camera dei deputati, secondo la votazione che abbiamo fatto la scorsa settimana, vede una riduzione del numero dei parlamentari cui si associa una riduzione del numero dei deputati eletti all'estero, ma comunque un loro mantenimento, mentre emergerebbe dalla formulazione del testo che il Senato non vedrebbe senatori eletti all'estero. Volevo allora capire se è un refuso oppure se si tratta di una proposta precisa, perché credo sia giusto anche per i colleghi senatori eletti all'estero qui presenti avere ben chiaro ciò di cui ci stiamo occupando e su cui siamo chiamati a votare".Stessa cosa ha fatto il senatore Fantetti (PdL): "in attesa di ricevere un'interpretazione definitiva, sollecitata anche dall'illustre collega, presidente D'Alia, vorrei significare a quest'Assemblea, anche per conto del senatore Giordano, che per noi appare dirimente il fatto che, nella suddivisione delle competenze tra le Camere, sia pur sempre garantita - nella Camera che si riterrà più coerentemente esposta agli interessi della rappresentanza degli italiani all'estero - una consistenza numerica in linea con quella già in essere, o per lo meno in linea con quella prevista nella bozza della Commissione affari costituzionali, che prevedeva una riduzione più o meno proporzionale a quella prevista per l'intera Assemblea. Si tratta dunque di un numero che rispetti una fascia compresa tra i 12 membri previsti dalla Commissione affari costituzionali e i 18 attualmente presenti. Sulla ripartizione delle funzioni delle Camere, ci rimettiamo alla decisione delle Aule, ma è per noi inderogabile che sia rispettata questa consistenza. Boscetto (PdL) è quindi intervenuto a sostegno dell’emendamento, ma anche per assicurare Fantetti che "la questione dei senatori all'estero verrà risolta in un seguito del provvedimento e non in questa sede. Certamente non dimenticheremo la rappresentanza estera, anche se potrebbe diventare una rappresentanza applicata per intero alla Camera e non per i quattro membri indicati per il Senato. La questione però - lo ripeto - dovrà essere valutata in futuro".Senatore Pd Micheloni ha sostenuto che "se si voleva aprire un dibattito sulla presenza della circoscrizione Estero nell'una o nell'altra Camera, la proposta era legittima. Altrettanto legittimo è pensare che avrebbe avuto più senso la presenza, in un Senato federale, di rappresentanti delle comunità all'estero come un territorio a sé che partecipa ad un dibattito sui territori. Dunque, farlo in questo modo mi sembra assolutamente inaccettabile. Pertanto, per favore, prima di passare al voto, vorrei una risposta alla domanda che ha posto il presidente D'Alia, anche perché, come ho detto quando abbiamo parlato della Camera, lavorare sulla riforma della Costituzione in questo modo a me fa venire i brividi".

La questione rimane senza risposta, l’emendamento passa senza eletti all’estero. Il provvedimento torna ora in Commissione per l'esame degli emendamenti in tema di presidenzialismo e per la nomina di un nuovo relatore, che sostituirà Vizzini.

JUNHO 2012

Le Foto piú belle del Mese

02.06.2012 - Roma Festa della Repubblica

Prima di parlare della Festa della Repubblica 2012 che festeggiamo oggi 2 giugno, vorrei ricordare che ci sono ancora molte polemiche circa la parata militare che si svolgerà oggi ai Fori Imperiali. Il terremoto del 29 maggio ha spinto numerose persone, giornalisti, bloggers e alcuni politici a proporre la sospensione delle celebrazioni (o perlomeno della parata) per finanziare l'emergenza nel nord Italia. L'aumento dell'accisa di 2 centesimi che è stata approvata tramite decreto è la solita soluzione all'italiana, dove si colpisce chi è stato sempre colpito. Ricordiamoci che, a seguito del terremoto in Friuli, la parata del 1976 venne annullata per permettere alle forze armate di aiutare i terremotati in difficoltà, piuttosto che sfilare a Roma.

Il 2 e 3 giugno del 1946 agli italiani venne chiesto, tramite un referendum istituzionale indetto a suffragio universale, si scegliere tra due forme di governo possibili: monarchia o repubblica. Il forte sentimento antifascista e antimonarchico fece registrare numeri inaspettati, tanto che l'Italia storicamente monarchica perse questa maggioranza a causa di 12.718.641 di italiani che preferirono la repubblica (contro i circa 10 milioni che scelsero di salvare i monarchi). Due anni dopo ci furono le prime celebrazioni della Festa con la parata militare ai Fori Imperiali. Nel 1950, dopo l'ingrezzo nella NATO, la Festa della Repubblica assunse carattere ufficiale con l'inserimento nel protocollo delle celebrazioni ufficiali.

La parata prevede la deposizione di una corona d'alloro al Milite Ignoto presso l'Altare della Patria. La celebrazione procede con la parata al cospetto delle più alte cariche istituzionali. Alla sfilata prendono parte le Forze Armate, le Forze di Polizia, Polizia Municipale, Vigili del Fuoco, Polizie locali, Croce Rossa, Protezione Civile e varie delegazioni internazionali (ONU NATO, UE, ecc)
Nel pomeriggio la celebrazione della Festa della Repubblica prosegue con l'apertura dei giardini del palazzo del Quirinale dove suonano i complessi bandistici dell'Esercito Italiano, della Marina, dell'Aeronautica, dei Carabinieri, della Polizia, della Guardia di Finanza, del Corpo di Polizia Penitenziaria e del Corpo Forestale.
( Danilo Petrozzi ).

 

MAIO 2012

I 10 volti piú belli:

Le 10 cittá piú care del mondo:

Luanda - Angola

 N'Djamena- Ciad

Osaka Giappone

Mosca - Russia

Tokio - Giappone

Zurigo - Svizzera

Singapore

Ginevra - Svizzera

Hong - Kong

Sao Paulo - Brasil

***

REGIONE UMBRIA

IMPORTANTE SOSTENITORE e ATTORE

DELLA

COOPERAZIONE DECENTRATA BRASILE - ITALIA

21-24 Maio 2012

Gli Umbri partecipano attivamente alle attivitá di Cooperazione Decentrata Brasile - Italia

Gli Umbri partecipano attivamente alle attivitá di Cooperazione Decentrata Brasile - Italia

Gabinete Presidencia Republica Do Brasil em Sao Paulo,

encontro con o

MINISTRO GILBERTO CARVALHO

Cristina Sampaio, Gherardo La Francesca Ambasciatore d'Italia in Brasile e il Ministro Gilberto Carvalho durante il suo saluto

Il Presdiente della Regione Marche Gian Mario Spacca e il Sottosgretario di Stato Ministero Affari Esteri Marta Dassú

Sandro Benedetti Presidente Associazione Umbri do Brasil e Maurizio Calisti Diretor Meccanotecnica Umbra do Brasil

Gian Battista Serra, Pietro Mignozzetti, Maurizio Calisti, Mattia Broggi, Gildo Alidori, Massimiliano Broggi 

***

Primo maggio: 5 libri per celebrare la Festa dei lavoratori

Nei primi giorni di maggio del 1886 a Chicago centinaia di lavoratori reclamavano nelle piazze il diritto alla giornata di otto ore. Nei violenti scontri persero la vita diversi manifestanti colpiti dalla polizia, ma il loro sacrificio e la continua resistenza portarono a buon fine la causa con una legge promulgata nel 1887. Da allora, in tutto il mondo, il Primo maggio è diventata la ricorrenza dedicata all’impegno dei movimenti sindacali e ai diritti conquistati dai lavoratori.

Andrea Camilleri, Ugo Cornia, Laura Pariani, Ermanno Rea, Francesco Recami e Fabio Stassi sono gli autori di questa raccolta di racconti. Sei scrittori per sei storie che rappresentano in modi diversi il lavoro, visto sempre sotto gli aspetti legati alla sfera umana più che a quella economica o produttiva. Lo si intuisce dal titolo, il primo articolo della Costituzione, che fa del lavoro la sostanza stessa dell’essere cittadino.

Da Camilleri a Paolo Villaggio, dalla tragedia della TyssenKrupp ai curiosi accostamenti tra lavoro e letteratura di Alberto Peretti, ecco allora cinque libri per celebrare la Festa dei lavoratori.

ThyssenKrupp. L’inferno della classe operaia – Diego Novelli

La sindrome di Starbuck e altre storie. Il lavoro attraverso la letteratura – Alberto Peretti

12.47: strage in fabbrica – Saverio Fattori

Fantozzi – Paolo Villaggio

ABRIL 2012

Le piú belle foto del mese...

Regione Umbria

Prati fioriti

Castelluccio primavera 2012

Lago di Piedilugo primavera 2012

***

ASSOCIAÇÃO UMBRI DO BRASIL

CONVOCAÇÃO ASSEMBLÉIA GERAL ORDINÁRIA

12.05.2012

***

19.04.2012 - A vele spiegate verso la Grecia...

Verso l’estorsione sistematica di proprietà pubblica e privata

***

18.04.2012 - Apple e i suoi 100 miliardi...

 

Di Fabio Deotto

Quando una compagnia si trova ad accumulare nelle proprie casse la bellezza di 100 miliardi di dollari, è ragionevole che buona parte del mondo connesso faccia le ore piccole per scoprire dove questa gigantesca liquidità verrà riversata. Così, dopo che Apple ieri aveva annunciato che alle 6 della mattina di oggi (secondo l’orologio di San Francisco) avrebbe reso noti i suoi progetti finanziari, in molti tra giornalisti e commentatori in tutto il globo hanno preparato un bricco di caffè e hanno incrociato le braccia davanti allo schermo. Fortunatamente, per noi l’attesa si è conclusa intorno alle 14 ora italiana, quando Apple ha pubblicato sul sito un comunicato in cui espone in maniera precisa come intende utilizzare un malloppo tanto ingombrante. Innanzitutto, c’è un’ottima notizia per chiunque abbia da parte delle azioni Apple: a partire dal prossimo 1 luglio Apple distribuirà agli azionisti dividendi pari a 2,65 dollari ad azione (2 euro ad azione), quasi una quota record. Questa eventualità era stata anticipata, ma risulta comunque significativa, soprattutto se si pensa che l’ultima volta che Cupertino aveva distribuito dividendi era il 1995, e non si spingevano oltre gli 0,12 dollari (0,09 euro) per azione. Insomma, una grande notizia per gli azionisti, una pessima per tutti quelli che hanno venduto il proprio stock Apple dopo la morte di Jobs (e aveva ragione chi al tempo li aveva definiti folli). A partire dal 30 settembre, invece, Apple procederà al riacquisto di 10 miliardi di azioni proprie, un’operazione che verrà spalmata sui prossimi 3 anni e con cui l’azienda intende neutralizzare l’impatto della diluizione derivante dagli equity grant dei dipendenti futuri e dei piani acquisto azioni dei dipendenti. Abbiamo utilizzato parte della nostra liquidità per fare grandi investimenti nel nostro business in termini di ricerca e sviluppo, acquisizioni, inaugurazione di nuovi punti vendita, pre-pagamenti strategici e investimenti in conto capitale nella nostra catena di produzione, e per costruire le nostre infrastrutture” ha dichiarato Tim Cook, CEO di Apple “Anche a fronte di simili investimenti, potremo mantenere una riserva di denaro enorme per opportunità strategiche e avere comunque un’abbondante liquidità per condurre il nostro business. Dunque è ufficiale, dopo lo stop del 1995, e dopo un quadrimestre di incassi record, Apple riprenderà a seguire un programma trimestrale di distribuzione dividendi e riacquisto delle azioni. Si prevede che in questo modo Apple distribuirà qualcosa come 2,5 miliardi di dollari ogni quadrimestre. In tutto, Apple prevede di reinvestire un totale di 45 miliardi di dollari nei prossimi 3 anni. A quanto pare attingerà unicamente alle proprie riserve americane, dal momento che come ha sottolineato il CFO Peter Oppenheimer “Rimpatriare denaro liquido da oltreoceano comporterebbe un significativo corrispettivo in tasse, considerando le leggi vigenti oggi negli USA”. Le conseguenze finanziarie dell’annuncio di Apple non hanno tardato a manifestarsi: nell’ultima ora le azioni Apple sono salite di 10 dollari toccando quota 596 dollari (452 euro) per azione.

E SE DIVENTASSE UNA BANCA ?

***

Economia: Pagamenti in 60 giorni, come evitare il crac finanziario

Evviva, la pubblica amministrazione è finalmente obbligata a saldare i suoi debiti in 30 giorni come termine ordinatorio, ed entro 60 al massimo perentoriamente. Dopodiché scattano interessi dell’8 per cento. È la direttiva approvata dal Parlamento europeo, e subito si è stappato champagne. Nell’Italia odierna la media dei pagamenti del pubblico è salita dai 128 giorni del 2009 ai 140 quest’anno, attestano Confindustria e Rete Italia. Con sacche di debito insoluto, per esempio nel settore sanitario, in alcune regioni del Centro-Sud, in cui il ritardo arriva a 800, a 900 e anche a più di 1.000 giorni. Cioè si misura in anni.
Il rispetto alla lettera della nuova regola porterebbe in poche settimane dai 50 ai 70 miliardi di euro nelle casse delle imprese. Per molte di loro, una boccata d’ossigeno decisiva. Per non poche, la differenza tra sopravvivere e continuare a dipendere dalla sola moratoria bancaria. Ma è inutile illudersi. E non solo perché Strasburgo lascia a ogni governo sino al 2013 per la messa in regola. Il realista pensa che resterà una grida manzoniana. L’ottimista aggiunge: a meno che… Vediamo. Per realismo, va ricordato che le norme di contabilità pubblica prevedono che il debito pubblico sia tale solo alla scrittura di un mandato di pagamento, o della concessione di una garanzia reale che riconosca il debito come escutibile o scontabile in banca o su un mercato secondario (come capita ai Bot). La contabilità pubblica è per cassa, non per competenza.
A molti sembrerà strano, ma se avete vinto una gara bandita dalla pubblica amministrazione per la prestazione di un servizio o l’acquisto di un bene, ai sensi del diritto privato siete tutelati a ricevere il compenso dovuto. Però per la contabilità pubblica quel debito non esiste sinché non viene certificato o pagato almeno in parte.

Poiché moltissime autonomie locali non riescono a fronteggiare i debiti per i vincoli del patto di stabilità interno, il rispetto dei 30 giorni porterebbe automaticamente all’emersione di debito pubblico per 3 o 4 punti aggiuntivi di pil. Si può immaginare la contrarietà del ministro Giulio Tremonti.  A meno di immaginare un meccanismo che unisca tre diversi pilastri (rigore, trasparenza e prevenzione) facendo contenti imprese e Tesoro. Qualunque garanzia pubblica sul debito insoluto oltre i 60 giorni può essere reperita nell’ambito della Cassa depositi e prestiti, il cui bilancio sta fuori dal recinto del debito pubblico per Bruxelles, esattamente come per gli analoghi istituti tedesco e francese.
L’intero debito sarebbe immediatamente «bancabile» senza aggravi per il Tesoro. Per le autonomie non in linea col patto di stabilità, si imporrebbe però un controllo di legittimità preventivo da parte della sezione specializzata della Corte dei conti. E infine una doppia penalizzazione automatica: sui futuri impegni di spesa dell’ente pubblico fino a regolarizzazione del debito avvenuta, ma anche (sorpresa!) in termini patrimoniali personali per gli assessori e i politici che deliberano spese senza avere denari in cassa. Solo se rendiamo responsabili coloro che spendono in deficit evitiamo che a risponderne siano gli incolpevoli successori.

***

Nell'augurarVi una Buona Pasqua,

rinnovo nello spirito della festa il desiderio

di conciliazione, di pace e di amicizia.

Sandro Benedetti Isidori

Presidente

MARÇO 2012

Le piú belle foto del mese...

***

15.03.2012: Drogati di testosterone: se gli steroidi diventano la nuova cocaina...

 

In America il consumo è diventato di massa, da noi è in aumento. Chi li usa sa poco dei loro effetti avversi che sono spesso il contrario di ciò che si vuole ottenere. Il prezzo che paga chi cerca muscoli facili può essere molto alto.

01.03.2012 - Lucio Dalla ci há lasciato, oggi in Svizzera all’inizio di una tournée europea...

(Nella foto Lucio Dalla, Sandro Benedetti Isidori e alcuni studenti del Liceo della Eugenio Montale di Sao Paulo)

Uno dei piú bravi cantautori italiani... l’ho conosciuto negli anni 70 a Bologna e mi é capitato qualche volta di bere un bicchiere di vino insieme nella sua Osteria preferitá...

Poi diversi  anni fa in una delle sue tournée in Brasile ci ha onorato della sua presenza, incontrando i ragazzi della scuola Eugenio Montale... qui a Sao Paulo, un momento esaltante mentre si esibiva in un suo grande successo Attenti al Lupo.

Lucio sei grande! sarai sempre tra noi con le tue bellissime canzoni...

Ciao !

 

FEVEREIRO 2012

Le piú belle foto del mese...

PERUGIA: 23.02.2012 - Comunicazione nomina del nuovo Presidente del Consiglio Regionale della emigrazione CRE.

    Fausto Galanello

(http://www.consiglio.regione.umbria.it/il-consiglio/consigliere/fausto-galanello)

Nato a Orvieto il 14 aprile 1957, dirigente sindacale della Cgil fino al 2006, è stato Segretario della Camera del Lavoro di Orvieto, poi membro della segreteria provinciale ed infine Responsabile provinciale della Flai – Cgil, del settore agricolo e degli alimentaristi.
Dal 2006 è presidente del Consorzio di enti locali che in tre anni ha allargato la propria area di azione a tutti i Comuni dell’Orvietano e dell’Amerino, rafforzando anche il proprio ruolo e funzione a sostegno del sistema economico locale. Nelle regionali del 2010 è stato eletto nella lista provinciale di Terni del “Partito Democratico” con 4.075 preferenze. Dal 19 maggio 2010 componente dell'Ufficio di presidenza con la carica di consigliere segretario del Consiglio regionale.

Membro di: 

·         Prima Commissione Consiliare Permanente

·         Terza Commissione Consiliare Permanente

·         Il Consiglio

·         Partito Democratico

·         Consigliere / Segretario Consiglio regionale

De: Relazioni Internazionali [mailto:relazint@regione.umbria.it]
Enviada em: quinta-feira, 23 de fevereiro de 2012 10:20
Para: adele_galli@hotmail.com; Centro Umbro de Buenos Aires Argentina; BUTTINI Nadia Nadia; associazione toronto; Flora Binucci; stefcal@optusnet.com.au; massimo@travelassociates.com.au; G. Rossetto & Co. Pty.
Ltd; Frank Brunacci; dorispetruzzi@cpenet.com.ar; Antonella & Robert Alder; liano cianchelli; presidencia@umbridobrasil.org; mpalchetti@acys.com.ar; assumbramtl@hotmail.com; katia.sebastiani@clcw.qc.ca; cedicardio@hotmail.com; marcelo lucarini; famigliadiani@hotmail.com; umbriaverde_rosario@hotmail.com; maria_costantini@hotmail.com; zanon_claudio@yahoo.com.ar; Giovanni Galli; alucarini@gmail.com; Pietro Maoloni; arulef.pg@libero.it; Alberto Poggioni
Assunto: Comunicazione nomina del nuovo Presidente del Consiglio Regionale della emigrazione  

 

Si comunica che, in data 22 febbraio 2012,  la Presidente della Giunta Regionale,  Catiuscia Marini, ha ritenuto opportuno, al fine di assicurare lo svolgimento delle funzioni del C.R.E.,   revocare il  proprio precedente atto di delega in data 25 novembre 2010  ed ha proceduto, ai sensi dell'art. 3 della L.R. n. 37/97, a delegare il Consigliere Regionale Fausto Galanello ( http://www.consiglio.regione.umbria.it/il-consiglio/consigliere/fausto-galanello) a presiedere il Consiglio Regionale dell'Emigrazione.

Cordiali saluti

Dr. Alessandro Maria Vestrelli
Dirigente Servizio Rapporti Internazionali e Cooperazione
Regione Umbria
Corso Vannucci n.30 - Palazzo Ajò
06123 Perugia

***

***

11.02.2012 - UMBRIA NEL GELO !

03.02.2012 - A ROMA NEVICA....

JANEIRO 2012

Le piú belle foto del mese...

***


16.01.2012 - PERUGIA:  Mediobanca su Meccanotecnica Umbra di Campello, "Un esempio vincente per l'industria italiana"

(nella foto di repertorio: Romano Prodi in visita all'azienda di Campello)

Soddisfazione del V.Presidente vicario europeo Gianni Pittella, recentemente in visita all'azienda. Plauso della governatrice Marini (commenti)

‘’Il significativo riconoscimento di Mediobanca alla Meccanotecnica umbra, che ha inserito l’azienda in cima alla classifica delle imprese che si sono mostrate nel 2010 le piiu’ dinamiche in termini di crescita del fatturato e di sviluppo del mercato, dimostra che la crisi economica puo’ essere arginata e contrastata con una mentalita’ imprenditoriale propensa al cambiamento e alla ricerca e con investimenti mirati sul territorio messi al servizio dell’innovazione’’. Cosi’ il vicepresidente vicario del Parlamento europeo, Gianni Pitella, esprime plauso e soddisfazione per l’importante risultato conseguito dall’azienda umbra che aveva gia’ avuto l’opportunita’ di visitare nei mesi scorsi.

‘’La strategia produttiva e di mercato seguita da aziende di eccellenza come Meccanotecnica umbra e’ un esempio di buone pratiche per tutto il sofferente comparto industriale italiano – sottolinea Pittella -  la mentalita’ innovativa dell’impresa ha trovato la sua valorizzazione nel contesto favorevole di un territorio amministrato con particolare attenzione per lo sviluppo economico e alla creazione delle migliori sinergie infrastrutturali che lo colloca nel centro pulsante dell’Europa".

   

Presidente Regione, Catiuscia Marini

 “Vivo apprezzamento” è stato espresso dalla presidente della Regione Umbria, Regionale Catiuscia Marini, al Presidente della Meccanotecnica Umbra Spa Alberto Pacifici, dopo la pubblicazione dei dati dello studio di Mediobanca che vede l’azienda di Campello sul Clitunno al primo posto in Italia nella speciale classifica delle imprese senior più dinamiche.
“Si tratta di un risultato – ha commentato la Presidente Marini - che valorizza sul piano nazionale le performance di un’azienda che interpreta in modo originale e brillante capacità imprenditoriali e manageriali, competenze tecnologiche, visione del futuro e radicamento territoriale quali fattori di successo. Lo sviluppo ed i risultati conseguiti – ha aggiunto Marini - penso debbano rappresentare un esempio di come ricerca ed innovazione e capacità di affrontare i mercati internazionali possano tradursi in effetti positivi per territorio le collettività locali, restituendo valore all’impresa, a coloro che vi operano quotidianamente ed al sistema delle piccole e micro imprese collegate.
Un chiaro segnale – ha concluso la presidente – che ci conforta nella scelta di politiche industriali regionali che da un lato vanno nella direzione di un sostegno selettivo e mirato su questi temi alle imprese e dall’altro sono rivolte alla tenuta dell’insieme apparato produttivo per superare la situazione di crisi”.

***

13.01.2012 - ISOLA DEL GIGLIO:

Quella di oggi è una delle più grandi tragedie del mare accaduta ad una delle navi più belle del mondo

Costa Concordia naufraga...  Fermato il Comandante!

BILANCIO – Al momento i morti ufficiali restano 3. Due francesi ed un membro dell’equipaggio, un peruviano. 20 sono i feriti, due dei quali ancora gravi. Resta incerto invece il numero dei dispersi, la Prefettura di Grosseto parla di 39 persone, per lo più membri dell’equipaggio. Nella notte una coppia di coreani, in viaggio di nozze è stata recuperata dai soccorsi ancora all’interno della loro cabina (la 303).

INCIDENTE – La Costa Concordia dopo la partenza da Civitavecchia ha seguito la sua rotta abituale avvicinandosi alle coste dell’Isola del Giglio. Qui ha urtato uno scoglio sommerso all’altezza di una località denominata Le Scale, provocando uno squarcio di oltre 70 metri lungo lo scafo che ha immediatamente fatto imbarcate tonnellate di acqua ed inclinato la nave.

Il Comandante, a questo punto, dopo aver tentato di recuperare la rotta naturale, accortosi che la navigazione non era più possibile si è avvicinato il più possibile alla costa per agevolare i soccorsi ed ha ordinato l’evacuazione.

INCHIESTA – Ieri sera, dopo essere stato ascoltato dagli uomini della Capitaneria di porto, il Comandante della nave, Francesco Schettino, 52 anni, da 6 Comandante per la Costa Crociere, è stato arrestato. L’accusa contro di lui è omicidio colposo, naufragio ed abbandono. Numerosi i punti del racconto dell’ufficiale che non hanno convinto gli inquirenti.

 

Contro di lui anche i rilievi della “scatola nera” della nave . La Concordia si trovava come previsto a 7 miglia dall’Isola quel punto avrebbe fatto una virata anomala avvicinandosi alla Costa forse per fare quello che in gergo marinaresco viene denominato “inchino” cioè un passaggio radente con il suono della sirena. “Quello scoglio non esisteva sulle carte nautiche” – è stata la difesa del Comandante della Costa Concordia intervistato da TgCom 24 prima dell’arresto.

  

Diversa invece la posizione del Procuratore Capo di Grosseto, Francesco Verusio: “Il comandante della nave si è assunto delle grandi responsabilità soprattutto per il grande ritardo con cui ha fatto la segnalazione dell’accaduto alla Capitaneria di Livorno. Ha spiegato come sono andate le cose e noi abbiamo tratto le nostre conseguenze. Va aggiunto che il Comandante ha abbandonato la nave quando c’erano ancora molti passeggeri da portare in salvo. C’è stata quindi un po’ di confusione. Non sappiamo quindi chi abbia coordinato le operazioni di evacuazione dalla nave dato che il Comandante l’ha abbandonata diverse ore prima dalla loro conclusione”.

Continuano le ricerche dei soccorritori dei passeggeri della Costa Concordia che ancora mancano all’appello ormai a 36 ore dalla tragedia avvenuta sull’Isola del Giglio.

***

***

09.01.2012 – Roma:Lotta all'evasione, come funziona la tracciabilitá dei pagamenti - INFOGRAFIA

 

È il primo passo verso una più incisiva lotta all’evasione fiscale. Un tassello che il governo Monti ha voluto introdurre da subito nel decreto Salva-Italia: l’abbassamento della tracciabilità dei pagamenti dai 2.500 euro attuali ai 1.000 euro che scatteranno dal 1 gennaio del 2012. Tradotto in soldoni significa che quando andremo a comprare qualcosa, potremo pagare in contanti solo se l’importo sarà inferiore o uguale a 1.000 euro. Da questa cifra in su, invece, saremmo costretti a usare carte di credito o di debito, bancomat e carte prepagate, assegni bancari, bonifici. Tutto questo serve a rendere “tracciabile” il giro del denaro, e dunque a diminuire i pagamenti in nero. E quindi l’evasione.

Con un’eccezione in più: pensioni e stipendi pubblici potranno essere pagati in contante solo fino a Euro 500,00, la parte restante invece dovrà transitare su canali alternativi di pagamento come carte di credito prepagate o conti correnti.

09.01.2012 - Nel 2012, 300.000 posti di lavoro a rischio

Situazione più urgente per 40mila. I settori più colpiti: trasporti e telecomunicazioni
Camusso (Cgil): «Rischio crescente di tensioni sociali» 

ECONOMIA I dati del ministero dello Sviluppo economico. I sindacati: «Tutto dipenderà dal comportamento del Governo»

MILANO - A rischiare il posto di lavoro nell'anno appena cominciato sono in 300mila. Il 2012 si apre tutto in salita per le crisi aziendali. Al ministero dello Sviluppo economico sono circa 230 i tavoli aperti per cercare una soluzione alle crisi aziendali che vedono coinvolti 300mila lavoratori, con rischi occupazionali immediati per 40mila persone.

VERTENZE - «Le vertenze attive con tavoli che si convocano frequentemente - spiegano fonti del ministero vicine al dossier - sono oltre un centinaio, poi ci sono vertenze che invece hanno una dimensione un po' meno pressante e arriviamo a 230 tavoli. Sono coinvolti oltre 300mila lavoratori e i posti a rischio sono tra i 30mila e i 40mila».

I SETTORI - I settori più colpiti sono quello dei trasporti, del tessile, delle telecomunicazioni, ma anche l'auto viene monitorata da vicino visto che la situazione, non solo in Italia, è preoccupante. Il mercato non riparte e a pesare sulle imprese italiane sono poi le sempre maggiori difficoltà di accesso al credito, che stanno colpendo anche le aziende sane, il ritardo nei pagamenti tra imprese e da parte della pubblica amministrazione, e il tema dell'internazionalizzazione e della crescita dimensionale. «Credito - riferiscono dal ministero - dimensione d'impresa e internazionalizzazione saranno al centro di misure a breve».

L'Italia può e deve farcela
Monti: «Buone indicazioni di lavoro» 

La Cina nel 2012:

L’anno del drago, CINA: crescita, dissenso, elezioni, Partito Comunista, Repressione, stabilitá, Tolleranza

   

L'attuale Politburo, con la vecchia guardia in prima fila e la nuova in seconda

L’anno del coniglio, il 2011, non è stato particolarmente fortunato per la Repubblica popolare. A sentire Pechino, le cause di tanti disagi sarebbero tutte esterne: “l’intrusione degli Stati Uniti” nel Sudest asiatico avrebbe spinto i paesi dell’area a raffreddare i rapporti con la Cina e ad “avanzare pretese sconsiderate” relativamente alle dispute territoriali non ancora risolte. Le “sconfortanti prospettive economiche” dell’Occidente avrebbero costretto Pechino ad intervenire

“nonostante queste potenze si siano rifiutate di moderare la propria arroganza anche a fronte dell’attuale debolezza”. E la paura del regime è che, per colpa loro, nemmeno nel 2012, quando il drago sostituirà il coniglio, la situazione potrà migliorare significativamente.

Insomma, in un anno che, a dispetto di uno zodiaco particolarmente favorevole, si prospetta molto difficile, Pechino mette le mani avanti e accusa i prossimi cambi di governo di alcune nazioni, le difficoltà economiche dei paesi avanzati, e le velleità democratiche dei paesi arabi di essere gli unici responsabili delle difficoltà che la Cina si troverà ad affrontare. Eppure, basterebbe un minimo di obiettività in più per rendersi conto che i problemi della Cina nel 2012 saranno sì legati alle evoluzioni politiche ed economiche dell’Occidente, ma dipenderanno soprattutto da quello che succederà nel Regno di Mezzo. 

Nei prossimi dodici mesi il regime dovrà prima prendere atto e poi imparare a gestire i cambiamenti di leadership che caratterizzeranno Taiwan e gli Stati Uniti. Consapevole che anche Pechino, dal 18esimo Congresso del Partito Comunista in poi, non sarà più guidata dai volti ormai noti di Hu Jintao e Wen Jiabao, ma dai leader di nuova generazione Xi Jinping e Li Keqiang. Che coordineranno, molto probabilmente, un Politburo pieno di volti nuovi, dato che una serie di pensionamenti lascerà libere le poltrone più ambite: affari politici ed ideologia; economia e finanza; politica estera; sicurezza e operazioni militari. E si sa che se i nuovi eletti cercheranno di trovare un posto per i loro fedelissimi, la vecchia guardia non potrà che opporsi per sostenere i propri protetti. Non solo, nel caso in cui il presidente uscente, come il suo predecessore Jiang Zemin, decida di mantenere il controllo della Commissione Militare Centrale, sarà molto più difficile per Xi Jinping prendere delle decisioni senza aver prima ottenuto la sua autorizzazione. Ecco perché le previsioni sul futuro politico della Cina non possono che essere incerte.

Dal punto di vista della gestione del dissenso, invece, è facile immaginare che la tolleranza, nel 2012, scenderà ai minimi storici. Proprio perché in un anno di transizione politica così importante la Repubblica popolare non potrà permettersi di perdere tempo con chi protesta. Ma Pechino deve mettersi in testa che se l’economia cinese continuerà a rallentare e l’inflazione ridurrà ulteriormente il potere d’acquisto di milioni di famiglie, tenere sotto controllo un paese in cui la fiducia verso il regime potrebbe iniziare a vacillare non sarà così facile.

Claudia Astarita insegna “The Politics of China” alla John Cabot University e si occupa di India per il CeMiSS. Scrive approfondimenti sull’Asia per diverse testate e ha lavorato per molti anni come ricercatrice a New Delhi e Hong Kong. L’Oriente è la sua passione e coglie ogni occasione per tornare nei luoghi che ama

LE DIFFICOLTA’ DELL’UNIONE MONETARIA

A Bruxelles l'UNIONE si spacca...

***

 

06 de Janeiro -  In Italia la Befana viene stanotte! 

Se siete bravi vi porta regali e caramelle, ma se fate male lei vi porta il carbone!

La Befana...

una vispa vecchietta o in realtá una buona Principessa...

La tradizione della Befanaè una vecchietta che consegna doni ai bambini in tutta Italia alla vigilia dell’Epifania, la notte di 5 gennaio. Riempie le loro calze con caramelle se sono buoni e con pezzi di  carbone, se sono cattivi. È raffigurata come una strega brutta e vecchia che cavalca una scopa indossando uno scialle ed é sempre  ricoperta di fuliggine, perché entra nelle case attraverso il camino. Lei è sempre sorridente e porta un sacco pieno di doni. Hmmm…suona familiare? Sembra che la Befana è l’equivalente femminile di Saint Nicolas! Ma essendo una donna, e una governante molto buona, a differenza di Babbo Natale, Lei pulisce la casa con la sua scopa prima di uscire... In previsione della visita della Befana, i bambini lasciano un bicchiere di vino e un piatto con un po’ di biscotti per lei. In Italia sanno festeggiare...(Carolina della Scuola Italiana Eugenio Montale di Sao Paulo)

Caramelle per i buoni                                                                              Carboni per i meno buoni


La leggenda della BefanaUna sera di un inverno freddissimo, bussarono alla porticina della casa della Befana tre personaggi elegantemente vestiti: erano i Re Magi che, da molto lontano, si erano messi in cammino per rendere omaggio al bambino Gesù. Le chiesero dov’era la strada per Betlemme e la vecchietta indicò loro il cammino ma, nonostante le loro insistenze lei non si unì a loro perché aveva troppe faccende da sbrigare. Dopo che i Re Magi se ne furono andati sentì che aveva sbagliato a rifiutare il loro invito e decise di raggiungerli. Uscì a cercarli ma non riusciva a trovarli. Così bussò ad ogni porta lasciando un dono ad ogni bambino nella speranza che uno di loro fosse Gesù. Così, da allora ha continuato per millenni, nella notte tra il 5 ed il 6 gennaio a cavallo della sua scopa…

***

SIDNEY

KUALA LUMPUR

MOSCOU

ZWOLLE OLANDA (esculturas de gelo)

BERLIN

VENEZIA

ROMA

PARIS

LONDON

MADRID

RIO DE JANEIRO

RIO DE JANEIRO

SAO PAULO

SAO PAULO

BUENOS AIRES

NEW YORK

TORONTO

DEZEMBRO 2011

***

l'augurio più bello è il Natale,

perché in esso la nostra vita trova ragione,

la speranza diventa certezza,

il buio diventa luce.

Tanti auguri per un Natale di pace e serenità!

Sandro Benedetti Isidori

***

20.12.2011 - Roma - Democrazia e parlamentarismo...

Invece di sterili lamentazioni occorrerebbe uscire dalla nostalgia per il secolo passato e ragionare su quali forme di rappresentaza piú giuste possano funzionare nell’era della globalizzazione e della comunicazione totale... soprattutto in tempi di crisi riuscire a trasformare questi momenti in nuove opportunitá! Quindi nessuna democrazia sospesa...

18.12.2011 : Governo MONTI

……..e poi c’è anche una questione di stile! 

 di Francesco Berrettini

A molti di noi, abituati ormai ad una politica gridata, alle aggressioni verbali (e non solo ) dei talk shows, agli slogan più che alle argomentazioni, alle frasi ad effetto più che ai ragionamenti, alle peripezie dialettiche più che a stringenti spiegazioni, alle promesse più che ai fatti,  fa impressione un presidente del consiglio che si esprime con pacatezza e sobrietà, senza rinunciare, alla bisogna, ad una sottile  ironia di stampo anglosassone.

Anche di questo stile   bisogna dare atto al presidente Monti, al suo governo e ai suoi ministri, così diverso dalla rissa continua degli ultimi anni.

Ma a mio avviso non è solo una questione di stile; è forse un primo segnale che qualcosa sta cambiando (o dovrà cambiare) nel profondo della vita politica e dei partiti italiani. Dopo tanti anni scontro a testa bassa tra guelfi e ghibellini, di provvedimenti assunti da un governo e cancellati dal successivo, di paralizzanti veti incrociati tra le coalizioni e all’interno delle singole coalizioni, siamo arrivati sull’orlo del burrone nel quadro di una più generale crisi europea  e mondiale, a cui l’Italia è giunta azzoppata e profondamente lacerata e divisa; anche da noi ha funzionato l’inesorabile “legge del fil di ferro” che si spezza quando lo si torce di qua e di là. Il miracolo del “governo tecnico” che ne è scaturito è l’ultima occasione di salvare questo nostro paese, a patto che i partiti la smettano di sentirsi sempre in campagna elettorale, la smettano di far sempre e solo prevalere la “parte” sul tutto. Un buon segnale è venuto in questo senso dal PD, che, pur potendo invocare elezioni anticipate immediate (che avrebbe con ogni probabilità vinto) ha preferito spendersi responsabilmente nell’appoggio al governo Monti, pur sapendo che non era il suo governo e che avrebbe dovuto assumere, (per necessità e per i condizionamenti parlamentari cui è oggettivamente soggetto) provvedimenti sgraditi ed impopolari. C’è da augurarsi che anche nel PdL prevalga un analogo senso di responsabilità, senza dar retta al canto della sirena Berlusconi, tentato dalla voglia di rivincita e   di staccare la spina al più presto, magari dopo essersi ricreato un po’ di verginità contando sulla memoria corta degli italiani , sulla sua indubbia abilità di piazzista e sulla   potenza persuasoria delle sue televisioni e dei suoi giornali. Altrettanto senso di responsabilità va riconosciuto al cosiddetto terzo polo di Casini, Fini e Rutelli; ma non alla Lega e all’IDV, che, approfittando della situazione, sperano furbescamente di lucrare quei consensi che non ci saranno: chi dimenticherà, infatti,  che si stanno comportando come quei passeggeri di una nave in procinto di affondare che ne approfittano per saccheggiare la cambusa?

C’è quindi da augurare lunga vita al governo Monti ed al suo stile, fino a che il pericolo non sia passato ed il Paese possa riprendere una diversa e più elevata dialettica democratica propria di un Paese “normale”. E’ una scommessa, che, conoscendo la qualità dei protagonisti complessivamente intesi, non ha purtroppo grandi possibilità di successo; ma ,se non riesce, perdiamo tutti, e non solo noi.

09.12.2011 Buenos Aires - Giovani Umbri a Congresso. 

Si aprono i lavori del III Gongresso dei Giovani Umbri del Latino-America, con rappresentanze di ogni paese del continente. 

Programma

Delegazione Umbri del Brasile

 

Novembro 2011

Le piú belle foto del mese...


 29.11.2011 - ADL - Ipse dixit: Governo Monti... e quindi siamo impacciati

E quindi siamo impacciati - «C’è il tema della finalità riconciliativa delle procedure democratiche. Se affidate all’invettiva dei media diventano procedure di contrapposizione, diventano l’inveramento della politica schmittiana, non della politica democratica: il trionfo del rapporto tra nemici. Ciò che rende fondamentalmente impossibile la coesione e la condivisione. E che fa prevalere l’ostilità nei confronti del nemico al posto della responsabilità davanti al problema. C’è un problema, ne dovremmo essere responsabili, lo imputiamo a un nemico e – inveendo contro il nemico – assolviamo al nostro compito politico e raccogliamo consensi attorno all’invettiva piuttosto che intorno alla soluzione. Col risultato che, quando poi si avvicina il momento di gestire la soluzione, noi sappiamo solo gestire l’invettiva e quindi siamo impacciati.» – Giuliano Amato

05.11.2011 - Sao Paulo,

Outubro 2011

Le piú belle foto del mese...

***

22 ottobre 2011 alle 19:30:00 da redazione - IT. IT - POLITICA INTERNAZIONALE

Gheddafi, Grande Leader Africano

Dice il commentatore e vaticanista della Stampa, Andrea Tornielli: “La Libia, quando Gheddafi prese il potere nel 1969, aveva un tasso di analfabetismo del 94 per cento; oggi l’88 per cento dei libici è alfabetizzato. Il Federal Research Division della Libreria del Congresso Usa scrive che “un servizio sanitario di base è fornito a tutti i cittadini libici. Salute, formazione, riabilitazione, educazione, alloggio, sostegno alla famiglia, ai disabili e agli anziani sono tutti regolarmentati dai servizi assistenziali”. Le vaccinazioni infantili coprono la quasi totalità della popolazione. C’è un medico ogni 673 cittadini. Secondo le tabelle dell’Indice di Sviluppo Umano della Banca Mondiale (miscellanea di aspettativa di vita, istruzione, reddito) la Libia è (o meglio, era) l’unico paese con livello alto dell’Africa, e veniva prima di ben nove nazioni europee.

    

Cito questi dati traendoli dall’illuminante libro Libia 2012 dello storico Paolo Sensini (Jaca Book), che consiglio vivamente a tutti coloro che vogliono farsi un’idea sulle ragioni della guerra e sul potere della disinformazione. Perché ho ricordato tutto questo? Perché alcuni dei capi dei “ribelli” e del governo provvisorio – i nostri governi stendono su questo un velo di silenzio – sono ex terroristi di Al Quaeda. E se c’è una cosa davvero incerta è il futuro del paese. Li cito per ricordare come siamo molto selettivi nell’individuare i dittatori cattivi, e le popolazioni da proteggere, a seconda delle convenienze. Se le rivolte vengono sedate nel sangue in certi paesi arabi ottimi alleati dell’Occidente, facciamo finta di niente. In altri casi, come in quello della Libia (vuoi vedere che c’entrano petrolio e gas?) in poche ore eccoci tutti in fila a bombardare, ovviamente solo con bombe “intelligenti”…”

E' solo l'ultima esternazione a cui si assiste sul web dopo l'esecuzione di Muhammar Gheddafi da parte di islamisti al seguito della alleanza neocolonialista e criminale capitanata dalla NATO che ha sganciato oltre 50.000 bombe in sette mesi di guerra sul territorio libico per annientare per sempre dalla faccia dell'Africa e della terra, la Jahmaijria socialista e il suo leader, arrivato al potere senza sparare un sol colpo nel lontano 1969.



Il fronte del capitalismo mondiale ci ha messo del tempo, ma alla fine è riuscito a riaggiungere l'obiettivo che perseguiva da decenni, passando per i bombardamenti di Ronaald Reagan, (“el hombre de mierda", secondo Galeano), che fece bombardare Tripoli uccidendo una cinquantina di membri della famiglia di Gheddafi; per l'attentato di Ustica, dove, per colpire Gheddafi, l'aviazione francese colpì invece il DC-9 dell'ITAVIA con la morte di tanti italiani. E per altri numerosi tentativi di far fuori uno dei più intelligenti leader africani e mnondiali, il cui paese ha contribuito in termini di aiuti ai paesi del terzo mondo, più di tutti i grandi paesi del G-20 mesi insieme.

In termini di conquiste sociali ed economiche, di sviluppo e modernizzazione di un paese arretratissimo fino agli anni '70, Gheddafi ha pochissimi “concorrenti”. Non ha eguali l'opera faraonica e strategica di creazione del grande fiume Man Made River, che costituisce la più grande opera di irrigazione dei paesi desertici e dell'intero pianeta, un'opera, che da sola e forse più della gestione indipendente ed oculata del petrolio, preoccupava fortemente il gruppo di potentati criminali che hanno aggredito la Libia sotto le insegne dell'ONU, in previsione della conquista e del controllo globale dell'acqua, una guerra planetaria che può dirsi iniziata proprio con l'aggressione alla Libia.

Se vi è qualcosa in cui Gheddafi ha sbagliato (e che deve servire di insegnamento) è quella di fidarsi del capitalismo criminale del nord, il cui apprezzamento quale scudo contro la penetrazione dell'islamismo nel nord Africa e il contenimento dei flussi migratori, non è bastato per acquisirne il riconoscimento. A posteriori si può dire che si trattava della più grande operazione di simulazione che un gruppo di paesi ha elaborato per disfarsi dell'indipendente e pericolosissimo leader che mirava all'unità africana, mentre per chi comanda, l'Africa non è altro che il continente del futuro confronto-scontro con la Cina e forse con l'India. Una sorta di patto di non aggressione violato alla prima utile occasione: la primavera araba.

Non è stato attaccato ed eliminato perchè non faceva bene, Muhammar Gheddafi, ma perchè fin troppo bene e con visione di futuro aveva fatto, lui, figlio di beduini analfabeti, nato nel '42 - ma non sapeva neanche lui di preciso quando - , nel deserto a ridosso di Sirte.

A dimostrazione che l'intelligenza e la capacità di leadership prescinde, molto spesso, dal livello delle scuole frequentate ed è molto più legata alla capacità dell'intelligenza critica di cui ogni persona è dotata, salvo abdicarvi sotto pressione dei più forti o per adesione subalterna agli stessi, un panorama di cui è pieno il miserabile occidente avanzato.

Non è un caso che dopo il dissolvimento dell'URSS, tutti i residui bastioni di quello che fu il grande movimento dei “non allineati” è stato abbattuto senza pietà, secondo la innovativa prassi delle guerre umanitarie: Jugoslavia, Iraq, Libia. Affinché il posizionamento geostrategico occidentale fosse rafforzato in previsione degli eventi imminenti.

Ovviamente non esiste alcuna ragione umanitaria nell'attacco alla Jamajiriya, come non ne esistevano nelle precedenti aggressioni e guerre degli ultimi 15 anni. Ne sono conferma il sostegno a dittature spietate e feudali come quelle dell'alleato prediletto, l'Arabia Saudita dei Saud-Bush, e dei suoi emirati satelliti inventati dagli inglesi e cogestiti assieme agli USA del premio Nobel Barack Obama.

  Ieri...                                                                Oggi...

 

Ciò che colpisce in quest'epoca di fine impero è che le aggressioni si succedano sempre più frequenti e che il loro carattere oggettivamente criminale assomigli sempre più a quanto insegnato dalle politiche del decennio del Terzo Reich, incluso l'uso goebbelsiano dei media, che si mobilita a condannare le violenze dei riots londinesi e dei black blok romani, massaggiando per settimane i poveri (ma non più scusabili, se non si rivoltano) spettatori dell'occidente, e che parallelamente sostengono - da destra e da "sinistra" (insieme a settori consistenti di pacifisti pentiti) - le cinquantamila bombe umanitarie sganciate a difesa dei “civili libici” di Bengasi e di Misurata, mentre su Tripoli, Sirte, Bani Walid ecc. può piovere abbondante l'uranio impoverito e altre amenità, senza che nessuno si agiti.



Solo l'esecuzione del Cristo nel deserto filmata da decine di telefonini di ultima generazione e diffusa malgrado i suggerimenti della Nato mandante, riesce a destare qualcosa nel profondo di coscienze sempre più controllate. Ma subito dopo si riparlerà di casa nostra, con l'inconsistenza e l'insiepienza di sempre.

Finchè qualcosa non arriverà a destare gli spiriti.
Per ora non ci resta che salutare la grandezza di Muhammar Gheddafi, beduino, ispirato da Enrico Mattei, leader e combattente fino alla fine, dell' indipendenza libica ed africana per quasi mezzo secolo.

Niente fughe in paradisi dorati, niente accaparramento di miliardi di dollari che erano alla portata sua e della sua famiglia. Un segno invece, che non può essere oscurato facilmente, nè dimenticato.

"Sic transit gloria mundi" ha detto qualcuno. Vedremo se ciò che è stato seminato tornerà nell'ombra oppure se da esso, nuove e più accorte occasioni germoglieranno in Africa, continente del XXI secolo.
( Rodolfo Ricci )

***

10.10.2011 - Assegnato a tre donne il Nobel per la Pace

Ellen Johnson Sirleaf, presidentessa della Liberia, la sua concittadina Leymah Gbowee, avvocato impegnato per i diritti femminili premiate insieme all'attivista yemenita Tawakkul Karman "per la loro lotta non violenta a favore del processo di costruzione della pace". Quest'ultima dedica la vittoria alla primavera araba. "Riconosciuto contributo femminile al progresso".

"Il Nobel per la pace a tre donne è un riconoscimento davvero esaltante che getta una speranza concreta sul futuro". Lo dice la senatrice del Pd Vittoria Franco.

di Vittoria Franco

Gruppo PD al Senato della Repubblica

Questo premio è anche un tributo all'impegno di milioni di donne che, in tutto il mondo, si battono per il progresso civile, per i diritti umani e delle donne, per la democrazia  e quindi per la pace, spesso nell'ombra. E' anche il segnale che, anche nel continente africano, emergono le attiviste per i diritti e la democrazia e cresce la sensibilità per i diritti femminili. E' un premio carico di speranza perché lascia pensare che sarà finalmente possibile un futuro di donne e di uomini.

L'Italia come il Marocco. Gli straordinari effetti della primavera araba e i ritardi del nostro Paese.

di Pia Locatelli

Presidente Internazionale Socialista Donne

Gli effetti positivi della Primavera Araba pare abbiano sfiorato anche la penisola che riunisce i Paesi più arretrati, dove l’esclusione delle donne dalla vita pubblica, in tutti i suoi aspetti, tocca estremi difficili da riscontrare in altre realtà del mondo.

Yemen, Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Kuwait, Arabia Saudita occupano gli ultimi posti nella graduatoria mondiale della presenza delle donne nelle istituzioni e negli indici di sviluppo umano, confermando quanto l’ONU va ripetendo da alcuni anni: senza le donne le società non progrediscono.

Sorprendentemente ora in questa penisola del Medio Oriente, forse grazie al contagio della Primavera Araba, qualcosa si muove: persino in Arabia Saudita, il baluardo del divieto assoluto per le donne di occupare posti istituzionali, perché private del diritto di voto, ci sono timidi segnali di apertura. C’è spazio per qualche speranza? Difficile fare previsioni e soprattutto difficile parlare di libertà e di diritti per tutti, donne e uomini.

Per la verità i primi segnali di apertura risalgono a quasi quarant’anni fa, quando lo Yemen del Sud concesse alle donne il diritto di voto. Purtroppo i decenni scorsi sono stati piuttosto inutili per la causa femminile delle Yemenite. Nello Yemen unificato di oggi solo lo 0,5% dei posti nelle istituzioni, sia locali sia nazionali, vede presenze femminili, ad indicare che non sempre “l’anzianità delle conquiste” va di pari passo con l’avanzamento  delle stesse. Non sempre la contiguità geografica aiuta, infatti ci sono voluti alcuni decenni perché l’esempio dello Yemen venisse seguito dal Qatar nel 1999, dal Bahrein nel 2002, dal Kuwait nel 2005 ... e infine, in questi giorni, dall’Arabia Saudita. Il tabù è caduto, certamente, ma questo non basta per garantire un percorso senza ostacoli verso la parità.

Il dibattito attorno alle concessioni fatte dal Re dell’Arabia Saudita davanti alla  Shura, il Consiglio solo consultivo i cui membri sono scelti dallo stesso sovrano, è stato acceso ed ha visto le donne del mondo divise nel giudizio. Elettorato attivo e passivo nelle prossime elezioni municipali che si terranno tra quattro anni e possibilità per il Re di scegliere nomi femminili per la composizione della Shura nel 2013. Per la verità sono passi avanti così limitati da rendere difficile esprimere un qualche apprezzamento. Credo però che la caduta di un tabù vada sempre considerata positivamente, specialmente se è la conseguenza di azioni di “pioniere”.

Il riferimento è alla campagna lanciata da un gruppo di donne dell’Arabia Saudita, una piccola élite del Paese, per opporsi al divieto di guida voluto dalle autorità religiose. L’appuntamento per la sfida, raccolta da qualche decina di coraggiose, è stato lo scorso 17 giugno. Pare che la giornata abbia lasciato il segno. C’è infatti una relazione tra la campagna contro il divieto e le concessioni reali, essendo la prima l’embrione di una campagna più larga per la richiesta di diritti a favore delle donne.

L’esperienza del mondo ci insegna che il percorso delle donne verso la parità è accidentato, variegato, mai nulla è conquistato con facilità e una volta per sempre. L’Italia del berlusconismo ne è la conferma.

In questi giorni si è svolta a Rabat, Marocco, una riunione regionale dell’Internazionale Socialista Donne per discutere del contributo femminile alla costruzione della democrazia nei Paesi toccati dalla Primavera Araba. Il Marocco ha risposto alle prime manifestazioni di protesta con una riforma costituzionale che prevede la riduzione dei poteri del Re e l’ampliamento di quelli del Parlamento e del Primo Ministro; l’indipendenza del sistema giudiziario e il riconoscimento della lingua berbera come lingua ufficiale insieme all’arabo; la costituzionalizzazione del principio di uguaglianza tra uomini e donne.

Il principio paritario ha trovato espressione nella legge elettorale che prevede una lista nazionale di novanta seggi destinati esclusivamente alle donne (due terzi) e alla gioventù (un terzo). Non è molto se pensiamo che nell’insieme la lista rappresenta il 20% dei seggi; è però un punto da cui partire per costruire percentuali più alte attraverso presenze femminili nelle liste delle circoscrizioni locali. Alcune organizzazioni femminili ed esponenti di partito hanno suggerito il voto contrario alla legge perché ritenuta insufficiente. Mi è stato chiesto un parere ed ho raccontato quanto è avvenuto nel Parlamento italiano dove nel 2006 la coalizione di centrosinistra all’opposizione ha bocciato la quota del 25% perché ritenuta inadeguata, dando così una mano ai franchi tiratori del centrodestra. La legge non è passata. In questa legislatura le parlamentari raggiungono a malapena il 20%.

Mi chiedo ancora oggi chi sia stato sconfitto da quel voto, se il centrodestra o le donne. La risposta è aperta, ma io avrei votato la legge.

***

Sao Paulo, Outubro 02 Domingo Festa de São Francisco

Tradicional Festa de São Francisco

Il più italiano dei Santi, il più Santo degli Italiani,

MARCHIGIANI e UMBRI

Igreja da Nossa Senhora da Paz, as 10,30 horas,

Paróquia dos Italianos em São Paulo

Rua Glicério, 225 - Sé - São Paulo, CEP 08230-090 - Tel: 11 3209 5388

***

Padre Giorgio Cunial

Sandro Benedetti Isidori

Un caro benvenuto a tutti Voi, un benvenuto alle tante autoritá locali presenti e agli ospiti appena arrivati dall’Italia, ai carissimi Marchigiani e ai miei carissimi

corregionali...

...che meraviglia... ancora una volta abbiamo riunito la nostra comunitá nella fratellanza e nella pace... pace tanto prediletta da San Francesco in ogni momento della sua vita, in ogni luogo che ha potuto raggiungere, portando a tutti la serenitá del Signore...

Ma temo che nei paesi industrializzati, soprattutto come in Europa e in Nord-America c’é qualcosa di profondamente sbagliato nell’attuale modo di vivere di oggi.

Negli ultimi due - tre decenni, si é trasformato in virtù il perseguimento dell’interesse materiale:  anzi, ormai questo è l’unico scopo collettivo che rimane.

Tutti sanno quanto costano le cose, ma non quanto esse valgono... e si fa di tutto pur di averle... continuando all’infinito.

Quando invece basta poco... una telefonata, la forte volontá di un pugno di persone, pochissime risorse ed ecco il miracolo: un convivio nella fratellanza, nel reciproco rispetto, nella tolleranza dove i nostri animi trovano pace e allegria... accorgendoci ogni volta che ció ha un valore inestimabile...

...un grazie di cuore a Padre Giorgio che con la sua solita disponibilitá ci permette di organizzare questi momenti cosi importanti...

Grazie Grazie tante Padre Giorgio...

Sandro Benedetti Isidori

(Presidente Associção Umbri do Brasil).

 

Quest’anno vogliamo ricordare l’importante iniziativa che la Provincia di Terni sta conducendo

per riscoprire il cammino dei Protomaritri Francescani.

“CAMMINO DEI PROTOMARTIRI FRANCESCANI”

***

***

« Presso la città di Marrakesch in Mauritania nell’odierno Marocco, passione dei santi martiri Berardo, Ottone, Pietro, sacerdoti, Accorsio e Adiuto, religiosi, dell’Ordine dei Minori: mandati da San Francesco ad annunciare il Vangelo di Cristo ai musulmani, catturati a Siviglia e condotti a Marrakesch, per ordine del capo dei Mori furono trafitti con la spada. »

I santi Berardo, Ottone, Pietro, Accursio e Adiuto, venerati anche come i Santi Protomartiri Francescani essendo i primi martiri dell'Ordine francescano, uccisi in Marocco il 16 gennaio 1220.

Berardo suddiacono, Pietro, Ottone sacerdoti e Adiuto e Accursio frati laici, provenienti da varie città d'Italia, tra i primi ad abbracciare la vita francescana, furono i primi missionari inviati da San Francesco d'Assisi in Spagna.

Da prima si portarono a Siviglia, dove iniziarono a predicare la fede di Cristo nelle moschee. Vennero malmenati, fatti prigionieri e condotti davanti al Sultano Miramolino, in seguito trasferiti in Marocco con l'ordine di non predicare più in nome di Cristo.

Si racconta che fu lo stesso sultano Miramolino a decapitare i cinque intrepidi confessori della fede, in quel apparvero all’infanta Sancha del Portogallo, la loro benefattrice, che in quel momento era raccolta in preghiera nella sua stanza. I corpi e le teste dei martiri furono gettate fuori dal palazzo reale. Il popolo se ne impadronì, tra urla e oltraggi di ogni genere li trascinò per le vie della città ed infine li espose sopra un letamaio, in preda ai cani ed agli uccelli. Un provvidenziale temporale mise però in fuga gli animali e permise così ai cristiani di recuperare i resti dei frati e trasportarli nell'ambasciata portoghese.

L'infante portoghese Don Pietro Fernando, fratello del re che era stato compagno di viaggio verso l'Africa e che fu testimone degli avvenimenti, fece costruire due casse d’argento di differente grandezza. Nella più piccola vi depose le teste, mentre nella più grande i corpi dei martiri. Tornando in Portogallo, portò con sé le preziose reliquie, che destinò alla chiesa di Santa Croce di Coimbra, ove sono ancora oggi sono oggetto di venerazione.

Tale esperienza fece maturare in Sant’Antonio da Lisbona, che fu presente allo sbarco delle salme a Lisbona, l’idea di passare dall’Ordine dei Canonici Regolari ai Frati Minori.

Appresa la notizia del martirio dei cinque suoi figli, San Francesco esclamò: « Ora posso dire che ho veramente cinque Frati Minori. » 

***

Itinerario per pellegrinaggi a piedi nel territorio della Diocesi

di Terni-Narni-Amelia

CONTESTO STORICO

In questo momento storico si assiste ad una riscoperta del pellegrinaggio a piedi lungo le Vie del Sacro ed in particolare lungo le tre direttrici che conducevano alle principali mète religiose cristiane dell'epoca medievale: alla tomba dell'apostolo Giacomo, Santiago de Compostela, ad Petri sedem, Roma e ad sepulchrum Christi, Gerusalemme.

Se buona parte dell'Italia è stata solcata da una delle più importanti vie della fede, conosciuta sotto il nome di Via Francigena, l'Umbria può annoverarsi tra le principali regioni dove ebbe modo di svilupparsi il pellegrinaggio micaelico verso il Santuario di Monte Sant'Angelo in Puglia e quello lauretano verso il Santuario della Santa Casa di Maria.

A queste due direttrici si è aggiunto nel secolo scorso un particolare interesse al ripristino dei sentieri percorsi da san Francesco d'Assisi durante la sua itineranza attraverso l'Umbria e le regioni confinanti. Sono nati i "percorsi francescani" registrati sotto vari nomi sui quali si è riversato l'interesse politico, economico e naturalistico delle realtà locali e nazionali. La maggior parte di questi itinerari si interrompe ai confini dell'Umbria Ternana ritenuta erroneamente povera di "memorie" e loca francescani; in alcuni itinerari infatti solo il sito francescano di Piediluco è contemplato come tappa di passaggio tra la Valle Santa Reatina e la Valle Spoletana.

Valorizzare l'Umbria Ternana attraverso un itinerario culturale non ancora battuto dal turismo di massa, che mantiene tuttora intatti i valori di cui San Francesco fu testimone insieme alla sua famiglia spirituale può offrire al pellegrino o al turista un'alternativa valida per conoscere il lembo di terra umbra che lega i territori di Terni, Narni e Amelia e ripercorre le tappe lungo i centri urbani, gli spechi, gli eremi, i conventi e i siti naturalistici cari al Poverello d'Assisi.

MOTIVI DI UN PELLEGRINAGGIO A PIEDI

Al di là delle molteplici  motivazioni presenti alla partenza – spirituali, esistenziali, culturali oppure moda, noia, semplice curiosità - che portano comunque tante persone a farsi nuovamente viandanti, a rispondere sempre più numerose alla suggestione di ripercorrere lenti e ormai desueti itinerari, ci interessa sottolineare la scoperta che all'arrivo accomuna e trasforma ogni singolo che percorre i sentieri che portano verso i luoghi della fede, in un popolo in cammino.

Oggi, il cammino sembra farsi simbolo dell'allontanamento da una condizione di vita frenetica, ma al tempo stesso bloccata alla ricerca di priorità legate a valori più profondi, intimi, essenziali. Nel cammino, liberandosi di tutto - luoghi e persone, possessi e averi - si ha la possibilità di cercare l'essenziale e, in questo vuoto, di trovare lo spazio per nuove priorità; assumendo un ritmo più lento, ritrovando
la cadenza del proprio passo, ci si può interrogare sul significato della nostra vita e si creano le premesse per ridare la giusta direzione al nostro percorso esistenziale.

Camminando in gruppo, ciascuno può scoprire sul volto dell'altro la sua fatica nell'affrontare la montagna, la serenità dell'andatura in pianura e la soddisfazione all'arrivo: il cammino porta all'incontro e alla relazione, educa alla condivisione e al sostegno  reciproco.

Infine, pur non prendendo nulla per sé, il viandante guarda e gode e si nutre del creato nel quale cammina; ascoltando le voci della natura può permettersi di sentire nascere dentro di sé un contatto più vero con la natura della quale torna a sentirsi parte, creatura tra le creature.

Percorrendo il Cammino dei Protomartiri francescani, più che in qualunque altro luogo, lo sguardo può riaprirsi allo stupore  che proprio in questi luoghi portò San Francesco a elevare il suo cantico alle creature; percorrendo questi sentieri, giungendo negli urbani, gli spechi, gli eremi, i conventi e i siti naturalistici, luoghi dove si affaccia il 'Sacro' dei "veri frati minori", le dimensioni personali possono coniugarsi con la fede, è possibile superare il limite della propria ricerca ed aprirsi al Divino: allora il cammino può trasformarsi in pellegrinaggio lungo i centri cari al Poverello d'Assisi e il viandante in pellegrino.

SCOPO DEL PROGETTO

Lo scopo del progetto è quello di promuovere sia nel nostro territorio che nel resto di Italia, la conoscenza storico-religiosa dei luoghi di provenienza dei Protomartiri Francescani.

    

PROGETTO

Dopo aver ricevuto l’approvazione del nostro Vescovo, abbiamo presentato il progetto alla Provincia di Terni che ha da subito manifestato il suo interesse tant’è che ha ufficializzato il suo coinvolgimento con l’emanazione del comunicato stampa del 21/02/2011 “Ha preso il via in Provincia nei giorni scorsi il progetto del “Cammino dei Protomartiri francescani”, un itinerario turistico-religioso che ha l’obiettivo di promuovere il territorio compreso fra Terni, Narni, San Gemini, Calvi dell’Umbria e Stroncone e di implementare ulteriormente l’offerta turistica provinciale. “Il Cammino dei Protomartiri francescani” è promosso dalla Compagnia dei Romei di San Michele Arcangelo e dalla Diocesi di Terni, Narni e Amelia ed è coordinato e sostenuto dalla Provincia di Terni. Coinvolge i Comuni di Terni, Narni, San Gemini, Calvi dell’Umbria e Stroncone ed è finalizzato a valorizzare storia, ambiente, arte e sacralità mettendo a sistema un patrimonio di grandissimo valore sotto l’aspetto ambientale, paesaggistico, storico-religioso e culturale. Si tratta di un progetto molto ambizioso e dal grande fascino che si ispira al cammino di Santiago di Compostela…”  Anche il Comune di Narni (TR) ha inserito il progetto nel suo sito istituzionale con un articolo in data 07/05/2011.

Riteniamo che il progetto sarà completamente definito entro quest'anno (2011) e che il Cammino dei Protomartiri Francescani sarà operativo dal mese di Maggio del 2012.

    

Abbiamo effettuato dal 5 Giugno al 11 Giugno 2011 un pellegrinaggio di Compagnia "sperimentale" per verificare se quanto teorizzato corrispondesse a realtà. Il pellegrinaggio "Cammnino dei Protomartiri Francescani" 2011 è stato meraviglioso (vedi articolo). In questa sede ringraziamo vivamente il Comune di Calvi dell'Umbria e il Comune di San Gemini per l'accoglienza riservataci. Ringraziamo anche la San Gemini Spa per l'ospitalità manifestataci.

Il 5 agosto 2011 sulla RAI è andato in onda il documentario sui Protomartiri Francescani  ed ora è visionabile direttamente sul sito della Rai, segue il link preciso:

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-e24805d5-6b68-46af-acbf-5a8108160d4e.html

Setembro 2011

Le piú belle foto del mese...

***

Perugia: Soggiorno Socio-Culturale Giovani Umbri di Australia e Brasile

01-31/08/2011

      (Il Presidente del CRE Orfeo Goracci con Ricardo e Renato)

     Neste mês de agosto, tivemos a oportunidade de visitarmos pela primeira vez a bela região da Umbria, assim como estudar italiano, reencontrar os familiares e aprender muito sobre a região: cultura, arte, arquitetura, culinária; uma experiência única.

      Em nosso grupo haviam oito australianos e três brasileiros, todos muito animados pela oportunidade de visitarem a região de seus antepassados.

      Ficamos na Casa dello Studente Z. Faina, próximo ao Palazzo Gallenga da Università per Stranieri di Perugia, onde frequentávamos durante a semana o Corsi di Lingua e Cultura Italiana. Uma belíssima universidade, com excelentes professores.

      Também tivemos a oportunidade de visitar o Palazzo Donini para um encontro com representantes da Região da Umbria: Orfeo Goracci, Alessandro Maria Vestrelli, Carla Piatti e Zelinda Caporali.

      Aos finais de semanas visitávamos as cidades mais importantes da região: Santa Maria degli Angeli e Assisi, Gualdo Tadino, Gubbio, Spoleto e por fim Orvieto. Todas muito belas e com muita história, porém cada qual com suas tradições e costumes, tornando cada passeio uma nova experiência.

       Gostaríamos de agradecer a Associação Umbri do Brasil e a Regione Umbria por esta incrível viagem. (Ass. Ricardo Boggi e Renato Boggi)


 01.09.2011 - Perugia, NOTIZIE DALL'UMBRIA :

http://www.corrieredellumbria.it/resources//Pdf%20Prime%20Pagine/PG_01.pdf 

Agosto 2011

Le piú Belle foto del Mese...

***

30.08.2011 - 

Da Londra a New York in treno... La Russia crede nel progetto;

Mosca ha dato il via libera al tunnel sotto lo stretto di Bering tra Siberia e Alaska da 70 miliardi di euro.

Già lo zar Nicola II sognava nel 1905

MILANO - L'idea di unire Russia e America per via sotterrana esiste da oltre cento anni: già lo zar Nicola II sognava nel 1905 un tunnel che potesse collegare la punta più a ovest della Russia con gli Stati Uniti attraverso lo stretto di Bering. Sebbene quella visione sia stata più volte riproposta, i progetti sono sempre stati accantonati. Ora le cose potrebbero cambiare: la Russia ha infatti dato il via libera al tunnel sottomarino da 70 miliardi di euro, il più lungo del mondo, oltre il doppio dell'Eurotunnel sotto la Manica. In linea teorica, i passeggeri potrebbero in futuro salire in treno a Mosca e scendere a New York, non dimenticando però di mettere in valigia una buona dose di pazienza.

IL DOPPIO DELLA MANICA - Tra qualche decennio un tunnel lungo più di 104 chilometri sotto lo stretto di Bering potrebbe collegare l'emisfero orientale con quello occidentale. Il Cremlino ha dato luce verde al «progetto ferroviario più imponente di tutti i tempi», che permetterà un collegamento diretto tra la Russia e l'Alaska. Da oltre un secolo ingegneri e imprenditori aspettano impazienti questo tunnel. Anche lo zar Nicola II fantasticava con l’idea di collegare la Russia con il Nord America. Allora, nel mirino dello zar c’era l'Alaska ricca di materie prime che la Russia aveva «svenduto» agli americani nel 1867. Se i sogni di realizzazione di questo progetto fantascientifico svanirono quasi subito con la Rivoluzione russa e la Grande Guerra, i funzionari russi vogliono riprendere in mano quei piani. Come ha riferito nei giorni passati il Daily Mail, il Cremlino ha dato la sua benedizione al progetto: a sostenere l'idea sono alcuni dei massimi funzionari del presidente Dmitri Medvedev, tra i quali Aleksandr Levinthal, vice rappresentante federale nel distretto dell'estremo oriente russo. Secondo il tabloid inglese non ci sono più ragioni tecniche che impedirebbero la costruzione del tunnel sotto lo stretto. Un'infrastruttura, spiegano alcuni esperti, che renderebbe più economico, più sicuro e più rapido il trasporto delle merci che a oggi si sviluppa per mare, e il cui costo potrebbe essere ammortizzato in quindici anni dagli investitori.

VIAGGIO DI DUE SETTIMANE - Il tunnel potrebbe anche infrangere nuovi record per il trasporto passeggeri e permettere un collegamento ferroviario Londra-Mosca-New York. Tuttavia, i passeggeri si vedrebbero costretti a mettere in conto qualche incoveniente, per alcuni potenzialmente irritante: il Mail calcola infatti che un viaggio da Mosca a New York potrebbe comportare più di 14 giorni; da Londra, invece, sarebbero quasi quindici. ll tunnel collegherebbe la località di Uelen, in Russia, con il capo Principe di Galles in Alaska. In un primo passo Mosca vuole però estendere la rete ferroviaria in Siberia, in modo da consentire il collegamento con il tunnel: entro il 2013, infatti, la Transiberiana si estenderà di 804 chilometri a est fino alla città di Yakutsk, e di quasi 3.800 chilometri entro il 2030. Per completare effettivamente il tunnel servirebbero poi altri quindici anni. Anche sul versante statunitense, in Alaska, sarebbe necessario un ampliamento della rete ferroviaria. Infatti: finora non esiste una linea ferroviaria sulla costa occidentale dello Stato americano. Il link intercontinentale potrebbe in ogni modo far fronte a circa il 3% del trasporto merci globale. Dal Corriere della Sera (scineze).

Julho 2011

05.07.2011 - Roma

FURTO DEL SECOLO: MILIARDI DI EURO SOTTRATTI A 200.000 PENSIONATI EX EMIGRATI ?

veja aqui: http://www.emigrazione-notizie.org/news.asp?id=8844


Se non fosse che viviamo in tempi in cui tutto può accadere, la notizia avrebbe dell’incredibile.
Invece vivamo in tempi in cui tutto – anche le cose più abominevoli – accadono. Quindi la notizie ha una sua indiretta credibilità. Ma come consiglia Roberto Benigni, premettiamo: "Se così fosse..., ma vogliamo credere che non sia così..." In ogni caso, pur tutelando il beneficio di inventario, ma anche l'economia del testo, facciamo finta che il fatto ci sia, come afferma la TV della Svizzera francesce nella trasmissione "Temps Present": in questo caso sarebbero in molti a dover dare risposte... (di Rodolfo Ricci)

Junho 2011

Le piú Belle foto del mese...


21.06.2011 - SAO PAULO - ENVIO COMUNICAÇÃO ASSOCIADOS

 

De: PRESIDENCIA UMBRI DO BRASIL [mailto:presidencia@umbridobrasil.org]
Enviada em: terça-feira, 21 de junho de 2011 16:12
Para: UMBRI BRASILE
Assunto: SOGGIORNO SOCIO-CULTURALE GIOVANI 01-31.08.2011
Prioridade:
Alta

Caros Associados,

com grande prazer informo que também este ano temos nossa participação no programa da REGIONE UMBRIA a beneficio dos emigrantes  e descendentes para:  “SOGGIORNO SOCIO-CULTURALE GIOVANI de 01 até 31 de Agosto de 2011”; os candidatos para as 2 vagas disponibilizadas devem ter os seguintes requisitos:

Ø  Idade: entre os 18 e os 39 anos

Ø  Prioridade 1 : nunca teve oportunidade de viajar para Italia e conhecer a nossa Umbria.

Ø  Prioridade 2 : nunca participou a este programa.

Ø  Prioridade 3 : quem participou só uma vez antes dos últimos  5 anos.  

Pedimos que os interessados enviem rapidamente dados cadastrais até o dias 24.06.2011 para avalhaçao e, envio  ao Departamento Emigração da Regione Umbria para emissão  das passagens.

Informamos  também:  

1.       que os próximos dias enviaremos programação atividades IIº semestre 2011.

2.       que os próximos meses terá convocação de assembléia extraordinária.

No aguardo vossos pedidos de participação,

Abraços a Todos

Sandro Benedetti Isidori

Presidente

Visite nosso Site: www.umbridobrasil.org

09.06.2011 – BRASILIA,  

Cesare Battisti deixa penitenciária em Brasília

O ex-ativista italiano Cesare Battisti deixou a Penitenciária da Papuda, em Brasíia, no início da madrugada desta quinta-feira.

Desde o começo da noite desta quarta-feira Battisti já aguardava fora da cela o alvará de soltura original.

   

O italiano deixou a penitenciária em comapnhia do advogado Luiz Eduardo Greenhalg e foi para o Condomínio Solar de Brasília, no Lago Sul da capital. De acordo com o advogado, Battisti tem amigos no Brasil que podem ajudá-lo e a primeira coisa que ele ficou de fazer foi ligar para suas filhas.

- Battisti vive um momento de angústia, mas agora é uma angústia nova de reconstruir a vida. Ele está sereno e humilde. Nao é uma celebridade voltando do Festival de Cannes. É um homem saindo da prisao - disse o advogado do italiano.

Battisti foi condenado em seu país pelo assassinato de quatro pessoas na década de 1970, quando integrava um grupo extremista de esquerda. Ele foi preso em 2007 no Brasil e desde então aguardava a decisão sobre seu caso.

Battisti libero dopo quattro anni lascia il carcere di Brasilia

Il ministro degli Esteri Franco Frattini ha deciso il richiamo temporaneo a Roma, per consultazioni, dell'Ambasciatore a Brasilia, Gherardo La Francesca, dopo la decisione del Tribunale supremo federale brasiliano che ha negato l'estradizione di Cesare Battisti. La Farnesina lo ha reso noto con un comunicato. «Il richiamo -si legge nella nota del ministero degli Esteri - è stato deciso per approfondire, insieme alle altre istanze competenti, gli aspetti tecnico-giuridici relativi all'applicazione degli accordi bilaterali esistenti, in vista delle iniziative e dei ricorsi da esperire in merito nelle sedi giurisdizionali internazionali».

Intanto, Battisti ha rotto il silenzio: «Non voglio che questi momenti siano visti come la celebrazione di un trionfo: è necessario rispettare le istituzioni e le famiglie» delle vittime, ha detto Battisti in partenza da Brasilia, secondo quanto riporta il giornale brasiliano "Estado de S.Paulo".

Frattini nega che il richiamo preluda a un ritiro del diplomático,  “non è un trionfo, rispetto istituzioni e vittime
Il ministro degli Esteri, Franco Frattini, ha negato che il richiamo preluda a un ritiro del diplomatico. Interpellato dai giornalisti a Trieste a margine di un incontro dei ministri dell'Ince (Iniziativa centro europea), il ministro ha detto: «No, prelude alla valutazione della situazione». E ha aggiunto: «Abbiamo detto che dovremo lavorare per un ricorso internazionale alla Corte dell'Aja. Vogliamo sapere in che atmosfera si è svolta questa procedura giudiziaria che ovviamente ci ha profondamente deluso e vogliamo capire quali sono, anche ad avviso dell'ambasciatore, i passi migliori da compiere. L'ambasciatore ha avuto degli avvocati brasiliani molto validi che ci hanno sostenuto e che ci daranno dei consigli», ha concluso Frattini.

Una decisione politica, quella brasiliana, non giuridica 


Sulle responsabilità della Farnesina, il ministro ha precisato che «ovviamente tutti sanno che quello che non abbiamo potuto ottenere per via di un ricorso giudiziario nazionale, lo potremo ottenere per un ricorso giudiziario internazionale. Quello che mai avremmo potuto e dovuto fare, e non l'ha fatto il Capo dello Stato e men che meno lo fa il governo, è una pressione indebita su quel governo». Il titolare della Farnesina ha detto che è stata «rispettato l'autonomia del Brasile, abbiamo auspicato una decisione serena delle autorità brasiliane e invece c'è stata una decisione politica e non giuridica. E di fronte a questo non c'è diplomazia che tenga».

Manifestazione dinanzi all'ambasciata con il ministro Meloni 


Alcune decine di manifestanti si sono riuniti dinanzi all'ambasciata brasiliana, a Roma, in una protesta organizzata dalla Giovane Italia per contestare la liberazione dell'ex terrorista italiano decisa dalla Corte suprema in Brasilia. Protesta che ha visto l'adesione di Riva Destra e la partecipazione del ministro delle Politiche giovanili, Giorgia Meloni. «Vergogna», «Battisti vattene in galera», «Cesare Battisti è solo un assassino» gli slogan dei manifestanti. «Sono decine e decine i cittadini brasiliani - ha detto il ministro Meloni - che sulle nostre pagine Facebook ci hanno scritto per esprimere l'indignazione nei confronti della scelta del loro governo». E ha invitato «questi cittadini brasiliani a organizzarsi per far sentire la loro indignazione dandoci così una mano». Per la Meloni infatti «la nostra non è una battaglia contro il popolo brasiliano, ma è una battaglia di giustizia nei confronti di alcune istituzioni del governo di Brasilia che non stanno riconoscendo trattati bilaterali di amicizia».

04.06.2011 - Da AVVENIRE DEI LAVORATORI

LAVORO E DIRITTI

FINCANTIERI RITIRA IL PIANO INDUSTRIALE

Circa mille lavoratori in corteo contro i licenziamenti. Poi l'annuncio dell'ad Giuseppe Bono durante il tavolo al ministero dello Sviluppo economico. Il progetto prevedeva 2.550 esuberi e la chiusura di alcuni stabilimenti. Al via due tavoli regionali. 

"Il piano presentato nei giorni scorsi non era una novità per nessuno, io sono una persona che si assume le sue responsabilità ma con gli attacchi subiti da tutte le parti, da destra e sinistra, anche la mia forza viene meno. Ritiro il piano e spero che cosi si possano esorcizzare le tensioni". È quanto avrebbe affermato l'amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, secondo quanto riferiscono fonti sindacali presenti all'incontro che si è svolto al ministero dello Sviluppo economico. Il progetto prevedeva 2.550 esuberi e la chiusura di alcuni stabilimenti.

 

Il corteo dei lavoratori giunti nella capitale da tutta Italia, fermo vicino l'arco di Costantino, ha accolto la notizia con applausi e grida. "È un primo risultato, la battaglia continua", ha detto ai manifestanti il segretario generale della Fiom di Genova, Franco Grondona. E, rivolto allo schieramento di polizia che ha impedito alla manifestazione di arrivare al Colosseo, ha aggiunto: "Saluto e ringrazio anche le forze dell'ordine che volevano farci il trappolone...".

Il ministro dello Sviluppo Economico, Paolo Romani, al termine del tavolo con azienda e sindacati, ha annunciato che ora verranno aperti due tavoli regionali, uno ligure e uno campano. "Il governo ha preso atto e apprezzato la decisione della Fincantieri. Nei prossimi mesi, con i tavoli si potranno trovare soluzioni compatibili con livelli occupazionali adeguati".

La lotta di Pannella per l’amnistia e la democrazia

Pannella (a ottantadue anni) è da quaranta giorni in sciopero della fame contro la condizione carceraria in Italia. Nel nostro paese  i detenuti vengono stipati nelle celle in condizioni spesso disumane. La protesta del leader radicale – che si sta diffondendo nei penitenziari e al di fuori di essi – è una battaglia di civiltà.

 Don Andrea Gallo

Totale solidarietà e appoggio alla lotta nonviolenta di Pannella per l’amnistia e la democrazia. Marco Pannella per me è da sempre uno dei massimi punti di riferimento per la difesa dei diritti civili di tutte le persone: quelle italiane, ma non solo loro: anche gli stranieri, che sono detenuti nelle carceri. Dunque, massima, massima, massima solidarietà con Marco.

Ricordo anni fa, siamo partiti, lui, io e tantissime altre persone, da via della Conciliazione a Roma fino al Quirinale, era la marcia di Natale per l’amnistia e l’indulto, mi fece parlare sotto il carcere di Regina Coeli…

Marco Pannella, dal 20 aprile in sciopero della fame per la democrazia, la legalità, la giustizia


L’obiettivo è questo: se andiamo a cercare nella Costituzione di questo paese, che ha avuto Cesare Beccarla, e dovrebbe essere un nostro vanto: è previsto, prescritto come obbligo quello del reinserimento del detenuto.

C’è una legge inapplicata, e così abbiamo le carceri come discariche sociali…Quindi ben venga l’iniziativa di Marco Pannella: io vorrei essere come lui, io sono con lui: incarna i valori cristiani, ma anche quelli socialisti, liberali. Totale solidarietà dunque con la sua lotta, ed è chiaro che la sua è una lotta per una riforma generale della Giustizia. Marco ha ragione: la politica, la partitocrazia non riesce a rinnovarsi, il loro unico obiettivo non è essere al servizio dei cittadini, per il bene comune, ma entrare nelle stanze del potere.

Questo significa che non c’è democrazia, stiamo andando alla barbarie. Il digiuno, la lotta di Pannella dovrebbe stimolare tutti gli uomini e le donne di buone volontà.

IPSE DIXIT

Grandezza 1 - «La grandezza non consiste nel ricevere onori, ma nel meritarli.» – Aristotele

Grandezza 2 - «Noi invece che abbiamo per patria il mondo, come i pesci il mare, noi che prima di metter denti abbiamo bevuto l’acqua dell’Arno e amiamo Firenze tanto da subire ingiustamente l’esilio per averla amata, noi poggiamo la bilancia del nostro giudizio sulla ragione piuttosto che sulla sensazione.» – Dante


***

Maio 2011

Le piu belle foto del mese...

Abril 2011

Le piu belle foto del mese...

***

Feliz Pascoa

a todos os associados e aos amigos

da Regione Umbria

MARÇO 2011

30.03.2011 - ASSEMBLEIA GERAL ORDINARIA

 

***

12.03.2011 - Japáo: Terremoto e Tusumani...

Um forte terremoto de magnitude 8,9 - de acordo com a medição da agência americana US Geological Survey - atingiu o Japão por volta das 15 horas (horário local). Pela medição da Agência Meteorológica do Japão, o tremor foi de 8.4.

O epicentro foi na costa próximo à província de Miyagi, a 373 quilômetros da capital. alerta de tsunami para ondas de até 10 metros em toda a costa do Pacífico. A Agência Meteorológica emitiu. As ondas podem atingir também as Filipinas, o Havaí, a costa pacífica da Rússia, a Indonésia, Taiwan e mesmo países da América do Sul como o Chile.

Em Sendai, capital da província de Miyagi, os sismógrafos registraram tremores de até 7 graus na escala japonesa. A energia elétrica e o gás foram cortados na cidade. Outras duas réplicas, de magnitude inferiores a 6, atingiram o arquipélago e fizeram com que os prédios na capital balançassem continuamente.

O epicentro do abalo se deu no fundo do mar, a uma distância de 160 quilômetros da costa, no mesmo local onde ocorreu um terremoto de 7,3 graus na última quarta-feira. mostrou imagens de barcos e carros sendo arrastados pelo tsunami na região mais a leste de Tóquio. A TV pública NHK. Muitas casas e regiões agrícolas foram atingidas pelas águas.

Ainda não se sabe o número de mortos e feridos. Mas a tevê japonesa já noticiou a morte de seis pessoas, carregadas pelas águas do tsunami.

Em Chiba, tanques de uma companhia de gás pegaram fogo e há risco de explosão na área.

A rede TBS mostrou um prédio em chamas na ilha futurística de Odaiba, em Tóquio. Os trens e o metrô pararam de circular e milhares de pessoas deixaram os altos edifícios comerciais da capital, lotando as ruas.

Em 1933, um terremoto de magnitude 8,1 atingiu a região metropolitana de Tóquio e matou mais de 3 mil pessoas.

Os tremores de terra são comuns no Japão, um dos países com mais atividades sísmicas do mundo, já que está localizado no chamado 'anel de fogo do Pacífico'. O país é atingido por cerca de 20% de todos os terremotos de magnitude superior a 6 que acontecem no mundo.

O Tremor de 8,9 de magnitude foi um dos mais fortes da história.

As fotos da destruiçao...

***

Brasil Carnaval 2011

***

Carnevale di venezia

 

 

 

 

 

FEVEREIRO 2011

Le piú belle foto del mese...

***

12.02.2011 - PERUGIA - Si tenta il reintegro in giunta per un equilibrio nel PD... 

Un’altra ipotesi prevede il reintegro in giunta ma l’ambita delega resterebbe nelle mani della Marini. In pole la Cecchini, al suo posto Brega, presidente del consiglio Locchi e Riommi capogruppo.

Assessorato Fernana Cecchini tra i papabili per la Sanità

Tutti i riflettori sono sul Dap. Lo snodo strategico rappresenta la prima grande prova della tenuta del centrosinistra in questa legislatura. Non si sa se sarà coronata da successo. Ieri ne ha nuovamente discusso il gruppo del Pd in consiglio regionale, in vista della riunione della maggioranza di martedì prossimo, mentre la presidente Catiuscia Marini, dopo la tre giorni romana, ha esaminato le proposte di modifica presentate fin qui dall'Italia dei valori, dal consigliere del Pd Gianfranco Chiacchieroni e dal pidiellino Massimo Monni. Anche il Prc presenterà le sue, mentre al gruppo del Ps guidato da Massimo Buconi il Documento annuale di programmazione va bene così com'è, senza però appiattimenti, i socialisti hanno le loro sensibilità e lunedì ne daranno conto in una conferenza stampa. Ma mentre di Dap si discute ufficialmente in ogni sede, cammina sotto traccia fra insistenti pressioni e acute predizioni la regina delle questioni: chi sarà l'assessore regionale alla Sanità. Dalle parti di Palazzo Donini sostengono che non è ancora arrivata la fase delle decisioni. Si naviga in mare aperto, in un orizzonte piuttosto nebbioso nella cui umidità fioriscono ipotesi e scuole di pensiero. Una, fra queste, forse la più accreditata, fa intravvedere un'operazione di ben più ampio respiro, le cui dimensioni costringerebbero ad un rimescolamento delle carte non solo in giunta, ma anche in consiglio. Non è l'inserimento chirurgico di una tessera, ma la ricomposizione di un mosaico. L'operazione, che è tutta interna ai democratici, non coinvolgendo le responsabilità istituzionali e di governo degli alleati, prefigurerebbe uno scenario davvero inedito: alla sanità andrebbe l'attuale assessore all'Agricoltura Fernanda Cecchini e a ricoprire il suo posto verrebbe chiamato il democratico Eros Brega, attualmente alla guida del consiglio regionale.

Lo scranno più alto di Palazzo Cesaroni verrebbe occupato dall'attuale capogruppo del Pd Renato Locchi e al suo posto andrebbe l'ex assessore alla Sanità Vincenzo Riommi.

Quattro mosse ardite per un piccolo terremoto. Da una parte la soluzione rimetterebbe in discussione gli assetti istituzionali della massima assemblea e produrrebbe in giunta un mini rimpasto di deleghe. Dall'altra chi la sponsorizza ne sottolinea il tornaconto politico: quello di un riequilibrio e di una pacificazione nel Pd in Regione, dove insiste un malessere che si manifesta in continue fibrillazioni, su cui pesano non solo convincimenti diversi su questo o quel problema, ma anche la mai sopita insoddisfazione per ruoli che non sono quelli che ci si aspettava di ricoprire all'inizio della legislatura. Uno stato di tensione che ha avuto il parossistico culmine nell'ultima disastrosa seduta del consiglio dedicata ai Gasp e ai santi. Sulla scelta dell'assessore naturalmente incidono parecchio la nuova convenzione con l'Università, l'ipotesi dell'azienda integrata, il ruolo di Terni e la sua volontà di non perdere peso nella nuova architettura sanitaria regionale. C'è un'altra ipotesi che è in vivace dialettica con la prima ed è quella che prefigura uno scenario con sommovimenti più contenuti, almeno all'apparenza: il posto in giunta lasciato vuoto da Riommi verrebbe reintegrato, ma non attraverso l'assegnazione della delega alla sanità, che resterebbe nelle mani della presidente, se non altro per metterla a riparo dalle pressioni, dalle spinte, dai troppi interessi che in questa fase si stanno addensando sul comparto e sul suo destino. Reintegrazione del posto - con l'ingresso di Brega o di Locchi -, ma non della delega, può voler dire uno spacchettamento delle competenze, una loro diversa distribuzione. C'è una scuola di pensiero che ritiene questa la soluzione migliore non solo per sottrarre la sanità ai condizionamenti di aree e sottoaree politiche, ma anche per lasciarla nelle mani di una presidente a cui non dispiace governare la programmazione sanitaria. Lo staff di supporto è forte e affidabile: ci sono i super direttori generali Lucio Caporizzi ed Emilio Duca, e c'è l'ex direttore generale al ramo Paolo Di Loreto, che farebbe da supporto soprattutto nel confronto con lo Stato per la strategica distribuzione delle risorse. Ipotesi e contro ipotesi che si affrontano come spadaccini all'ultimo duello e che momento fanno restare la soluzione per l'assessore alla sanità in un limbo. lucia.baroncini@libero.it
Lucia Baroncini

Le piú belle foto del mese...

GENNAIO 2011

Le piú belle foto del mese...


IPSE DIXIT

(l'avvenire dei lavoratori)


La necessità di difendersi - «“Pudore e Giustizia” era la coppia di concetti che regolava i rapporti sociali. . . L’estrema alterigia, l’inverecondia, la sfacciataggine, l’esercizio deliberato e programmatico della provocazione e dell’intolleranza tipico del comportamento cinico... fanno parte di una conformazione psichica, alla base della quale sta la necessità di difendersi soprattutto dal senso di colpa.» – Mario Perniola


Dieci anni di più - «Per rimanere vivo il più a lungo possibile. L'amore delle donne, parenti, figlie, mogli, amanti, è molto pericoloso. La donna è infermiera nell'animo, e, se ha vicino un vecchio, è sempre pronta ad interpretare ogni suo desiderio, a correre a portargli quello di cui ha bisogno. Così, piano piano, questo vecchio non fa più niente, rimane in poltrona, non si muove più e diventa un vecchio rincoglionito. Se invece il vecchio è costretto a farsi le cose da solo, rifarsi il letto, uscire, accendere dei fornelli, qualche volta bruciarsi, va avanti dieci anni di più.» – Mario Monicelli




Dezembro 2010

Um Maravilhoso

a tutti i nostri corregionali in

Australia - Sidny

Italia

UE - Paris

UE - London

Sudamerica - Buenos Aires

Sudamerica - Rio de Janeiro

Sudamerica - Sao Paulo

Nordamerica - New York

Nordamerica - Vancouver


Um Maravilhoso


Buon Natale


PERUGIA 24.12.2010 - Regione Umbria,

La presidente traccia la rotta per il 2011.

Conferenza stampa a tutto campo della governatrice: “Il nuovo assessore alla sanità? Deciderò io”. Marini: “ Crescita economica, welfare e riforme al centro dell’azione di governo”.

Presidente Catiuscia Marini nella conferenza di ieri

Il 2011 avrà tanti tremendi tormenti, l’economia che traballa, la crescita che stenta, il lavoro che arranca, i tagli che opprimono, ma qui, nella sala della giunta regionale piena come un uovo di cronisti e fotografi, dirigenti e segretari, è il tormentone dell’assessore alla sanità ad aggirarsi come un assillante, dispettoso fantasmino natalizio. Si cerca un nome che Catiuscia Marini, elegantissima in tailleur nero, fermamente non dà. Almeno una sembianza. Neppure. Un connotato tecnico o politico. Neanche a parlarne. “Intendo avvalermi con saggezza ed equilibrio della facoltà di scegliere che è una prerogativa esclusiva della presidente”, scandisce più volte incalzata. Non ha esitazioni, la governatrice dal bel temperamento, neppure quando invia secca un messaggio alla magistratura, nelle cui mani è l’inchiesta volgarmente nota come “sanitopoli”: “A tre mesi dal suo inizio, di questa indagine non conosciamo alcun contenuto, a parte ciò che scrivono i giornali. La presidente vuole sapere se ci sono provvedimenti giudiziari riguardanti il sistema sanitario regionale. Questo sarà un elemento di valutazione per la nomina dell’assessore”. Per carità, non si tratta di una scelta condizionata dalla magistratura, su questo Marini non vuole lasciare dubbi: “Dobbiamo capire se la sanità è il cuore di quella indagine. Per il resto la politica deciderà autonomamente”. Dopo di che, in questi mesi di gestione diretta della governatrice, la sanità umbra “non è stata ferma, ha assunto i provvedimenti anche importanti, come l’abbattimento delle liste di attesa e la convenzione con l’Università per l’azienda integrata”. Eccolo schierato, per il primo tagliando, il governo regionale che poco prima, in un’altra conferenza stampa (servizio nella pagina accanto), il centrodestra ha bollato le soavi parole di Al Capone: “Una giunta tutta chiacchiere e distintivo”. La governatrice alza il sopracciglio: “Il giudizio sulla maggioranza e sul governo regionali lo danno i cittadini. Lo hanno fatto recentemente, esprimendosi negativamente sul centrodestra”. E poi tutte quelle riforme “di facciata”, insiste l’opposizione. Marini non si scompone: “Stiamo facendo riforme sostanziali, è il centrodestra che non è pronto a misurarsi con le stesse sfide”. Ma poi, l’opposizione su alcune cose è stata più ragionevole di quanto le sue pistole fumanti facciano credere: “Provvedimenti importanti, come il Piano per la casa, quello sull’offerta formativa, il governo del territorio, hanno avuto l’attenzione positiva della minoranza”. La quale è sempre attenta ai sondaggi: “Verifichi, allora, se nelle ultime rilevazioni l’azione coerente del governo regionale trova il consenso della maggioranza degli umbri”. Forse qualche problema c’è invece nel centrosinistra, con quella storia delle mozioni sulla pillola abortiva e sui rifiuti presentate dagli ex Dl di palazzo Cesaroni. Sembra che la settimana prossima Marini incontrerà per un chiarimento il presidente del consiglio Eros Brega, intanto però ieri ha piantato solidi paletti: “E’ naturale che su temi con valenza etica, come la Ru486, ci sia un pluralismo di opinione non riconducibile a maggioranze o minoranze. Ma sulla pillola le Regioni sono obbligate a garantirne la somministrazione nel rispetto della 194. I limiti sono quelli. Qualunque trattamento sanitario non può essere sottoposto all’opinione della presidente, del consiglio regionale o di altre autorevoli fonti della società regionale, può essere deciso solo dai rappresentanti medici e sanitari sulla base di quanto stabilito dal comitato scientifico regionale”. E sui rifiuti e la rivisitazione del Piano regionale - altra richiesta degli ex Margherita - neanche a parlarne, “non ci sarà alcuna modifica, va attuato quello in vigore”. Certo, questo Pd pieno di turbolenze anche in Umbria preoccupa. A proposito, la presidente cosa pensa, dove deve andare, a sinistra o al centro? “Un partito svolge la sua funzione se ha l’ambizione di governare. Il Pd deve seguire la strada di governare il Paese nell’interesse dei cittadini”. Chissà se la governatrice quarantenne si sente come Renzi una “rottamatrice” di vetuste classi dirigenti? “Non userei mai il verbo “rottamare” riferito a persone, ma credo che più che sull’età sia meglio puntare su ciò che si fa, poi siano i cittadini a giudicare se le nuove generazioni sono state all’altezza delle sfide di governo”. La squadra di palazzo Donini, nella prima foto di gruppo, si mostra come un collettivo affiatato pronto a vincere - alla peggio, pareggiare - il campionato più difficile della legislatura, quello del 2011. Gli assessori parlano e non succedeva da dieci anni, la presidente lascia grande spazio anche ai giornalisti e tutto finisce in diretta su internet. Un bel guardare: democrazia e modernità a braccetto. Ma se fossero queste le difficoltà per il governo regionale, l’anno a venire sarebbe una scampagnata, invece la direzione di marcia è tra le più impervie e accidentate. Marini ne detta le priorità strategiche, legate tutte dal “fil rouge” della crescita economica e produttiva: le risorse disponibili, soprattutto europee, andranno lì, a sostenere imprese, a difendere con il Piano del lavoro il futuro di giovani e donne, a incentivare l’innovazione coinvolgendo 170 aziende umbre, a rilanciare il welfare, la salute, la coesione sociale, la cultura, l’istruzione, le infrastrutture. Facendo, insomma, come i salmoni, risalendo coraggiosamente la vorticosa corrente. Senza aumentare le tasse, fisse al palo del 2,8 per cento dal 2000. Una sfida che richiede uno “sforzo straordinario” e un piglio riformatore che “verrà accelerato”. Non sono dettagli i conti in equilibrio anche nel 2010 della sanità, la semplificazione amministrativa che presto diventerà legge, come lo è già diventata quella che cancella le Comunità montane e che ha creato un unico Ater e un’unica Azienda dei trasporti. E poi i fondi confermati per le manifestazioni culturali, la ricerca testarda di una intesa col governo per il Nodo di Perugia e altre importanti infrastrutture, il cento per cento delle borse di studio assicurate agli studenti delle due università perugine, la spinta per la raccolta differenziata e il termovalorizzatore. Anche in Umbria i tagli sono una grandine, ma la giunta di Palazzo Donini cerca di aprire un gigantesco ombrello per le fasce più deboli, i servizi che contano, i bisogni incomprimibili dei cittadini, fra i quali, guarda un po’, c’è anche la cultura, volano economico come l'ambiente. Il governo regionale promette che non si farà schiacciare dai tagli, un centinaio di milioni di euro nel 2011, 124 nel 2012. L’assessore Franco Tomassoni parla di una “manovra di guerra” che Palazzo Donini affronterà contenendo i costi di funzionamento dell’ente, la spesa corrente, ritardando la stipula di mutui, riallocando risorse non spese e riscrivendole nel bilancio 2011 in funzione delle attuali priorità. Anche il parco auto dimagrirà drasticamente, tanto per dire. La notizia è che “non ci sono tesoretti”, con buona pace per chi l’ha sostenuto per settimane. Anche quello un tormentone, seguito dal terno al lotto giocato ogni giorno sul futuro assessore della sanità.  Lucialucia.baroncini@libero.it Baroncini


Lo Strillone racconta


Sao Paulo, 01.12.2010

CONVITE

Almoço de Natal 2010

Edificio Italia 12.12.2010

É com grande prazer que anunciamos mais um Almoço de Natal da Associação Umbri do Brasil. Este ano teremos a honra da presença da Presidente da Região Umbria, a Sra. Catiuscia Marini além das autoridades que sempre nos acompanham nas atividades da associação.
É o evento de Confraternização mais importante que ocorre entre Umbri, seus descendentes e amigos em conjunto com as autoridades italianas.

Será oferecido um almoço delicioso e apresentadas as atividades planejadas para o ano 2011, um ano muito especial por ser o estipulado pelo Governo Federal com o Governo Italiano, como o “ANO DA ITÁLIA NO BRASIL”!

Teremos também atrações musicais e vários momentos para que possamos interagir, abrindo um espaço inesquecível para expressar o que a nossa umbrasilidade nos oferece tanto em termos culturais, sociais, econômicos e humanos. Você é nosso convidado especial e não pode faltar!

Data: dia 12 de Dezembro, domingo,
Horas: às 12:30 h. 
Local: Círcolo Italiano, Av. São Luiz, 50
Telefone: 2189-2900

Traga filhos, sobrinhos, pais, outros umbri que por ventura não tenham emails, mas não esqueça de confirmar presença pelo  site www.umbridobrasil.org.br na área CONTATOS ou com as pessoas abaixo! Até breve!

Oriana Monarca White - Diretora Cultural - Tel: 3722 052 ou-3722 5015 – com Kelly ou Alessandra
Aldo Spina – Diretor Secretario - Cel 8196 7390
Pietro Mignozzetti – Vice Presidente – Cel 8285 3439

Un  fraterno abbraccio, 

Sandro  Benedetti Isidori
Presidente


REGIONE UMBRIA: CONSIGLIERE ORFEO GORACCI NEO PRESIDENTE C.R.E. (CONSIGLIO REGIONALE EMIGRAZIONE).

Perugia, 01.12.2010 - La presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, ha delegato il consigliere regionale Orfeo Goracci, a presiedere il Consiglio Regionale dell’Emigrazione (CRE) per tutta la durata della legislatura regionale. “Con la nomina di Orfeo Goracci – ha detto la Marini - intendiamo proseguire il lavoro già intrapreso e continuare a mantenere vivo il legame con i nostri emigrati sostenendo e progettando sempre di più nuove iniziative, anche attraverso le Associazioni degli Umbri che stanno sviluppando una progettualità nuova”. “Una risorsa questa, per le relazioni internazionali e le politiche di promozione dell’Umbria – ha detto la presidente – che va consolidata dando, sempre più, spazio alle giovani generazioni di umbri residenti all’estero, perché possano contribuire da protagonisti alla vita sociale, economica e politica del paese di adozione mantenendo vive le relazioni con i propri luoghi d’origine”.

Novembro 2010

Le foto piú belle del mese...


15.11.2010 - PERUGIA, Preparando o ano da Itália no Brasil,

Chega a São Paulo Catiuscia Marini, Governador da Regione Umbria 

Domingo, dia 12 de Dezembro as 13 hs Catiuscia Marini, Governador da Regione Umbria (2010 - 2015) estará almoçando com Umbri, Descendentes e Amigos da Associação Umbri do Brasil,  no Círcolo Italiano, Av Ipiranga, 344 - Edificio Italia. 

Depois ela partirá para Brasília para várias reuniões entre as quais com o Presidente Lula e a nova eleita Presidenta Dilma  para tratar das atividades da Cooperação Descentralizada Brasil – Italia – que envolve cinco regiões da Itália Central (Umbria, Marche, Toscana, Emilia Romagna e Liguria).

Durante este almoço serão apresentadas as atividades da Associação Umbri do Brasil planejadas para 2011. Entre elas: o lançamento do Prêmio Donna Italiana in Brasile em março, o evento participativo Umbria Viva em maio, o II Encontro de Empreendedorismo em junho  em Perugia, Viajem cultural dos Jovens da Associaçao em Agosto para aprendimento da Lingua Italia na Universidade para extrangeiros de Perugia e a exposição audiovisual/fotográfica Umbria Viva no Conjunto Nacional em outubro, com apresentação da pesquisa e lançamento do livro Umbri in Brasile.

Para agendar-se é só se inscrever no site www.umbridobrasil.org.br . O evento é aberto para Umbri, Descendentes e interessados na Região Umbria e também para familiares e amigos.

Essa é mais uma atividade da Associação Umbri do Brasil demostrando sua modernidade, força e presença e preparando seus associados para acolher a Regione Umbria de forma a integrá-la às histórias e ações dos descendentes que aqui vivem.


10.11.2010: Roma,

SUSANNA CAMUSSO LA PRIMA DONNA ALLA GUIDA DELLA CGIL.

Autonoma, socialista, laica

Susanna Camusso è la nuova segretaria generale della CGIL. È la prima donna ad assumere la leadership del maggiore sindacato italiano: “Non siamo il signornò", ha chiarito subito dopo la sua elezione, definendo l'unità sindacale "un bene irrinunciabile". Quanto alla Fiom ha però puntualizzato: "Non la lasceremo mai sola, mai".

Milanese, 55 anni e una figlia di 21, comincia la sua attività sindacale nel 1975 coordinando le politiche di formazione di base per la FLM di Milano, la categoria unitaria dei metalmeccanici CGIL, CISL, UIL. Dal 1977 dirige la FIOM, la categoria dei metalmeccanici della CGIL, in una zona di Milano per poi cominciare a seguire le politiche del Gruppo Ansaldo. Nel 1980, entra nella segreteria FIOM di Milano, e nel 1986 in quella regionale della Lombardia. Dal settembre del 1993 alla fine del 1997 è in Segreteria Nazionale della FIOM con la responsabilità del settore auto prima e in seguito della siderurgia. Nel Dicembre ‘97 viene eletta Segretario Generale della FLAI Lombardia, incarico che ricopre fino all’elezione a Segretario Generale della CGIL Lombardia nel luglio del 2001.

Nel novembre del 2005 dà vita, insieme ad un gruppo di altre femministe, al movimento di donne "Usciamo dal silenzio" che organizza il 14 gennaio 2006 una grande manifestazione che porta a Milano da tutta Italia oltre 200mila donne e uomini in difesa della libertà femminile, della legge sull’interruzione volontaria della gravidanza e delle conquiste civili.

Nel 2008 entra nella Segreteria Confederale nazionale della CGIL, con responsabilità su settori molto diversi: politiche dei settori produttivi, cooperazione, artigianato e agricoltura. L'8 giugno 2010 viene eletta vicesegretario generale vicario della CGIL.

Il 3 novembre 2010 è eletta segretario generale della Cgil con il 79,1% dei voti, succedendo a Guglielmo Epifani (insieme a lei nella foto qui sotto), al quale lo accouna una rigorosa formazione socialista-riformista.

Il movimento operaio italiano deve molto alle donne, alle molte grandi figure di dirigenti storiche, alle miriadi di quadri intermedi, ai milioni di compagne e lavoratrici costanti, ferme e determinate nel difendere i diritti operai.

Da un secolo e più la CGIL è la maggiore organizzazione sociale progressista del nostro Paese. Dal vuoto politico nasce un rischio per il sindacato: "Sostituirci alla politica, farci partito, sarebbe il nostro più grande errore. Noi difenderemo sempre la nostra autonomia", ha detto la Camusso e ha ragione da vendere nel tener fermo a questo punto. Perché oggi la CGIL è, infatti, praticamente l'unico punto di riferimento per il "popolo di sinistra", rimasto orfano dopo gli tzunami abbattutisi vent’anni fa sui partiti storici del movimento operaio e dopo la lunga fuga valoriale di un’intera generazione di politici spaventati.

Abbiamo assistito in vent'anni a giganteschi trasformismi (per lo più contrari a ogni buon senso oltre che al senso di responsabilità).

L'ultimo di questi trasformismi è stato consumato con lo scioglimento dei DS nel PD. L’avventura veltroniana seguitane, disastrosissima quant'altre mai, ha comportato la caduta del governo Prodi, la lacerazione dell’intero tessuto del centro-sinistra italiano, la sconfitta alle elezioni politiche del 2008 e il ritorno di Berlusconi a Palazzo Chigi, le batoste a Roma, in Sardegna ecc., il crollo dei consensi dello stesso PD dal 33% al 23%.

Noialtri, per quel che vale, ci siamo opposti per anni alla “deriva degli spaventati”: il PCI-PDS-DS aveva dichiarato solennemente a Firenze nel 1998 di voler costruire anche in Italia un grande partito del socialismo europeo capace di candidarsi al governo del Paese; e quindi non avrebbe potuto abbandonare questo progetto originario, provocando l’ennesima spaccatura all’interno della sinistra italiana e internazionale. Pensavamo che ciò non sarebbe stato possibile senza causare più o meno questi tre effetti: a) un notevole spostamento a destra dell’asse politico in Italia; b) un sensibile spostamento a destra dell’asse politico europeo; c) un lieve spostamento a destra dell’asse terrestre. Pensavamo che non avrebbero fatto una cosa così stupida e dannosa. Invece no. E speriamo che sia finita qui. Vediamo ora se Bersani riesce a recuperare, almeno in parte, il danno.

Nel nostro piccolo, noialtri, per quel che vale, l'avevamo detto e ripetuto. Per anni. Nel giugno del 2006 i compagni Belli Paci, Besostri e Pollio Salimbeni promossero a Milano un convegno nel quale, ancora una volta, illustrammo le ragioni per cui era meglio fermarsi prima del disastro. C'erano Mussi, Salvadori, Spini e altra gente seria.

Anche Susanna Camusso intervenne quella sera nella sua Milano. E quando prese lei la parola, tutti, all’Auditorium San Carlo, anche quelli che ancora non la conoscevano, compresero che quella donna incarnava una speranza per la gente dell’intero paese.

Insieme ai nostri più fervidi e sinceri auguri di buon lavoro a Susanna Camusso, riproponiamo alle nostre lettrici e ai nostri lettori il testo di quell'intervento, che ci sembra molto istruttivo.

Testo dell'intervento al convegno: Sinistra come in Europa. Autonoma, socialista, laica (Milano, 20 giugno 2006)

di Susanna Camusso

Ci sono in questa discussione molte cose già dette e vorrei evitare il rischio di ripetersi. Provo a introdurne due, con l’ottica del luogo in cui siamo, non solo una discussione nazionale, ma una discussione fatta a Milano, in Lombardia, cioè dove si sono perse tre elezioni di fila. Ritengo un bene partire anche dai dati concreti.

Abbiamo sentito, subito dopo questa sequenza di sconfitte elettorali, che alcuni estimatori e autori di sondaggi che riscoprono la classe operaia; il termine devo dire ogni volta mi suscita qualche reazione, perché è in contraddizione con quanto continuo a sentirmi dire ovvero che la classe operaia non c’è più, perché siamo in pieno post-fordismo, ecc. poi leggo le analisi elettorali e ricompare la classe operaia.

Questa strana cosa che è la classe operaia, reinventata dai sondaggi, ha votato il centro-destra, mentre, si dice, i lavoratori pubblici invece hanno votato a sinistra. Questo dovrebbe far riflettere il governo.

Le donne si sono suddivise in gran parte per titolo di studio e tra chi ha attività professionale e chi è casalinga.

Interessante diventa quella traslazione per cui, se abbiamo perso le elezioni, il problema sono i lavoratori, immagino quindi anche il sindacato, allora cambiamo referente, infatti un secondo dopo inizia una teoria che dice: il problema è l’imprenditore e la micro-impresa, la frantumazione dell’impresa, il piccolo imprenditore sta peggio del lavoratore; non si capisce perché, ma questo è l’assioma che viene utilizzato, quindi l’attenzione e suppongo la base elettorale di riferimento devono diventare l’imprenditore e le micro-imprese. Come strategia per la globalizzazione è geniale, la competizione in Europa così è garantita, siccome il nostro competitor principale si chiama Germania, e la Germania non ha paura a far crescere la grande impresa, noi abbiamo il problema di organizzare la piccolissima impresa.

Vorrei segnalare agli estimatori di questa linea che lo stesso presidente di Confindustria ieri ha spiegato che il problema dell’assenza di competitività è la micro-impresa, che bisognerà far crescere l’impresa. Come si fa a fare questa operazione? Azzerando sistematicamente la memoria? Con uno sforzo si può invece ricordare che nel 1994 il collegio di Mirafiori votò uno psicologo di Forza Italia. Fu scandalo per 12 giorni e poi ce ne si è dimenticati. Adesso siamo esattamente nello stesso schema di allora e le analisi utilizzano lo stesso schema di allora.

Perché si fa questo? Credo che questo sia uno dei problemi fondamentali, anche qui in Regione. Penso che il veleno del leghismo e di una serie di parole d’ordine sia ormai un veleno diffuso e si ragiona a partire da lì e da ciò che si vuole essere. Potrei apparire retrò, ma io penso che non si può ragionare di come si cambia un partito, se non si parte dal sapere che cosa è, come è radicato e quali problemi ha.

Penso che la sconfitta elettorale in Lombardia alle regionali, alle comunali e alle politiche è figlia dell’assenza di un radicamento.

Qualcuno di voi si ricorda che un minuto dopo il 9-10 aprile in base alle proiezioni avevano perso sindaci di centrosinistra in Lombardia. Non aveva perso la politica, avevano perso i sindaci perché, la vulgata dice che se in quel luogo governato dal centro-sinistra si perdono voti, non è la proposta politica del centro-sinistra, ma è quel sindaco lì che ha perso!

È la conseguenza del partito leggero? Del partito degli am­mi­ni­stratori che diventa il partito di quello che c’è in quel momento, e scompare l’idea del territorio, il suo senso del radicamento.

Invece bisognerebbe ricordarsi che la Lega e Forza Italia non sono partiti leggeri, non sono solo il partito televisivo, sono anche radicati nel territorio. Forse quando si perde, si perde in ragione del fatto che questo radicamento non c’è.

Poi si dice, sempre per stare al nord, ma noi non facciamo, non abbiamo in mente un partito nazionale, abbiamo in mente un partito federale. Si parla già del responsabile del partito federato democratico del nord. Allora una domanda, perché bisogna fare il partito federale? Perché ci pare in linea con l’idea della devolution? Perché abbiamo politiche così radicalmente diverse che non hanno una conduzione nazionale? Penso che le ragioni per cui ci si iscriva ad un partito o si sta in un partito sono difficilmente delle ragioni così diverse da una regione all’altra e che le articolazioni siano cose diverse. Ma fin qui sono i contenitori e le basi di riferimento poi ci sono i problemi di merito. In gran parte li ha ricordati Aurelio Mancuso prima, li cito per titoli: etica, lavoro, socialismo, sono i tre temi.

Voglio provare a utilizzare un esempio al contrario. Una delle ragioni per cui si sostiene il partito democratico è il bisogno di consolidare Prodi e di favorire la tenuta del governo.

La domanda diventa: è un governo solido quello che si divide perché giustamente il ministro Mussi decide di togliere il veto sulla ricerca in Europa? È un governo solido quello che quando la ministra Barbara Pollastrini manda una lettera al Gay Pride, scatena la bagarre? Ma se non c’è la politica che media sui grandi temi, tutto questo si scaricherà giorno per giorno sul governo.

Allora ho la sensazione che si sta facendo un’operazione non di rafforzamento di Prodi, ma che lo indebolisce e insieme si mette in discussione un tratto fondamentale: ci si iscrive ad un partito in ragione di una carta dei valori condivisa e di un’idea di rappresentanza di interessi condivisa. Se non c’è una carta dei valori e un’idea di quali interessi si vogliono rappresentare, è complicatissimo fare un partito.

Chiudo dicendo che fare: qui mi rivolgo in particolare ai compagni dei DS; so che c’è una grande discussione che propone di “andare rapidamente al congresso e lì decidere”. Non sono assolutamente d’accordo. L’idea di invocare rapidamente il congresso è un’idea che chiude la discussione, non la apre. È un’idea che porta alla conta e penso anche a una deriva complicata. Siccome penso, anche questa sala lo dimostra, che in realtà dentro la Margherita come dentro ai DS, il dibattito sia molto più complicato di quello che qualche gruppo dirigente vuole far credere; allora la missione vera, se si vuole avere come obiettivo quello dell’esistenza di un partito di sinistra che guarda ai valori della laicità, del lavoro e del socialismo europeo, magari anche un po’ internazionale, non solo europeo, la scelta è di continuare ad allargare la discussione e pretendere che la discussione si cominci e non si proponga di chiuderla, e non la si chiuda né coi direttori né con le primarie, perché né l’uno né l’altro strumento rappresentano la costruzione della carta dei valori.

Outubro 2010

Le foto piú belle del mese...

Setembro 2010

Le foto piu belle del mese...


20.09.2010 - Londra

La paura attentati oscura due storici gesti del Papa

Dopo la festa in Scozia, l’arrivo del Papa a Londra è stato segnata da una tensione crescente. Prima l’arresto di sei nordafricani, accusati di essere terroristi islamici forse in procinto di preparare un attentato al Papa. Poi i fischi a Benedetto XVI mentre scendeva dalla papa mobile davanti all’abbazia di Westminster. Manifestanti di Chiese cristiani indipendenti, associazioni delle vittime di preti pedofili, movimenti umanisti e atei si erano raccolti con cartelli e striscioni davanti all’abbazia di Westminster. La polizia londinese ha lasciato che si avvicinassero alle transenne, così quando il Papa è passato ha potuto vedere i cartelli e, probabilmente, sentire anche le grida e gli slogan.


01.09.2010 Buenos Aieres

Tango-passione e sensualita ai mondiali

Una coppia formata da un argentino e da una giapponese ha vinto il titolo mondiale di tango per la categoria “scenario” o da palcoscenico, espressione più spettacolare e coreografica rispetto alla essenziale categoria “salon”. Nella finale dell’ottava edizione del Mondiale di Tango, disputata tra 20 coppie di ballerini nello stadio Luna Park di Buenos Aires, si sono imposti Diego Ortega e Chizuko Kuwamoto.

Momenti intensi e spettacolari, tra ganci, grandi giri, strette sensuali, gambe che si scoprono e alzano o avvinghiano seducenti. Perché il tango argentino non sono solo note strazianti, ma anche passione e sensualità.

Agosto 2010

Le foto piu belle del mese...


14.08.2010 - Politica infuocata: continua...

Una per una, le bugie di B.

di Tito Boeri 

Tasse. Welfare. Edilizia. Alitalia. Aiuti alle imprese. Un economista ha letto dalla prima all'ultima riga il libretto che Berlusconi farà distribuire in autunno. E ha confrontato la propaganda con la realtà dei fatti

Se questo è il biglietto da visita per la campagna elettorale, è probabile che Berlusconi farà di tutto per evitarla. Magro il bottino di due anni di Governo sul piano della politica economica, nonostante la grandissima forza parlamentare di cui ha potuto contare quella che era fino a pochi giorni fa la maggioranza uscita vittoriosa dal voto del maggio 2008. Come direbbe l'attuale allenatore del Real Madrid, ci sono nel libretto "molti tituli, ma sero riforme".

Non a caso la parte sulle "grandi riforme" viene pudicamente relegata alla fine. Ne elenca tre: scuola, università e pubblica amministrazione.

La cosiddetta riforma della scuola è sin qui consistita solamente in tagli al personale, con la reintroduzione del maestro prevalente nella scuola primaria, la riduzione dell'orario d'insegnamento nella scuola secondaria (sia di primo che di secondo grado), la riduzione degli indirizzi nella scuola secondaria di secondo grado e la richiesta di compartecipazione delle famiglie alla spesa. Il tutto esclusivamente nella scuola pubblica, dato che il finanziamento alle scuole private "paritarie" non è stato ridotto. Per chiamarla riforma ci vuole tanto coraggio. Simile la strategia seguita nei confronti dell'università, perseguita con la riduzione del fondo di finanziamento ordinario. Il disegno di legge che entro fine anno dovrebbe andare alla Camera porterà, se non viene ulteriormente diluito nei suoi aspetti innovativi, a qualche cambiamento nella governance delle università, e non prima della fine legislatura, dato che si basa sull'esercizio di deleghe. Insomma è, al massimo, una scommessa di riforma, su aspetti relativamente marginali, che non intaccano davvero la ricerca e la didattica.

Quella della pubblica amministrazione è forse l'unica riforma avviata da questo Governo, ma è stata cancellata ancor prima di entrare in vigore dalla manovra appena varata che ha posto tetti alla crescita delle retribuzioni nel pubblico impiego in modo del tutto indiscriminato, in barba ai premi al merito introdotti dalla riforma Brunetta. Nel frattempo la riforma ha perso per strada le norme sulla trasparenza della dirigenza pubblica (davvero importanti anche alla luce degli scandali nella gestione della Protezione Civile), si è esclusa dall'applicazione della riforma la presidenza del Consiglio dei ministri segnale evidente del fatto che nessuno ci crede in questa riforma e si è di molto depotenziata la class action contro le pubbliche amministrazioni e i concessionari pubblici.

C'è molto editing da fare nel documento. Molte le ripetizioni e non poche le contraddizioni. A p.5 si rimarca come si sia dovuto intervenire per ridurre i compensi dei dirigenti pubblici e dei magistrati, ma a p.7 si rivendica il fatto di non avere tagliato gli stipendi a nessuno. Forse gli autori di queste schede non si sono parlati. La verità è che gli unici compensi ad essere tagliati in modo significativo sono quelli dei ricercatori universitari che, con il blocco degli scatti di anzianità, si vedono ridurre le loro retribuzioni fino al 15 per cento. Il vero risultato che questo governo può esibire sul piano della politica economica è quello di aver contenuto il peggioramento dei conti pubblici durante la crisi.

Lo ha fatto adottando la strategia dell'immobilismo. Scegliendo di non scegliere si è evitato di cedere alle richieste di sostegno che venivano un po' da tutte le parti, ma si è anche sbarrata la strada a misure anticicliche, che avrebbero reso la recessione meno pesante, contenendo il calo del reddito pro capite degli italiani. Nonostante i trionfali titoli di testa dei TG1 della scorsa settimana, la produzione industriale è tuttora del 20 per cento al di sotto dei livelli pre-crisi, il prodotto interno lordo + del 6 per cento più basso. Non solo il calo è stato più forte pur non avendo vissuto lo scoppio di una bolla finanziaria o il fallimento di una grande banca, ma anche la ripresa è più lenta che altrove. In effetti il Governo ha preferito accettare un maggior impatto della crisi pur di evitare un aggravamento dei conti pubblici in un paese già fortemente indebitato.

Fassino: 'Transizione breve'

di Denise Pardo

Non vogliamo un ribaltone, ma un governo con un solo obiettivo: cambiare la legge elettorale. Perché con tre o quattro poli, votare così sarebbe un suicido per la democrazia. Poi, okay alle urne. Parla l'ex segretario Ds. Il Porcellum regala il 55 per cento dei seggi a chi ottiene la maggioranza relativa. Quindi, con il Grande Centro, rischiamo di mandare al governo una coalizione che prende il 35 per cento dei voti. Una cosa che non esiste in nessuna democrazia


Intervista

'Fini? Vi spiego il suo golpe'

di Fabio Chiusi

Il presidente della Camera vuol tirarla in lungo finché non scadrà il legittimo impedimento. Per poi diventare premier alleandosi con Tremonti e con la Lega. Parla l'ultrà berlusconiano Giorgio Stracquadanio.

Foto Da donna Assunta alla belli Eli

Intervista 2

Silvio: la Tulliani mi cercava...

di Tommaso Cerno

'Ha cercato di venire a Palazzo Grazioli e di sedersi a tavola vicino a me. La feci allontanare e da allora aizza Fini'. Così il premier spiega la rottura nel Pdl

Il commento Oltre il cognato

La curiosità Com'è trendy Valcannuta


09.08.2010 – Politica infuocata d'Agosto:

Sbai pronta a mollare Fini: (poco) Futuro e Libertà (di andarsene)

Souad Sbai eletta deputata nell'aprile del 2008

Èscontro aperto tra Pdl e finiani sulle dimissioni di Gianfranco Fini da presidente della Camera. Futuro e Libertà insiste perché Silvio Berlusconi smentisca ufficialmente la richiesta avanzata dal portavoce Daniele Capezzone, ma dal premier nemmeno una parola. Intanto il neo gruppo che fa capo al numero uno di Montecitorio è alle prese con il conflitto interno tra chi lavora per favorire il dialogo e chi lancia, ogni giorno, messaggi di guerra. L’ultimo arriva dal direttore della testata on line della fondazione vicina all’ex leader di An, Farefuturo, Filippo Rossi, che oggi parla di “manganellatori nel Pdl” e di “squadrismo mediatico” a proposito della campagna contro il Presidente della Camera per la vicenda della casa di Montecarlo.

Entro Ferragosto il gruppo di Futuro e Libertà per l’Italia dovrebbe riunirsi per studiare una strategia comune in vista della ripresa dei lavori parlamentari a settembre. A meno che non finisca per svuotarsi già prima. Le minacce di abbandoni e ripensamenti non mancano. Tra chi si mostra più che tentato a mollare e fare retromarcia la deputata di origini marocchine Souad Sbai.

On. Sbai, il gruppo al quale ha deciso di aderire, Futuro e Libertà per l’Italia, è appena nato e già è attraversato da divisioni laceranti. Pentita di non essere rimasta nel Pdl?

Il gruppo è sempre stato spaccato visto che ci sono personaggi come Fabio Granata che parlano di alleanze con il centrosinistra. Una prospettiva assolutamente anomala.

Quindi? Cosa ha in mente di fare?
Beh: o c’è una smentita dall’alto, altrimenti ognuno per la sua strada. Non è che ci siamo sposati e l’idea di allearsi con la sinistra è uno scandalo.

Come a dire: ma che ci sono venuta a fare con Fini?
Certo! Noi abbiamo dato fiducia però questa fiducia oggi viene a mancare. Non vedo perché Granata debba decidere per il mio futuro. Anche sul fatto che non dovremmo votare alcune parti del programma io non ci sto. Il Presidente Fini lo sa come la penso io e come la pensano anche altri.

Quanti?
Parecchi, parecchi, parecchi. Ma è chiaro che a queste condizioni non ci starebbe nessuno di quelli che sono entrati. Quello che mi preoccupa è che non arriva alcuna smentita.

Magari all’incontro che avete con il gruppo entro Ferragosto sarà l’occasione per parlarne…

Perché?
Ma perché io a un incontro con Granata per parlare, tra le altre cose, d’immigrazione non ho niente da dire, visto che la pensiamo in modo totalmente diverso. E sinceramente di andare a litigare proprio non mi va. Per questo dico che non vado io: per non dover dire o lui o io. Ci va lui, io no.

Senta, anche a lei qualche “imbarazzo” l’ha suscitato la storia della casa di Montecarlo?
Ancora dobbiamo sapere qualcosa di più, certo non sappiamo tutto.

Ma Fini deve dimettersi o no?
Ma no assolutamente. Penso che debba chiarire delle cose, questo sì, ma se davvero avesse voluto mettere le mani sul tesoro di An avrebbe mirato a molto di più. C’è stato qualcuno tra i suoi parenti che, come si dice a Roma, l’ha un po’ fregato.

Berlusconi lo ha sentito?
Certo. L’ho visto prima di andare in vacanza, abbiamo parlato e mi ha detto di rispettare le nostre decisioni ma che da parte sua, con noi, c’è piena disponibilità.

Insomma la sta aspettando a braccia aperte…
Ma sì, è chiaro: chi tiene a questo partito vorrebbe andar insieme fino alla fine, ma certo non con la sinistra. Purtroppo, però, credo che per Futuro e Libertà la via sia quella, un’alternativa non c’è, ma io non ci sto assolutamente. Meglio che non mi chiedano niente, che neanche provino a convincermi perché su questa questione sono molto categorica.

E torna da Berlusconi…
Se quella è la scelta sì, si torna a casa. Anzi io spero che tornino tutti a casa anche perché altrimenti la gente non ce lo perdonerebbe mai.


Ma io non ci vado!
Julho 2010
Le foto piu belle del mese...


11.07 Mondiali 2010

Espanha ganha a sua primeira copa do mundo.

Em final equilibrada e violenta, o meia Iniesta marcou o gol da vitoria contra a Holanda no segundo tempo de prorrogaçao.

E agora a Espanha garante seu lugar na seleta lista dos paises campeoes mundiais de futebol.

Grande Festa em Madri, A Espanha é a equipe mais forte diz Snejder, So Atletas do Barcelonas fizeram Gols pela Espanha. Nao ha Palabras para expressar o que sinto, diz Iniesta e homegeia jogador espanhol falecido. Zapatero dis que chorou com o titulo espanhol. Espanhol querem final contra o Brasil em 2014; Casilas leva o Preimio Luva de Ouro da Copa.

03.07 Mondiali 2010

I tedeschi osannano i propri idoli, i brasiliani si consolano, gli argentini si disperano !!! Cosi si danza...

02.07.2010 - Mondiali

Brasile in lutto: altro che calcio samba, oggi è il festival della tristezza...

    

Junho 2010

Le foto piu belle del mese...


30.06.2010 - IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Silvio Berlusconi in visita a Sao Paulo

Il 29 incontra la Comunitá Italiana al Circolo Italiano....

Il 30 alla FIESP difronte alla platea di imprenditori Italo-brasiliani si confronta con il Presidente Lula, sull'economia e temi del sociale...

Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e

Sandro Benedetti Isidori Presidente Associção Umbri Brasil

Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e

Sandro Benedetti Isidori Presidente Associção Umbri Brasil

   


24.06 MONDIALI 2010 - Vergogna Azzurra...

Ieri l'Italia, dopo l'eliminazione della nazionale di calcio dai Mondiali in Sudafrica, era una valle di lacrime.

Un paese rosso di vergogna, che non cercava scuse. "Non siamo riusciti a difendere con dignità il titolo di campioni del mondo", ha detto un commentatore sportivo della Rai. Tuttavia, accanto al fiasco sportivo, c'è anche una componente politica. L'eliminazione è stata una dura botta morale per un paese che si prepara a festeggiare i 150 anni dall'unificazione tra molte controversie.


21.06 MONDIALI 2010:

Brasil vence Costa do Marfim e se classifica

Com boa atuação, seleção derrota marfinenses por 3 a 1 e garante vaga para as oitavas de final da Copa.


21.06 MONDIALI 2010 : Imbarazzo Italia, anche contro la Nuova Zelanda ancora pareggio.

DIARIO DEI MONDIALI - Allo stadio Mbombena di Nelspruit gli azzurri non riescono ad andare l’oltre l’1-1 contro la Nuova Zelanda, forse la meno blasonata formazione del Mondiale. L’Italia non punge in avanti e le scelte di Lippi fanno sempre più discutere. Nell‘ultima partita del girone con la Slovacchia saranno obbligatori i tre punti altrimenti i campioni del Mondo potrebbero diventare protagonisti di un’eliminazione davvero impensabile Lippi manda in campo la stessa formazione vista nella prima uscita con il Paraguay: Marchetti sostituisce l’infortunato Buffon, difesa a quattro con Zambrotta, Criscito, Cannavaro e Chiellini, centrocampo con Montolivo, De Rossi, Marchisio e Pepe e attacco con Iaquinta e Gilardino. La Nuova Zelanda si schiera invece con un 3-4-3 offensivo che conta sull’attacco composto da Smeltz, Killen e Fallon. Alla luce della vittoria per 2-0 del Paraguay sulla Slovacchia gli azzurri sono obbligati ad attaccare alla ricerca dei tre punti e di gol importanti per la differenza reti, fondamentale in caso di parità di punti alla fine del girone. I neozelandesi si fanno chiamare “All Whites” in contrapposizione ai più famosi “All Blacks” del rugby. E così come con la palla ovale esiste un divario tecnico quasi incolmabile tra le due squadre, lo stesso discorso ma con ruoli inversi si potrebbe  riproporre per il calcio.

Molto alta la difesa italiana mentre Montolivo e De Rossi cercano subito di prendere le redini del centrocampo giocando velocemtne e di prima per mettere in moto gli esterni Pepe e Marchisio. Al 7′è subito doccia fredda per gli azzurri: gol fotocopia a quello subito con il Paraguay con Smeltz che riceve palla in area dopo una punizione a centrocampo buttata in mezzo dalla sinistra. Il gol sarebbe tuttavia da annullare per il fuorigioco di Smeltz dopo la torre smarcante di Reid. Impossibile comunque non imputare qualche colpa a Cannavaro, in marcatura su Smeltz e incapace di respingere prima del tocco in rete dei neozelandesi. L’Italia prova a reagire ma l’attacco sembra in difficoltà e incapace di far male. Da segnalare le continue scorrettezze dei giocatori avversari sempre a gomito alto negli interventi aerei. Al 27′palo di Montolivo con un gran destro dal limite a Paston battuto. Un minuto dopo calcio di rigore per l’Italia per un fallo di De Rossi in area, Iaquinta va dal dischetto e spiazza il portiere. L’Italia ha in mano il pallino del gico ma non riesce a concretizzare. Marchisio appare totalemente fuori dal gioco mentre Gilardino è lento e in difficoltà. Dopo un minuto di recupero le squadre vanno negli spogliatoi sull’uno a uno.

Nell’intervallo Lippi cambia mettendo in campo Camoranesi e Di Natale al posto di Pepe e Gilardino. La Nuova Zelanda è inesistente, dopo il gol non ha più messo in difficoltà l’Italia ma gli azzurri non hanno saputo approfittarne. Al 60′ il mister sceglie di far esordire Pazzini che entra al posto di Marchisio nel tentativo di trovare il gol vittoria schierando il tridente. Pessima prova invece per il centrocampista bianconero che in due partite non è mai riuscito a entrare nei ritmi della squadra. Con il tridente Camoranesi si sposta nel ruolo di trequartista e al 70′ Montolivo va nuovamente vicino al gol con un gran tiro dal limite dell’area che Paston devia in angolo. All’82′ arriva un grosso brivido per Marchetti con Wood che supera Cannavaro e cocnlude con un diagonale potente che esce di poco. Dopo quattro minuti di recupero l’Italia scrive una delle pagine più buie della sua storia calcistica: il pareggio con la Nuova Zelanda è il risultato di una prova opaca dettata dalla mancanza di idee in avanti e dagli errori di Lippi che si ostina in scelte incomprensibili: perchè togliere Pepe e lasciare in campo Marchisio? Perchè non tentare Di Natale o Pazzini dal primo minuto? La partita con la Slovacchia sarà un dentro-fuori, per una settimana potremo invece dare spazio solo alla perplessità e all’imbarazzo di essere fatti “neri” dagli “All Whites“.


11.06 - Mondiali 2010: alla scoperta del Paraguay, primo avversario degli azzurri.

Alla scoperta del Paraguay, prima avversaria dell'Italia al mondiale sudafricano. Una squadra che può contare su giocatori di classe e che ha fatto meglio dell'Argentina di Maradona.


11.06 - Mondiali 2010: La festa inizia con un pareggio tra Sudafrica e Messico.

La prima partita del mondiale è un 1 - 1 tra Sudafrica e Messico. Africani in vantaggio con Tshabalala poi il pareggio di Rafa Marquez. 


06.07.2010 - ItaliaOggi / ECONOMIA

Sì ai tagli agli sprechi, ma attenti alla deflazione.

 

Dopo la crisi dell'euro e la famosa notte quando l'intero sistema europeo rischiava di cadere come un castello di carte, l'accordo per il salvataggio sembra concentrarsi tutto sui tagli di bilancio per abbassare i livelli del debito pubblico e rientrare al più presto nei parametri di Maastricht. Una seria campagna contro gli sprechi è doverosa. Ce ne sono tanti e a tutti i livelli, ma la riduzione delle spese e dei bilanci pubblici dovrebbe essere accompagnata da altre riflessioni su alcuni andamenti che potrebbero avere un impatto molto forte sull'economia.

Mentre la ripresa resta ancora un miraggio, una politica di austerità può portare con sé il rischio della deflazione, a causa di una prolungata recessione, di una possibile discesa dei prezzi e di una contestuale riduzione della domanda. L'economia non è un calcolo aritmetico e non si risolvono distorsioni economiche di lungo periodo semplicemente giocando con i numeri. Se si riduce la spesa corrente improduttiva, occorre nel contempo aumentare gli investimenti. Gli eurobond dovrebbero servire al finanziamento delle grandi infrastrutture.

Secondo la BRI, le banche europee hanno nei loro portafogli 2.800 miliardi di dollari in titoli del debito pubblico di Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna. A loro volta le banche americane hanno titoli pubblici dei paesi dell'UE per 1.500 miliardi di dollari. Il rischio di una deflazione nella zona euro è quindi la minaccia più immediata alla stabilità finanziaria dell'Europa, perché, tra l'altro, potrebbe portare ad una svalutazione dei titoli sovrani e ad un ulteriore indebolimento dell'euro. Perciò occorrono investimenti per rilanciare l'economia. Gli Stati Uniti e la Cina, che valutano positivamente lo stanziamento europeo di 750 miliardi di euro di aiuti contro i default, allo stesso tempo mostrano preoccupazione per gli effetti dei tagli di bilancio sull'andamento dell'economia mondiale.

Oltre alla deflazione, non è infondato il rischio di una futura fiammata di inflazione in Europa. Non vi sono oggi segnali visibili, ma la storia ci ha insegnato che, quando si vedono i suoi primi effetti, è troppo tardi per bloccarla. L'Europa ha deciso il pacchetto di salvataggio sulla scia dell'America e della Gran Bretagna. Loro lo hanno fatto stampando altra moneta per comprare i titoli in caduta libera. Per fortuna la Banca Centrale Europea non ha seguito questa strada. Per il momento, infatti, raccoglie fondi sui mercati, o con le operazioni di swap aperte dalla Federal Reserve per l'acquisto delle obbligazioni sovrane europee. Se si dovesse avere un peggioramento della situazione economica, i titoli comincerebbero a perdere valore e la BCE sarebbe costretta ad acquistarli direttamente anche emettendo nuova e più abbondante liquidità, che farebbe lievitare i prezzi.

Sarebbe una iattura. Il settore bancario americano più aggressivo e speculativo già parla della BCE come di una gigantesca bad bank. I bassi tassi di interesse sia in Usa che in Europa provano che la leva dei controlli monetari non è utilizzabile in quanto ha già esaurito tutta la sua possibile e risicata efficacia. Ciò, insieme con la caduta del valore dell'euro rispetto al dollaro, che dall'inizio del 2010 è stata del 14%, sta generando un processo di carry trade sulla moneta europea.

Avvenne con lo yen in Giappone che aveva tassi di interesse bassissimi per effetto della stagnazione economica interna. Il carry trade è una semplice operazione di ottenere prestiti in valuta a basso costo di una determinata area monetaria e poi utilizzarli altrove, magari in attività speculative. In passato si puntava a lucrare sulle differenze nei tassi di interesse tra diverse monete, oggi invece si scommette sulle aspettative di ripresa o di recessione dei vari paesi. Intanto l'industria tedesca presente nella regione dell'Asia e del Pacifico ha tenuto a Singapore la sua 12.ma conferenza operativa. In questa sede il segretario generale dell'ASEAN, Surin Pitsiwan, ha spiegato che la regione « è diventata il motore ben funzionante dell'economia mondiale».

Si ricordi che nel 1997-8 i paesi asiatici erano stati attaccati dalla speculazione e molte monete persero dal 30 all'80% del loro valore. Quei paesi hanno imparato in fretta la lezione, hanno compreso non solo la necessità di ridurre l'indebitamento e il deficit. Insieme a nuove regole per il loro mercato finanziario, hanno anche creato una rete di protezione di 600 miliardi di dollari per puntare allo sviluppo economico dell'intera regione.

Bisognerebbe guardare con maggior attenzione a questa esperienza.

Ridurre i bilanci degli stati dell'Unione europea non basta, contro la crisi servono misure per lo sviluppo
(di Mario Lettieri e Paolo Raimondi).


02.06.2010 - BRASILIA, AMBASCIATA D'ITALIA

Festa della Repubblica.

L'ambasciatore La Francesca con il Presidente Lula

Una notte d'incanto...

L'Ambasciatore Gherardo La Francesca e l'Ambasciatrice Antonella hanno lasciato di stucco e affascinati gli Ospiti alla festa della Repubblica Italiana con scenografia Holliwodiana e un'eleganza smagliante...

Maio 2010

Le foto piu belle del mese...


22.05.2010 - Inter campione, trionfo a Madrid: 2-0

Immenso Milito, delirio Inter, lacrime di gioia... Dopo 45 anni Campione d'Europa

    

Una doppietta dell'argentino regala ai nerazzurri un successo storico, dopo Coppa Italia e scudetto. Il boato dei tifosi, a Madrid come a Milano e in tutta Italia, per il trionfo dei nerazzurri. Mou verso il Real, e forse anche Milito...


09.05.2010 - PERCHE' E QUANDO FU ISTITUITA LA FESTA DELLA

Mamma...

...tanti tanti auguri a tutte le Mamme del mondo e un augurio speciale a tutte le Mamme Umbre

La festa della mamma fu istituita nel 1914 negli stati Uniti su proposta di Anna M. Jarvis.

Anna era molto legata alla madre, un'insegnante della Andrews Methodist Church di Grafton,nel West Virginia. Dopo la morte della madre, Anna si impegnò inviando lettere a ministri e membri del congresso affinché venisse celebrata una festa nazionale dedicata a tutte le mamme. Questa festa doveva rappresentare un segno d'affetto di tutti nei confronti della propria madre mentre questa era ancora viva.

Grazie alla sua tenacia e determinazione, la prima festa della mamma fu celebrata a Grafton e l'anno dopo a Filadelfia: era il 10 maggio 1908.

Anna Jarvis scelse come simbolo di questa festa il garofano, fiore preferito dalla madre: rosso per le mamme in vita, bianco per le mamme scomparse.

Nel 1914 il presidente Wilson annunciò la delibera del Congresso per festeggiare questa festa la seconda domenica di maggio, come espressione pubblica di amore e gratitudine per le madri del Paese. Da quell'anno fu istituito il "Mother's Day".

Oltre agli Stati Uniti questa data è stata adottata da Danimarca, Finlandia, Turchia, Australia e Belgio. In Norvegia viene celebrata la seconda domenica di febbraio , in Argentina la seconda di ottobre ; in Francia la festa della mamma cade l'ultima domenica di maggio ed è celebrata come compleanno della famiglia.

In Italia la Festa della mamma si festeggia la seconda domenica di maggio, come negli Stati Uniti.

I simboli di questa festa sono il rosso, il cuore e la rosa, che più di ogni altro fiore rappresenta l'amore e la bellezza e sa testimoniare l'affetto e la riconoscenza dei figli.


Ipse Dixit

Torturate le cifre quanto basta e loro vi diranno ció che vorrete... W.C.

Meglio un mese che sa d'infinito, che 1O anni che sanno di abitudine. ♥ in modo intenso ma non soffocante, forte e libero capace di generare armonia e far rivoltare il mondo di gioia... E.A.

Non siamo soli nell'universo, purtroppo. - " Basta guardare a noi stessi per vedere come potrebbe svilupparsi la vita intelligente in qualcosa che non vorremmo incontrare ". - Stephen Hawking


01.05.2010 - La bolla secessionista e il vantaggio competitivo...

L’unità del Paese rappresenta un dato e un valore irrinunciabili, soprattutto in un'epoca nella quale le dinamiche europee e globali ridiventano radicalmente incalcolabili.  (di Andrea Ermano da L'Avveniore dei lavoratori)

Un convergere passeggero dei fari, o un lampeggiamento trattenuto, evidenzia in scena la presenza di una maschera della quale avevamo sentito bisbigliare fin dall’inizio della rappresentazione, in un crescendo di suspense, senz’averne tuttavia potuto scorgere i veri tratti. Adesso, invece, dopo tanto parlarne, eccola lì, la figura misteriosa, un po’ discosta dalla ribalta, ma ben visibile in platea per un lungo istante, prima che si dilegui tra i fondali.    Ieri sul Corriere il professor Giavazzi ha avvertito che “Atene non rimborserà i propri debiti anche se un aiuto europeo potrebbe spostare in là il default”. Gli speculatori di tutto il mondo l’avevano compresa da tempo, questa situazione, come notava il giorno prima sulla Repubblica Massimo Giannini: “Azzannano come una muta di cani gli esemplari più deboli”. Ma se e quando la muta affamata raggiungesse Roma e Madrid aggredendo cioè la terza e la quarta economia europea, allora la geo-politica del continente,  l’Eurozona come lo conosciamo dal 1998, apparterrebbe al passato.

“Se non ci sarà un’azione estremamente forte e immediata, l’anno prossimo l’euro non esisterà più”, ha fatto presente ieri l’economista francese Jacques Attali, rientrando dagli Stati Uniti. Qualche ora dopo le agenzie battevano la notizia di un importante colloquio telefonico tra Angela Merkel e il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, che pare sia riuscito a vincere le resistenze di Berlino circa il salvataggio della Grecia, se salvataggio sarà.    Resta l’impressione che il nord dell’Europa si senta ormai attratto da un’idea “altra” dell’Eurozona: “Non più un’Unione allargata a 16 Paesi”, chiosava Giannini, “ma un’Unione ristretta solo a quei Paesi che accettano norme comuni sul rigore contabile e il controllo dell’inflazione”. Ne conseguirebbe la divisione dell’Eurozona in due parti, l’una di serie A, l’altra di serie B: “Inutile dire”, conclude Giannini, “dove finirebbe l’Italia, a sua volta spaccata tra una ricca Padania e un depresso Mezzogiorno”.

Eccolo lì, dunque, tra sciabolate di luce protese a scandagliare un teatro di macerie, eccolo il rischio secessione, che come un carro armato arranca minacciosamente da dietro l’orizzonte del proscenio, verso un epilogo, ormai dato per imminente. E il deus ex machina tarda a calarsi dalla gru.

Forse però stavolta l’irruzione sulla scena della parola “secessione”, benché addobbata di una sua logica epocale, non significa veramente “secessione”, ma solo che è finita ogni scorta di soluzioni dilatorie indolori. E la secessione stessa non parrebbe prospettarsi né come una soluzione né come una cosa indolore. Ma tant’è, tramite questo dolore i secessionisti sognano di poter raddrizzare le sorti economiche padane.

La preoccupazione più grande degli economisti è la mancanza di crescita, “perché senza crescita è impossibile ripagare i debiti”. Lo ha scritto il professor Giavazzi, ma non è certo il solo a pensarla così, chiedendosi che cosa si debba fare per rilanciare, appunto, la crescita. “La risposta è semplice: non andare in pensione a 60 anni, non proteggere le rendite di qualche corporazione potente che opprime i cittadini, aprire i mercati alla concorrenza”, eccetera, eccetera.

Risposta semplice, a parole. Prendiamo per esempio i lavoratori dell’edilizia, che arrivano all’età pensionabile dopo le decimazioni per infortunio sui cantieri. Possono essere collocati sullo stesso piano di “qualche corporazione potente”? Prima di far questo, si dovrebbero almeno chiamare le corporazioni potenti con il loro nome e se ne dovrebbero colpire i privilegi non solo a prole. Ma nulla di tutto ciò sarebbe indolore.

Nessuna terapia sarà indolore. Ma la terapia più inutilmente dolorosa di tutte ci sembra proprio quella della “crescita”. In assenza di massicce fonti energetiche alternative, l’unica “crescita” alla nostra portata sarebbe quella del buon senso. E buon senso vorrebbe che l’agenda politica sia dettata dalla politica, dall’interesse generale cioè, e non da orde di giovani brokers elegantemente assatanati.

"Gli speculatori possono essere innocui se sono delle bolle sopra un flusso regolare di intraprese economiche; ma la situazione è seria se le imprese diventano una bolla sospesa sopra un vortice di speculazioni”, ammonì una volta il grande John Maynard Keynes, avvertendo per altro che “quando l'accumulazione di capitale di un paese diventa il sottoprodotto delle attività di un Casinò, è probabile che le cose vadano male." Ormai, l’accumulazione di bolle immaginarie, puramente speculative, è divenuta un multiplo del prodotto globale lordo.

Paul McCulley, uno tra i massimi esperti mondiali di fondi d’investimento, ha descritto la “tempesta perfetta” del 2008 come l’esito esplosivo di “un gigantesco party alcolico senza regole”, un Botellón straripante di minorenni ubriachi “fatti entrare dalle agenzie di rating che all’ingresso distribuivano carte d'identità false”. Vedete voi l’autogoverno del mercato se le agenzie di rating (come ricorda oggi Massimo Gaggi sul Corriere) possono continuare a dare voti sull’affidabilità dei soggetti economici, e persino degli stati, avendo sbagliato regolarmente e continuando a sbagliare ogni valutazione, anche dopo avere portato l’intero sistema creditizio globale sull’orlo del crac. In realtà, le agenzie di rating sono delle aziende dedite come altre aziende alla massimizzazione del profitto, e proprio perciò implicate in un inestricabile conflitto d’interessi.

Se questo è il sistema globale, allora forse non ha tutti i torti Serge Latouche, studioso emerito di antropologia economica dell’Università di Parigi, quando ritiene che l’umanità, tutt’intera, sia affetta da una gigantesca forma di tossicodipendenza economico-energetico-finanziaria.

Quale crescita, dunque?

C’è chi pensa, per esempio nel Belpaese, che si possa realizzare in tempi ragionevoli un forte incremento produttivo, e magari mietere anche un’ondata entusiastica di aumento della domanda di made in Italy? Gli anni Cinquanta sono passati da un po’, e noi viviamo in un mondo in cui occorrerebbe ridurre sensibilmente le emissioni di carbonio, con tutto quel che ne consegue in termini di decrescita.

Per concludere, dato che la voga secessionista è stata concomitante per un intero ventennio con la voga neoliberista, vale la pena aggiungere che un secessionismo determinato dalla “crescita” sarebbe probabilmente tanto stupido quanto una rottura padana dell'Unità nazionale volta stare in Europa con l’Austria invece che con l’Abruzzo. E questo perché sia la crescita che l'Europa o sono grandezze solidali o non sono.

Un popolo maturo può ben comprendere che, giunti al punto in cui siamo, l’unità del Paese rappresenta un dato e un valore irrinunciabili, anche e soprattutto perché occorre mettere in preventivo un periodo di vacche magre nel quale le dinamiche europee e globali ridiventano radicalmente imprevedibili.

Comprenderlo sarebbe, questo sì, un bel vantaggio competitivo.


01.05.2010 - SPIGOLATURE

Il fallimento di un’illusione

( Renzo Balmelli )

CRISI. Se qualcuno si era illuso che l’economia, martoriata dagli avventurieri, fosse uscita dal tunnel ha dovuto brutalmente ricredersi. Quanto accaduto in Grecia sommato al panico dei mercati e ai 160 miliardi di euro polverizzati in un sol giorno, è la testimonianza eloquente che la crisi continua a covare sotto le ceneri nonostante le rassicurazioni di facciata. Si potranno anche sbloccare aiuti colossali per impedire che la nazione ellenica precipiti nel baratro trascinando con se altri anelli deboli, ma fino a quando i comportamenti virtuosi non avranno la meglio sulle spinte speculative l’incendio non sarà mai sotto controllo. In questi giorni di confusione totale, l’alta finanza chiusa nella sua torre d’avorio è la dimostrazione tragicamente attuale che l’unica cosa che l’uomo impara dalla storia è che non impara nulla dalla storia.

TERZA VIA. Nonostante le delusioni del passato, i sudditi di sua maestà britannica sperano sempre nelle virtu’ taumaturgiche della terza via. Tutti pazzi per i lib-dem, fanno il tifo per Nick Clegg che ha gettato le scompiglio nei ranghi dei due principali partiti, laburista e conservatore. Per la prima volta, sgretolando un altro pezzetto dello splendido isolamento insulare, la tivu’ ha fatto irruzione nei dibattiti e il candidato liberale, salutato come l’Obama d’Oltremanica, è stato premiato per le sue doti comunicative che gli consentono di presentarsi alle elezioni del 6 maggio nel ruolo di outsider con buone carte in mano. Resta solo da capire se la nuova terza via ricalchi quella di Tony Blair, talmente intrisa di tacherismo da svuotarla di qualsiasi spinta innovatrice.

ATOMO. Annunciare con Putin accanto la ripresa del nucleare in concomitanza con l’anniversario di Chernobyl è stata da parte di Berlusconi una scelta di pessimo gusto. Nel mondo non si è ancora spento il ricordo dell’immane tragedia che terrorizzo' l'umanità, e rompere la moratoria che porterà alla costruzione della prima centrale italiana a propulsione atomica in un giorno simile ha svelato una mancanza abissale di sensibilità. Quanto a invitare il premier russo, che assicura il suo pieno appoggio al progetto, a tenere la prima lezione all’università del pensiero liberale che il premier sta facendo nascere è stato eccessivo e inopportuno. Una macchia in piu’ su un quadro già poco piacevole. Dalle parti del Cremlino il “pensiero liberale” consiste nel mettere a tacere i giornalisti sgraditi e nell'eliminare definitivamente dalla televisione e dalla carta stampata quel poco che ancora resta del diritto di critica. Ma come si dice, chi si assomiglia si piglia.

RIFORME. Il fallimento di un’illusione. A Palazzo Chigi si parla di riforme come se chi vi risiede fosse arrivato in sede da 24 ore. Invece il Pdl ci sta da due anni nella stanza dei bottoni senza che nulla di sostanziale sia cambiato per il bene dei cittadini. Con i numeri che ha e due elezioni che lo pongono in una botte di ferro, se avesse voluto fare le riforme Berlusconi le avrebbe già fatte. A meno che non si vogliano considerare parte di un presunto piano riformista le diciannove leggi ad personam che costituiscono - si fa per dire - i soli atti di governo prodotti durante la legislatura. Per il proprio tornaconto e per nient'altro, il premier non ci ha mai pensato due volte a mettere sotto pressione il parlamento che sui banchi della destra maggioritaria si è fatto docile strumento per assecondare i voleri del capo. Poi ha lasciato fare ai portaborse. Se lo scoppio della bolla finiana possa in qualche modo porre fine al cesarismo sul quale si regge la formula ormai vacillante conosciuta come “ rivoluzione del predellino” è un'ipotesi tutta da verificare, ma in apparenza poco probabile.

QUIRINALIZIO. E’ un grido di dolore quello di Sergio Zavoli sulle condizioni in cui versa la RAI. Con la gestione della destra, la tv di Stato non rispetta piu’ niente: la sua autonomia, la sua capacità di critica. Non è ancora la notte del servizio pubblico, ma serve un colpo d’ala- esorta il popolare giornalista, presidente della Commissione di vigilanza. Patrimonio comune di tutti gli italiani che pagano il canone, la RAI sta diventando sempre piu’ un feudo del Cavaliere. Dopo avere plasmato il Tg1, ormai cortigianesco quanto il Tg4 di Mediaset, il premier ha preteso il video per l’irrituale e quirinalizio messaggio del 25 aprile. E’ stata una prima prova generale, una sorta di “presidential training” che potrebbe preludere ad altre invasioni di campo in attesa della salita al Colle. Adesso il peso politico tra le due destre si conta anche a viale Mazzini dove i vari filoni del Pdl si contendono senza esclusione di colpi le poltrone piu’ ambite. L’effetto è che quanto proposto nei programmi-spazzatura finisca col diventare la mano morta di una ideologia deteriore. 

CENTRALISMO. Nei momenti di crisi la politica riesce anche a fare sorridere, proponendo espressioni che restano un punto di riferimento irrinunciabile per cogliere il clima di un’epoca. Si parte dagli astrusi “equilibri più avanzati” del periodo moroteo , per giungere all’intrigante “centralismo carismatico” riferito al signore di Arcore. E’ la versione scanzonata del “centralismo democratico” d’antan che non ammetteva critiche all’indirizzo del capo. C’è poi il fulminante “gattopardo democristiano” con cui Bossi apostrofa Fini e che la dice lunga sull’aria pesante che si respira mentre va in scena il duello rusticano tra le opposte fazioni della destra. Ci si potrebbe anche divertire se il paese non fosse nelle condizioni in cui si trova a causa della latitanza di chi ha scordato l'unica ragione per la quale è stato eletto: il governo dell'Italia, il buon governo.


REGIONE UMBRIA: PRESIDENTE E GIUNTA

LEGISLATURA 2010 - 2015

Presidente: Catiuscia Marini

 
Deleghe e competenze: Programmazione strategica generale, controllo strategico e coordinamento delle Politiche Comunitarie. Rapporti con il Governo e con le Istituzioni dell’Unione Europea. Intese Istituzionali di Programma e accordi di programma quadro. Riforme istituzionali e coordinamento politiche del federalismo. Coordinamento delle Politiche per l’Innovazione, la Green Economy e l’internazionalizzazione dell’Umbria. Coordinamento per gli interventi per la sicurezza dei cittadini. Rapporti con le Università e i Centri di Ricerca. Agenzie regionali e Società partecipate. Relazioni internazionali, cooperazione allo sviluppo, politiche per la pace.

Politiche di parità di genere e antidiscriminazione. Protezione civile, programmi di ricostruzione e sviluppo delle aree colpite dagli eventi sismici.

Contatti:
presidente@regione.umbria.it
Corso Vannucci, 96 - 06121 Perugia
tel. 0755043501 - 0755043502
fax 0755043530

Vice Presidente: Carla Casciari

Deleghe e competenze: Politiche e programmi sociali (Welfare).
Politiche familiari, politiche per l’infanzia, politiche giovanili. Politiche dell’immigrazione. Cooperazione sociale. Volontariato sociale. Istruzione e sistema formativo integrato. Diritto allo studio. Edilizia scolastica.

Contatti:
welfare.istruzione@regione.umbria.it
Via M. Angeloni, 61 - 06124 Perugia
tel. 0755045367 - 0755045368
fax 0755045569
 

Fabrizio Felice Bracco

Deleghe e competenze: Beni e attività culturali. Politiche dello spettacolo. Turismo e promozione dell’Umbria. Grandi manifestazioni. Commercio e tutela dei consumatori. Sport ed impiantistica sportiva. Associazionismo culturale e sportivo. Centri storici.

Contatti:
fabrizio.bracco@regione.umbria.it
Via M. Angeloni, 61 - 06124 Perugia
tel. 0755045380 - 0755045381
fax 0755045382


Fernanda Cecchini

Deleghe e competenze:
Politiche agricole ed agroalimentari. Sviluppo rurale. Programmazione forestale e politiche per lo sviluppo della montagna. Promozione e valorizzazione dei sistemi naturalistici e paesaggistici. Aree protette. Parchi.
Caccia e pesca. Sicurezza (L.R. 13/2008). Polizia locale.

Contatti:
fernanda.cecchini@regione.umbria.it
Via M. Angeloni, 61 - 06124 Perugia
tel 0755045128 - 075045148
fax 0755045121

Vincenzo Riommi

Deleghe e competenze: Tutela della salute.
Programmazione ed organizzazione sanitaria ivi compresa la gestione e valorizzazione del patrimonio sanitario. Sicurezza dei luoghi di lavoro. Sicurezza alimentare.

Contatti:
asssanita@regione.umbria.it
Via M. Angeloni, 61 - 06124 Perugia
tel. 0755045255 - 0755045242
fax 0755045277

 
Silvano Rometti

Tutela e valorizzazione ambiente. Prevenzione e protezione dall’inquinamento e smaltimento rifiuti.
Rischio idraulico, pianificazione di bacino, ciclo idrico integrato, cave, miniere ed acque minerali. Energie alternative. Programmi per lo sviluppo sostenibile. Urbanistica e riqualificazione urbana. Infrastrutture, trasporti e mobilità urbana.
Politiche abitative ed edilizia pubblica.

Contatti:
assambiente@regione.umbria.it
Piazza Partigiani, 1 - 06121 Perugia
tel. 0755042635 - 0755042667
fax 0755042737

Gianluca Rossi

Economia. Promozione dello sviluppo economico e delle attività produttive, comprese le politiche del credito. Politiche industriali, innovazione del sistema produttivo, promozione dell’artigianato e della cooperazione. Energia. Relazioni con le multinazionali. Politiche di attrazione degli investimenti. Formazione professionale ed educazione permanente. Politiche attive del lavoro.

Contatti:
economia@regione.umbria.it
Via M. Angeloni, 61 06124 Perugia
tel. 0755045733 - 0755045752
fax 0755045789

 
Franco Tomassoni

Deleghe e competenze: Programmazione ed organizzazione delle risorse finanziarie, umane, patrimoniali, innovazione e sistemi informativi. Affari istituzionali ivi compresi i rapporti con il Consiglio Regionale. Riforme dei servizi pubblici locali e semplificazione della Pubblica Amministrazione.

Contatti:
franco.tomassoni@regione.umbria.it
Via Pievaiola, 23 - 06128 Perugia
tel. 0755044400 - 0755044401
fax 0755044405

 
Stefano Vinti

Politica della casa: edilizia sovvenzionata ed agevolata. Programmazione delle opere pubbliche ed interventi diretti. Normativa in materia di Lavori Pubblici. Infrastrutture tecnologiche immateriali. Mitigazione del rischio sismico e geologico. Sicurezza nei cantieri. Sicurezza stradale.

Contatti:
stefano.vinti@regione.umbria.it
tel 075 5900 - 075 5901 
fax 075 5907
  
Agenzie e società regionali

  • Agenzia regionale umbra per lo sviluppo e l'innovazione in agricoltura
  • Agenzia per il diritto allo studio universitario
  • Agenzia Umbria Sanità
  • Gepafin
  • Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale
  • Consorzio S.I.R.
  • Sviluppumbria
  • Servizio Europa Umbria
  • Umbria Innovazione
  • Agenzia Umbria Ricerche
  • 3A-Parco Tecnologico Agroalimentare dell'Umbria
Abril 2010

26.04.2010 - Umbria...

Una giunta con il buco rosso... Da oggi nuovi assessori operativi,

intanto il Pdl attacca la governatrice. Modena: “Il governo della Marini parte già con mille problemi”.

PERUGIA (Gis) - Il tira e molla dentro Rifondazione, il governo regionale che comunque inizia a lavorare, il centrodestra che - seppur timidamente - spara qualche cannonata contro la maggioranza. L’alba dell’era Marini arriva in un clima ancora incandescente, con diversi nodi da sciogliere, non ultimo quello della rappresentatività di Terni. Ma nel frattempo la governatrice è stata di parola: giunta varata.

Questa mattina i neo assessori firmeranno l’accettazione dell’incarico e diverranno operativi. In settimana la prima uscita ufficiale della Marini da governatrice, una puntatina alla Comunità europea, accompagnata dal suo portavoce. La patata bollente dell’assessore di Rifondazione ora è di fatto nelle mani del partito stesso, drammaticamente diviso. Al punto da riuscire “persino“ a svegliare l’opposizione che ieri ha duramente criticato la nuova giunta regionale con un comunicato stampa. Il Pdl sostiene che la giunta sia nata “in ritardo rispetto a molte altre ed ancora non sia operativa”. A parlare di “giunta con il buco rosso” è Fiammetta Modena, che alle regionali era il candidato presidente della coalizione di centrodestra. “Un buco non certo dettato da esigenze di celerità - dice Modena nella nota - visto che Piemonte, Veneto, Marche e Calabria sono operative da un pezzo”. “E’ fuori dal mondo - scrive ancora - il fatto che la Marini lasci un buco rosso in giunta in attesa che le indichino un assessore più gradito di Vinti (magari anche alla precedente governatrice, la Lorenzetti). Inoltre verrebbe preso per matto chi dicesse che il buco è un’intelligente scappatoia per garantire la governabilità”. Per Modena “un segnale di novità sarebbe quello di lasciare fuori dalla giunta la sinistra estrema.

Questa giunta regionale - conclude - nasce sicuramente con dei buchi veri: il primo è la mancata rappresentanza di Terni, il secondo la scarsa presenza di personaggi provenienti da un’area moderata e di centro, il terzo è l’elezione del presidente del consiglio regionale che sarà purtroppo destinata alla solita compensazione politica”. Fin qui la Modena. La Marini, invece, ha tutta l’intenzione di tirare dritta per la sua strada. Non ha alcuna voglia di rimanere sulla graticola per colpa delle fratture interne a Rifondazione. E’ pronta a concedere al Prc l’assessorato dovuto, ma certo senza inimicarsi i consiglieri eletti. Tra l’altro già prima del voto aveva pubblicamente dichiarato che la giunta sarebbe stata composta in larga parte dai consiglieri regionali eletti. Di esterni ne ha già uno (la dipietrista Casciari) e non sembra affatto intenzionata a nominarne un altro. Dunque strada praticamente sbarrata per Stefano Vinti e governatrice decisa a tenere il punto, se necessario anche per diversi mesi (nessuna legge la obbliga a nominare per forza 8 assessori) nonostante le pressioni dall’esterno, comprese quelle - per ora molto garbate - di Paolo Ferrero, segretario nazionale del partito.


Ipse Dixit

L'inizio della commedia - "La commedia inizia con i nostri gesti più semplici. A ciascun nostro gesto appartiene inevitabilmente un tratto maldestro. Nel mentre allungo la mano per avvicinare la sedia, mi si formano delle pieghe sulla manica della giacca, ho lievemente striato il pavimento, ho fatto cadere la cenere della mia sigaretta. Facendo quello che volevo, ho fatto mille cose che non volevo fare. Non si è trattato di un atto puro." - Emmanuel Levinas

Un indiscutibile carisma - "Tutto quello che affermava era, al tempo stesso, stupefacente ed enunciato con autorità. Io non ero ancora bene al corrente dei rapporti tra Heidegger e Hitler e, inoltre, all'epoca il presunto nazionalsocialismo di Heidegger non costituiva un problema come oggi, perché Heidegger aveva un indiscutibile carisma personale... Si aveva l'impressione che se Heidegger diceva qualcosa non valeva la pena discuterne ulteriormente." - Emmanuel Levinas

Il fatto della fraternità - "Il fatto originario della fraternità è costituito dalla mia responsabilità di fronte ad un volto che mi guarda come assolutamente estraneo... O l'uguaglianza si produce là dove l'Altro comanda il Medesimo e gli si rivela nella responsabilità; o l'uguaglianza non è che un'idea astratta." - Emmanuel Levinas


26.04.2010 - SPIGOLATURE

Con quel suo nome impronunciabile...

LEZIONE - Con quel suo nome impronunciabile, Eyjafjallajökull, sembra un folletto delle saghe nordiche. Invece è un vulcano, un capriccioso vulcano islandese che in questi giorni si è messo a dettar legge riuscendo a fermare il mondo. Quasi due secoli fa un evento analogo ispiro’ a Leopardi un’operetta morale sull’implacabile forza della natura. Dall’Etna, fucina degli dei, a Stromboli, culla della chiacchieratissima love story tra la Bergmann e Rossellini, da sempre il vulcano popola la fantasia e le paure degli uomini. Con la sua potenza che sovrasta la nostra volontà, il carico di lava, lapilli e nubi si è mostrato piu' forte della tecnologia che dovrebbe governare i flussi di comunicazione fra gli uomini. Al contrario, come è accaduto con la crisi finanziaria , è bastato il risveglio burrascoso del piccolo cono eruttivo su un'isola lontana per inceppare il meccanismo planetario e spaventare chi siede nella stanza dei bottoni. La lezione delle polveri vagabonde che hanno incollato al suolo migliaia di aerei non poteva essere piu’ eloquente. Forse è tempo di darsi una regolata.

CENERE - E’ uno sterile gioco delle parti, il conflitto al buio che agita le acque in seno alla maggioranza. Nasce una nuova corrente, quella dei finiani, ma nessuno ha capito quale sia il progetto politico insito nella faida tra fratelli-coltelli della destra. Comunque sia, a prescindere da come andrà a finire il durissimo scontro tra il presidente della Camera e Berlusconi , per i cittadini non cambierà nulla poiché in esso sono assenti i veri problemi del paese. Litigano invece di brutto gli uomini del Cav, colonnelli tremebondi, angosciati dall’idea di perdere poltrone e prebende. Quanto alle riforme, non mette conto di parlarne, sono un ossimoro, l’antitesi tra due termini in forte contrasto tra loro alla corte di un sovrano che regna e non governa. Si faccia dunque il patto repubblicano contro la deriva populista e plebiscitaria proposto da Bersani. Si faccia presto, prima che l’Italia finisca nel caos come i cieli paralizzati dalla cenere vulcanica.

SPECCHIO - Se lo tiene ben stretto il Berlusca l’amico carissimo Umberto. Ogni giorno gli fa l’elogio, come Erasmo con la follia. Bisogna capirlo. Con quel che costano i voti portati in dote dal Senatur, è meglio non correre rischi. Tanto piu’ che in circolazione adesso c’è pure l’ex FIAT Luca di Montezemolo, da molti indicato, nonostante i dinieghi dell’interessato, come il leader di un futuro grande centro capace di erodere consensi alla maggioranza. In un quadro già molto fosco, gli amorosi sensi tra il Pdl e la Lega vengono vissuti con crescente frustrazione in quanto danno corpo ad ambizioni sfrenate per portare il Cavaliere al Quirinale e tenercelo per un settennato da monarca-repubblicano. Altri sette anni? Si dispera Antonio Cornacchione: ma chi ha rotto lo specchio?

SQUALLORE - Ha fatto il giro del mondo l’umiliazione di stampo leghista inflitta ai bimbi indigenti di Adro, privati della refezione per trenta miseri denari. Nessun altro prima d’ora ha contribuito in modo siffatto a far si che l’Italia sia oggi se non piu’ corrotta, certo piu’ immorale. Non c’è la benché minima traccia del partito dell’amore , ma soltanto squallore, in atteggiamenti come questi che denotano una totale mancanza di sensibilità e di rispetto per la dignità umana. Un po’ come il famigerato “Bianco Natale”, si compie l'ennesimo oltraggio xenofobo buono per vellicare gli istinti piu’ riposti. Davvero non si capisce cosa via sia di dolce nel naufragare in un mare cosi’ torbido.


26.04.2010 - Ma che cos’è quest’Italia?

di Andrea Ermano

Dopo Marx, aprile, si diceva una volta. Quest'anno il mese d’aprile sembra dominato da una ricapitolazione vertiginosa del nostro Novecento nazionale.

Le giornate della politica italiana sono scandite dai fantasmi di Giolitti, Mussolini e Alberto Sordi. La cosiddetta seconda repubblica si configura ormai come un mix di notabili (in sostituzione di correnti e partiti), di gesti arbitrari (in sostituzione di regole e procedure) e di auto-parodie (di chiara marca sordiana, appunto).

C’era una volta (qualche giorno fa) una Costituzione che non permetteva al premier di governare, risolvere i problemi della gente, guarire le malattie. E allora il premier ordinò a Calderoli (sempre qualche giorno fa) di fare le riforme, assolutamente, anche a colpi di maggioranza.

Ma fin dalle prime interlocuzioni un gran dissidio scoppiò tra il premier stesso e il Presidente della Camera, perché a quest'ultimo non è chiaro se l'unità nazionale rientra o meno nelle aspettative di vincita del Paese mentre per il premier non è chiaro se il Paese sia compatibile con le leggi ad personam. Prontamente, il premier ha ripreso a minacciare e vellicare il presidente dissidente, ma avendo contemporaneamente cura di raccontare delle simpatiche barzellette al pubblico. Il senso politico è stato esplicato così: le riforme non sono poi così importanti; l’importante è lasciare che il governo governi.
Un popolo, a questo punto, sarebbe portato a concludere che governare si può, si poteva e si sarebbe potuto.

Stacco musicale: Fiumi azzurri e colline e praterie. Dove scorrono dolcissime le mie malinconie. L'universo trova spazio dentro me. Che anno è, che giorno è?

Il pubblico ludibrio di un bipolarismo in fase terminale", titola un quotidiano oggi. E Massimo Cacciari avrà le sue buone ragioni giolittiane nell’augurarsi che adesso Berlusconi non precipiti troppo precipitevolmente, perché allora sì che il marasma sarebbe totale.

Dobbiamo per questo rallegrarci del forte sostegno vaticano a Tremonti e, persino, allo spirito della Lega, nel nome del padre e del figlio? Mentre i “sacri palazzi” ospitano una vera e propria ridda di udienze e incontri, in parte segreti, in parte riservati, in parte sbandierati, sul versante legislativo il presidente della Camera, Gianfranco Fini, descrive gli effetti del debordare leghista sul centrodestra, il Governo e il Paese.

Si dà corso, per compiacere alla Lega, a ipotesi secondo cui il bambino che è figlio di un immigrato che perde il posto di lavoro, e che quindi diventa ‘clandestino’, è cacciato dalle scuole esattamente come se si trattasse di un bambino di serie B. Il rispetto per la dignità della persona! E non potete dire che non è vero!”, ha denunciato ieri il Presidente della Camera in un mirabile discorso politico di fronte alla direzione del suo partito: “Sento dire che bisogna che i medici facciano la spia e, se un immigrato clandestino va in un ospedale, bisogna che i medici lo denuncino!”.

Sì, dov'è rimasta la dignità della persona se il Vaticano benedice la Lega?

Be’ certo, come potrebbe il Santo Padre rinunziare al suo “cortile di casa”? E certo l'Italia val bene un po' di acqua santa per quell’ottusa trota che odia tutti i “centocinquantatré grossi pesci” di cui parla il Vangelo.

Ne viene fuori una bella dose d’ironia della storia. L’ex leader del MSI è oggi il maggior campione della resistenza istituzionale alla xenofobia, mentre sul pontefice tedesco, che benedice Bossi e Berlusconi per motivi non puri e non belli, aleggia la smorfia dell’Albertone nazionale, il più sgangherato auto-sghignazzo che il genio italico sia riuscito a produrre nella seconda metà del secolo scorso.

Ma, poi, che cos’è quest’Italia, che ai clerical-padani mai piacque, se non un’equazione geo-politica con troppe, troppe, troppe incognite, formulata per celia, in modo inestricabilmente enigmatico, da una qualche arcaico dio pitagorico, priva di soluzioni reali?

Chissà. Ora vedremo se l’Italia è ancora un paese capace di virtù repubblicane, e se magari ci siano donne e uomini che -- attivi nel mondo delle istituzioni, del lavoro, dell'economia e delle idee -- si preoccupano dell’interesse generale, prima che sia troppo tardi, senza lasciarsi vellicare dagli allettamenti del potere, senza lasciarsi impressionare da ricatti e minacce.

Questo è il nostro augurio più fervido e sincero.


19.04.2010 - Il vulcano e il caos voli,

Le immagini dei disagi provocati dall'eruzione del Eyjafjallajokull

Traffico aereo bloccato per la nube di cenere del vulcano islandese.

Notte sulle brandine a Fiumicino e a Malpensa.

In tutta Europa soppressi 63 mila voli dal 14 aprile a oggi

        

       



ASSOCIAÇAO UMBRI DO BRASIL

Assembleia Geral Ordinaria

31 Março 2010

1. Aclamaçao: Presidente Honorario
2. Aprovaçao: Balanço 31.12.2008 - 31.12.2009
3. Eleiçao: Presidente,Conselho Diretivo e Conseglio Fiscal - Março 2010 - Março 2013

PRESIDENTE Honorario : NICOLETTA Arcamone Mattoli

CONSELHO DIRETIVO :

PRESIDENTE                     SANDRO BENEDETTI ISIDORI

1º VICE PRESIDENTE              PIETRO MIGNOZZETTI

2º VICE PRESIDENTE              GINFRANCO FRANCESCHETTI

1º SEGRETARIO ADM.             ALDO SPINA

2º SEGRETARIO ADM.             LIDIA PEDINI

1º DIRETOR CULTURAL           ORIANA MONARCA

2º DIRETOR CULTURAL           PAOLA BIGANTI

1º DIRETOR JOVENS               VALERIA RANOCCHIA

2º DIRETOR JOVENS               PAULA MATTOLI

Conselho Fiscal :

1. NORMA Calisti
2. CARLA Cardinali
3. LUIZ Balducci

Suplentes :

1. VALERIA Falleiros Spina
2. GIANCARLO Antonini
3. ROBERTO Brodoloni


02.04.2010 - COMUNICADO

CURSO DE ITALIANO GRATUITO!

Caros amigos umbros e descendentes, a Agência Umbrasil  em parceria com a Associação Umbri do Brasil conseguiu gratuitamente um curso de italiano online Fase Introdutória. São 6 vagas totalmente gratuitas! Os interessados deverão mandar email diretamente para o site da associação – www.umbridobrasil.com.br até segunda-feira, dia 12 de abril. Buona fortuna!  - Oriana Monarca  (Diretor Cultural)

Março 2010

ELEZIONI AMMINISTRATIVE ITALIA

28 E 29 DI MARZO 2010

ELEZIONI Regionali Affluenza alle urne dati Nazionali:

Comuni:5.068 su 5.068 Percentuale votanti: 64,19% Precedente elezione: 72,01%  Scrutinio
Sezioni pervenute Presidente:37.896 su 37.896 Liste circoscrizionali: 37.896 su 37.896

Provinciali Affluenza alle urne :
Comuni:339 su 339 Percentuale votanti: 68,31% Precedente elezione: 73,39% 
Sezioni pervenute Presidente:1.893 su 1.893 Consiglio:1.893 su 1.893

Comunali Affluenza alle urne :
Comuni:460 su 460 Percentuale votanti:74,42% Precedente elezione:77,48%
Sezioni pervenute Sindaco:4.434 su 4.434 Consiglio:4.434 su 4.434

REGIONE UMBRIA:
Elettori 713.679
Votanti 466.670 - 65,38 %

Candidati presidente e liste:

MARINI CATIUSCIA PER L'UMBRIA MARINI PRESIDENTE257.458
PARTITO DEMOCRATICO149.219
DI PIETRO ITALIA DEI VALORI34.393
RIFOND.COM. - SIN.EUROPEA - COM.ITALIANI28.331
SOCIALISTI RIFORMISTI17.167
SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'13.980
Totale243.090
  
MODENA FIAMMETTA PER L'UMBRIA169.568
IL POPOLO DELLA LIBERTA'133.531
LEGA NORD17.887
Totale151.418
  
BINETTI PAOLA UNIONE DI CENTRO22.756
UNIONE DI CENTRO18.072

15.03.2010

Convocaçao Assmbleia Geral Ordinaria

31.03.2010 

Fevereiro 2010

La meraviglia dell’aurora boreale

Nel villaggio di Grotfjord - NORVEGIA


Ipse dixit 

L'ANIMA ETICA DELLA DEMOCRAZIA E DEL SOCIALISMO RIFORMISTA

SANDRO PERTINI

"La democrazia si difende e si rafforza con una grande tensione morale. Si colpiscano i colpevoli di corruzione senza pietismi. Bisogna essere intransigenti verso se stessi ed io lo sono stato: ho resistito al fascismo ed ho sempre compiuto il mio dovere". Sono parole, queste, che identificano immediatamente Sandro Pertini, Presidente di tutti gli italiani e garante della Costituzione con la forza e con la passione di un eroe risorgimentale.

Pertini rappresentò al contempo l' ala meno ideologizzata del partito e la fedeltà alla 'purezza' originaria, ad un socialismo idealista ed autonomo che affondava le sue radici in un tempo antico, dal quale non si separò mai. Nemmeno quando venne chiamato al Quirinale.

Al Colle, lo stile Pertini è inequivocabile e innovativo; diventa la rappresentazione di un forte legame personale fra istituzioni e paese in un periodo di spietata crisi italiana. Terrorismo, rapimento e omicidio di Moro, difficoltà economiche e politiche. Fu il momento di riappropriarsi e di esaltare i valori che avevano fatto sbocciare la democrazia, combattere nuovamente e sconfiggere i suoi nemici.

Capì, con grande anticipo, quello che oggi - nel degradarsi di quella tensione morale che il comportamento di tanti protagonisti della nostra vita pubblica rende così evidente - è il rischio maggiore di una democrazia: il venir meno del suo cuore etico.

Ecco la modernità e attualità di Sandro Pertini: interpretare l'anima etica della democrazia e con essa del socialismo riformista; quasi un messaggio che trascende la dimensione istituzionale. Ad esso oggi dobbiamo guardare con grande determinazione per ritrovare e coniugare regole e valori condivisi.

Il cuore dell' insegnamento di Pertini, che trova nell' attualità uno spaventevole riscontro, diventa la continuità che deve sussistere fra etica personale ed etica pubblica, educando e ancorando le coscienze alla rettitudine. Forse è anche l' unico modo oggi di abituarci all' uso critico dei media, protagonisti di una stagione terribile per uomini e istituzioni, e formare cittadini e loro rappresentanti, oltre che ai diritti, ai doveri.

Il senso profondo della democrazia si manifesta nell'avvicinare i cittadini alle istituzioni e diventare modelli di impegno civile e morale per tutti.

Bruttissma notizia

La notizia dell’indagine su Guido Bertolaso è una bruttissima notizia, comunque vada a finire. Bertolaso è un personaggio che fino ad ora aveva raccolto elogi e ammirazione da una grande maggioranza trasversale... Siamo un Paese corrotto? O un Paese paralizzato da una "questione giudiziaria" di cui non si vede la via d’uscita? Probabilmente tutte e due le cose... Nel 2010 avranno diritto di voto i nati nel 1992, anno di Mani Pulite. Fa impressione pensare che è passata ormai una generazione dall’inizio di questo cupissimo capitolo della storia d’Italia. Una generazione durante la quale l’Italia non ha risolto né il problema della corruzione, né quello del rapporto tra politica e magistratura. - Michele Brambilla


24.02.2010 PERUGIA - La Modena a caccia di imprese.

Faccia a faccia con i vertici della Confapi: dopo il centrosinistra tocca al Pdl. “L’Umbria adesso ha bisogno di nuove prospettive economiche”.

Incontro alla Confapi Il tavolo con il presidente Chiocci e la candidata del Pdl alla Regione Fiammetta Modena

Proseguono gli incontri di Confapi Umbria con i candidati alla presidenza della Regione Umbria. Una delegazione del direttivo di Confapi Umbria, guidata dal presidente Gabriele Chiocci, ha incontrato ieri mattina Fiammetta Modena, candidata del Pdl alla presidenza della giunta regionale. Politiche industriali selettive da attuare attraverso la rimodulazione delle risorse e il ricorso a strumenti innovativi di reale supporto alle imprese, semplificazione delle norme che impattano pesantemente sull'attività imprenditoriale e accesso al credito a partire dalla ricapitalizzazione dei Confidi, queste alcune delle priorità evidenziate da Confapi Umbria insieme a una proposta di scenario. “E' arrivato il momento - ha sottolineato Chiocci - di fare un discorso in prospettiva, in base al futuro che vogliamo per la nostra regione e, a nostro avviso, il futuro dell’Umbria non può prescindere, sia per tradizione che per vocazione, da un modello di crescita sostenibile: è tempo di trasformare i vincoli ambientali in opportunità di sviluppo facendo di una necessità condivisa una virtù conveniente”. Da un grande progetto strategico intorno al quale unire le forze, l'oggetto del confronto si è poi focalizzato sulle misure contingenti per fronteggiare la crisi. “Sosteniamo da tempo - ha aggiunto Chiocci - che in condizioni particolari occorrano interventi straordinari e che nell’attuale situazione di crisi i tradizionali strumenti di supporto alle attività produttive, notoriamente rappresentati dai bandi per la concessione di contributi a fondo perduto, non siano più sufficienti. Bene il fondo perduto per incentivare la ricerca ma per tutto il resto chiediamo l'attivazione di fondi rotativi, come esempi di successo in altre regioni del Centro-Nord ci insegnano”. Pieno accordo, da parte della candidata del Pdl, sulla necessità di portare in Umbria le esperienze migliori delle aree più sviluppate del Paese. “L’Umbria - ha aggiunto la Modena - ha bisogno di una nuova prospettiva, di scelte chiare e di tempi certi sulle cose da fare per favorire lo sviluppo del nostro tessuto produttivo. Voglio governare una Regione in cui le imprese abbiano vita facile. In questo senso le richieste relative alla semplificazione burocratica della macchina regionale e alla necessità di ricapitalizzare i Confidi per contrastare il problema dell'accesso al credito fanno da coro nei vari incontri ai quali sto partecipando. Ciò significa che si tratta di priorità e che è anche da queste che dobbiamo partire”


CARNAVAL RIO DE JANEIRO 2010

Unidos da Tijuca vence pela primeira vez o Carnaval do Rio na Sapucaí

Pela primeira vez em 74 anos, a Unidos da Tijuca conquistou o título de melhor escola de samba do carnaval do Rio de Janeiro, com 299.9 pontos. O resultado saiu nesta quarta-feira (17), após uma acirrada apuração de quesitos na qual a Grande Rio (299.4 pontos) e a Beija-Flor de Nilópolis (299.2 pontos) figuraram como maiores rivais (confira a classificação nota a nota). A Unidos do Viradouro foi rebaixada e, em 2011, vai ser substituída pela São Clemente, campeã do Acesso.

O último campeonato da escola da Zona Norte do Rio havia sido no distante 1936, ainda na primeira década de desfiles oficiais, quando a Tijuca saiu com o samba-enredo "Natureza Bela do Meu Brasil". Nos últimos dez anos, a escola havia sido vice-campeã duas vezes, em 2004 e 2005, ambas com o atual carnavalesco, (Paulo Barros)


IL CARNEVALE DI VENEZIA 2010

Il Carnevale di Venezia, se non il più grandioso, è sicuramente il più conosciuto per il fascino che esercita e il mistero che continua a possedere anche adesso che sono trascorsi 900 anni dal primo documento che fa riferimento a questa famosissima festa.

Chi non ne ha mai sentirto parlare? Si hanno ricordi delle festività del Carnevale fin dal 1094, sotto il dogato di Vitale Falier, in un documento che parla dei divertimenti pubblici nei giorni che precedevano la Quaresima. Il documento ufficiale che dichiara il Carnevale una festa pubblica è del 1296 quando il Senato della Repubblica dichiarò festivo l’ultimo giorno della Quaresima.

CARNEVALE DI SPOLETO 2010

" Sfilata carri allegorici, festeggiamenti dal 7 al 14 febbraio Eventi - 06/02/2010 17:32 AL VIA IL 182° CARNEVALE DI SPOLETO Sfilate dei carri allegorici, Carnevale con i bambini e la "Grande festa di chiusura" dal 7 al 16 febbraio

Il Carnevale di Spoleto, giunto alla sua 182° edizione, si terrà dal 7 al 14 febbraio. Le vie e le piazze, sia del centro storico che della parte bassa della città, saranno il teatro naturale che ospiterà le sfilate dei carri allegorici, delle bande musicali, dei gruppi folkloristici configurandosi quale vetrina privilegiata dell'artigianato popolare.

Si inizia il 7 febbraio alle ore 14.30, con la consueta sfilata di carri allegorici che, accompagnati da gruppi mascherati, gruppi folkloristici e bande musicali, da Via San Carlo attraverseranno il centro storico fino a terminare il loro percorso in Piazza Garibaldi.

L' 11 febbraio alle 14.30, presso il Centro Civico di Quartiere San Nicolò e il 12 sempre alla stessa ora a Piazza d'Armi (presso Palarota), sono in programma due pomeriggi dedicati ai bambini.

L'11 il tema sarà "Carnevale dei bambini con il BUS 285", mentre il giorno a seguire i più piccoli parteciperanno ad una festa in maschera a loro dedicata.

Domenica 14 febbraio, tornano di scena i carri allegorici. Il percorso questa volta si snoderà nella parte bassa della città con partenza prevista alle ore 14.30 da Via Flaminia per arrivare alla rotatoria di San Nicolò nei pressi del parcheggio dell'area commerciale.

Infine il 16 febbraio, giorno di martedì Grasso, presso il Rione Casette è prevista, a partire dalle 14.30, la "Grande festa di chiusura".
Spoleto, venerdì 5 febbraio 2010


14.02.2010 - PERUGIA Elezioni Regionali

La corsa per la Regione - “Espugneremo il fortino rosso”. 
Premier Martedì Fiammetta Modena da Berlusconi “Questa volta ci giocheremo tutto. Faremo una campagna tutta in attacco”.

Lo ha dichiarato in un’intervista Fiammetta Modena, candidata del Pdl a governatore della Regione Umbria. Tra i motivi per cui il Pdl potrebbe vincere le elezioni regionali, secondo Modena “innanzitutto c’è l’affidabilità e la capacità di fare squadra del Pdl. Siamo un gruppo compatto, esprimiamo una linea chiara e siamo in grado di governare la Regione”. E poi, ci sono le difficoltà del Pd. “Dire difficoltà non rende la situazione - sottolinea Modena - Sono reduci da due anni di liti laceranti.

Prima la questione del terzo mandato della Lorenzetti, poi lo scontro sul post Lorenzetti. Liti di casta. E stavolta se ne sono accorti tutti e chi conosce il Pd sa che queste ferite non sono sanabili”. La candidata del Pdl sottolinea che alle primarie del Pd, che hanno eletto candidata presidente della Regione Catiuscia Marini, “c’è stata un’affluenza molto bassa. Appena 53mila dai 75mila che avevano votato per il congresso. Con uno strano balzo in avanti di sera”. Per valutare i progressi del centrodestra in Umbria, secondo la candidata del Pdl, “basta guardare i risultati delle ultime elezioni. Dalle politiche del 2008 il centrodestra è sempre cresciuto e ha strappato al Pd comuni importanti: la stessa Todi, Orvieto, Bastia, Gualdo. Poi alle ultime europee il Pdl ha superato il Pd. Governiamo 23 amministrazioni locali e siamo pronti per la regione”. “Il piano casa del governo è fondamentale - sottolinea - In Umbria è stato recepito in modo molto restrittivo e noi abbiamo già detto che sarà la prima cosa che cambieremo. Poi cercheremo di collegare le istituzioni e il mondo dell’economia all’Università. E punteremo su un welfare che non lasci indietro nessuno”. E per le regionali, Modena vorrebbe il sostegno dell’Udc. “Con l’Udc in Umbria abbiamo un’alleanza storica. Auspichiamo di ritrovarli al nostro fianco ”.

Intanto ieri la Modena ha incontrato amministratori e consiglieri dei comuni di Attigliano, Lugnano, Penna, Alviano e Giove. Hanno chiesto alla candidata del Pdl “...attenzione da parte della Regione alle problematiche del territorio, in una zona che si sente da sempre marginalizzata”. In particolar modo “...è stato chiesto interesse e decisione da parte della nuova Giunta regionale in merito al sociale e alla sanità con la necessità dell’immediata realizzazione dell’ospedale Narni-Amelia”. Per il turismo e l’ambiente si è fatto riferimento all'Oasi di Alviano e infine per le infrastrutture si è chiesta la realizzazione del collegamento Alviano Scalo-Attigliano. Poi la candidata del Pdl è recato ad Otricoli dove ad aspettarla c’erano il sindaco, Nico Nunzi, gli amministratori, i consiglieri e numerosi sostenitori. A presentare l’avvocato Modena è stato il primo cittadino, il candidato ha così parlato del programma di governo con particolare riferimento all’area archeologico della zona.

Oggi ancora impegni nel territorio ternano con la partecipazione alla messa in occasione dei festeggiamenti per San Valentino, celebrata dal vescovo Paglia, poi visite a Stroncone e Narni. Le visite sono state anche occasioni per lanciare la campagna di raccolta fondi per la campagna elettorale Pdl. “Un approccio cristallino, trasparente - si legge in una nota - che oltre che nel programma e nel futuro governo della Regione si riscontra anche nella raccolta dei contributi per sostenere il candidato presidente”


13.02.2010 - Amelia (Terni )

Il ricordo di Alfredo, Don Pierino all’auditorium di Amelia

“A zì prete, damme ‘na mano”. Gli oltre 350mila ragazzi salvati dalla droga da don Pierino Gelmini devono molto a queste semplici parole. Sono quelle pronunciate il 13 febbraio di 47 anni fa da Alfredo Nunzi, fino a quel momento un poveraccio qualsiasi seduto sugli scalini della chiesa romana di Sant’Agnese a piazza Navona. Neanche lui poteva sapere che da quelle parole sarebbe poi nata tutta l’opera della Comunità Incontro. Don Pierino questa mattina sarà proprio lì su quei gradini a celebrare il ricordo di quel 13 febbraio 1963. Si tratta di uno dei momenti più sentiti dal sacerdote antidroga, perchè si riferisce proprio alle origini morali della sua opera. Fu quello infatti il passaggio che cambiò la vita a don Pierino, che a sua volta poi la trasformò, ripescandola dalla strada, a tantissimi ragazzi in giro per il mondo. La cerimonia di stamattina ripercorrerà proprio la cronaca di quei momenti. Don Pierino, all’epoca giovane monsignore, segretario di un importante cardinale del Vaticano, attraversa piazza Navona a Roma con sotto braccio alcuni documenti importanti addirittura riservati al Santo Padre.

La sua carriera ecclesiastica infatti è già ben avviata e da lì a poco probabilmente gli farà fare anche un ulteriore salto di qualità. Alfredo Nunzi, sporco e malconcio, all’improvviso lo vede passare e chiama: “A zì prete, damme ‘na mano”. Il sacerdote non si sottrae all’appello e come ogni persona per bene mette la mano nel portafogli, per consegnare qualche spiccio al povero mendicante. Che però subito ribalta la situazione: “Non voglio soldi. Non vedi che sto male?”. “Su, dai vieni che ti porto all’ospedale”, è la risposta del sacerdote, destinata però a cadere nel vuoto. “Ci sono stato tante volte all’ospedale, ma eccomi qua”. “Allora ti ospito a casa mia”, fa don Gelmini. “E sul suo viso - racconterà don Pierino in seguito - a quel punto ho visto stagliarsi un sorriso. Capii allora che avevo fatto centro, e che Alfredo non cercava risposte istituzionali, ma soltanto che qualcuno gli facesse del bene”. Alfredo morirà poi a 49 anni, nel luglio del 1992. Il suo ricordo resta nel cuore di don Pierino come un pilastro fondante di tutto quanto fatto finora in giro per il mondo dalla Comunità Incontro. Ecco perchè don Pierino stesso ha voluto che in tutti i centri questa mattina venga osservato un momento di riflessione proprio in concomitanza con il discorso che il fondatore della Comunità Incontro, insieme ad una delegazione di ragazzi, terrà sugli scalini della chiesa di Sant’Agnese

Massimo Colonna [TXTCHIARO]AMELIA - “A zì prete, damme ‘na mano”. Gli oltre 350mila ragazzi salvati dalla droga da don Pierino Gelmini devono molto a queste semplici parole. Sono quelle pronunciate il 13 febbraio di 47 anni fa da Alfredo Nunzi, fino a quel momento un poveraccio qualsiasi seduto sugli scalini della chiesa romana di Sant’Agnese a piazza Navona. Neanche lui poteva sapere che da quelle parole sarebbe poi nata tutta l’opera della Comunità Incontro. Don Pierino questa mattina sarà proprio lì su quei gradini a celebrare il ricordo di quel 13 febbraio 1963. Si tratta di uno dei momenti più sentiti dal sacerdote antidroga, perchè si riferisce proprio alle origini morali della sua opera. Fu quello infatti il passaggio che cambiò la vita a don Pierino, che a sua volta poi la trasformò, ripescandola dalla strada, a tantissimi ragazzi in giro per il mondo. La cerimonia di stamattina ripercorrerà proprio la cronaca di quei momenti.

Don Pierino, all’epoca giovane monsignore, segretario di un importante cardinale del Vaticano, attraversa piazza Navona a Roma con sotto braccio alcuni documenti importanti addirittura riservati al Santo Padre. La sua carriera ecclesiastica infatti è già ben avviata e da lì a poco probabilmente gli farà fare anche un ulteriore salto di qualità. Alfredo Nunzi, sporco e malconcio, all’improvviso lo vede passare e chiama: “A zì prete, damme ‘na mano”. Il sacerdote non si sottrae all’appello e come ogni persona per bene mette la mano nel portafogli, per consegnare qualche spiccio al povero mendicante. Che però subito ribalta la situazione: “Non voglio soldi. Non vedi che sto male?”. “Su, dai vieni che ti porto all’ospedale”, è la risposta del sacerdote, destinata però a cadere nel vuoto. “Ci sono stato tante volte all’ospedale, ma eccomi qua”. “Allora ti ospito a casa mia”, fa don Gelmini. “E sul suo viso - racconterà don Pierino in seguito - a quel punto ho visto stagliarsi un sorriso. Capii allora che avevo fatto centro, e che Alfredo non cercava risposte istituzionali, ma soltanto che qualcuno gli facesse del bene”. Alfredo morirà poi a 49 anni, nel luglio del 1992. Il suo ricordo resta nel cuore di don Pierino come un pilastro fondante di tutto quanto fatto finora in giro per il mondo dalla Comunità Incontro. Ecco perchè don Pierino stesso ha voluto che in tutti i centri questa mattina venga osservato un momento di riflessione proprio in concomitanza con il discorso che il fondatore della Comunità Incontro, insieme ad una delegazione di ragazzi, terrà sugli scalini della chiesa di Sant’Agnese.


10.02.2010 - MONDO

CINQUE ECO-CRIMINI CHE COMMETTIAMO OGNI GIORNO.

In un’inchiesta, la rivista New Scientist afferma che qualsiasi cosa decidano i governi, i responsabili siamo noi. E invita a porre attenzione ad alcuni “piccoli” dettagli:

Caffè  - Una tazza media di caffè nero è responsabile di 125 grammi di emissioni di CO2. Bere 6 caffè al giorno per un anno significa circa 200 kg di CO2, l'equivalente di un volo da Londra a Roma

Carta igienica- Ogni chilogrammo di carta igienica riciclata al 100% fa risparmiare circa 30 litri d'acqua e 3-4 kilowatt-ora di energia: un risparmio di quasi 2 tonnellate di CO2 per tonnellata di fabbricato. Il problema è la morbidezza… La soluzione è aggiungere fibre di legno nuove, ma che provengano solo da silvicoltura sostenibile.

Mode passeggere - Nel 1990 la produzione tessile mondiale è stata di 40 milioni di tonnellate. Nel 2005 questa cifra è salita a circa 60 milioni di tonnellate. Nel Regno Unito, più di un milione di tonnellate di capi di abbigliamento sono buttati via ogni anno… seminuovi.

Lava-asciuga - L’idea del bianco più bianco e della pulizia, alias iper-igienismo, oltre a renderci più vulnerabili alle malattie, sconvolge il sistema ambientale. Secondo uno studio inglese, solo il 7,5% del carico medio delle lavatrici è veramente sporco. Gran parte del resto è costituito da cose che vengono infilate in lavatrice semplicemente perché sono sul pavimento invece che nel guardaroba (Kate Fletcher, Earthscan, 2008). Assurdo. Soprattutto in considerazione del fatto che oltre l'80% delle emissioni di CO2 prodotte durante il ciclo di vita di una camicia in poliestere deriva proprio dal lavaggio e asciugatura della stessa. Peggio ancora per gli indumenti in cotone. Riflettiamoci.

Sprechi alimentari - Le famiglie statunitensi buttano circa il 30% del loro cibo, per un valore di 48 miliardi di dollari ogni anno. In Europa i numeri sono simili. Alcuni esempi inglesi: 359.000 tonnellate di patate non consumate ogni anno. Cifre simili per pane e mele. 160.000 tonnellate di carne e pesce, seguite da 78.000 tonnellate di riso e pasta, 480 milioni di yogurt e 200 milioni di fette di pancetta... Il costo annuo per i consumatori del Regno Unito di tutti questi rifiuti è di 10 miliardi di sterline e il costo per l'ambiente è di 15 milioni di tonnellate di CO2 (The Food We Waste, WRAP, 2008).

 (Info: www.legambiente.eu -  www.mostragreenlife.org - www.stopthefever.org - www.viviconstile.org).


08.02.2010 - PERUGIA Elezioni Regionali

Catiuscia Marini conquista la candidatura

Hanno votato in più di cinquantatremila. L’ex sindaco di Todi annuncia: “Adesso pensiamo alla coalizione, ai programmi e alle vere elezioni”. Bocci riconosce la sconfitta e fa i complimenti all’avversaria. La vittoria è arrivata all’una di notte.

Vince Catiuscia Marini. Ventinovemila contro circa venticinquemila, uno scarto di circa quattromila schede. Ma manca ancora una manciata di seggi da ultimare, e sono le una di notte. La percentuale si attesterebbe intorno al 54. Il traguardo arriva quando Perugia è a metà del guado (50% seggi scrutinati) e il cervellone dice “Marini 2.700 - Gianpiero Bocci 2.400”. Il segretario regionale Lamberto Bottini dichiara (ufficiosamente): “Il gap a favore di Catiuscia è incolmabile”. Lei, chiusa nella stanza in piazza della Repubblica con Piero Mignini a contare voti e un gruppo di militanti a aggiornare facebook, sorride. Facce più tese a pochi metri, dove Bocci attende il responso con il presidente della Provincia Marco Guasticchi, il segretario comunale Leonelli e i giovani pretoriani del consiglio comunale. Più tardi si telefoneranno, dai rispettivi uffici, per fare i complimenti lui e dare l’onore delle armi lei: solo dopo accortisi di essere a meno di un tiro di schioppo, si stringono la mano e schioccano i baci. “Ora lavoriamo tutti per lo stesso Pd - afferma Bocci -, per gli stessi traguardi. Quelli di vincere le elezioni”.

La Marini fa eco e pensa alle alleanze: “Dobbiamo costruire insieme al Pd e alla coalizione di centrosinistra - annuncia - il progetto e le linee programmatiche per il governo della Regione. La vera competizione è quella del 28 e 29 marzo e non questa”. Con il capoluogo quasi al completo, il capomacchina dell’organizzazione Antonello Chianella si spinge a dire che il dato sulle affluenze supererà i 53mila votanti. Marini vince a Terni e provincia, con circa 4mila voti di scarto. Che vengono però compensati da una stravittoria di Bocci che va di fatto da Bastia Umbra fino a Norcia, Foligno compresa (più novecento) e con apice a Spoleto. Marini bene nella provincia di Perugia: da Umbertide fino a Todi (oltre mille e cinquecento contro centocinquanta). Il top a Città di Castello e al Lago (rapporto quasi di 70-30). A Perugia vince per poco, ma vince: epperò il dato politico è che il capoluogo si è quasi perfettamente spaccato in due. A stemperare lo scontro interno interviene il vice presidente del Pd nazionale Marina Sereni, esponente di Area Democratica che in Umbria ha candidato Bocci. “Marini ha ottenuto un risultato netto e sicuramente meritato ma c’è stata anche una grande affermazione di Bocci, segno di un equilibrio tra i candidati e anche dal fatto che non c’è stata una conta tra bianchi e rossi. I militanti - afferma Sereni - hanno votato i candidati e non la loro provenienza. Si è anche dimostrata la propensione dell’Umbria a indicare la strada del rinnovamento. Ora chi ha vinto e sarà candidato alla presidenza della Regione sappia raccogliere il segnale degli elettori che hanno scelto Bocci”.

Intorno alle 18 punte pari a circa il 50 per cento dei votanti delle primarie per la scelta del segretario nazionale sono state rilevate a Todi e in Valnerina, case natìe e rispettivamente feudi della Marini e di Bocci. Nota metodologica: i dati restano - precisano dalla sede del Pd - ufficiosi. I verbali cartacei dei vari seggi sono infatti giunti a destinazione solo nel corso della notte ne continueranno a giungere nella giornata di oggi. Sarà quindi la Commissione per le primarie a proclamare il candidato per le prossime elezioni regionali. Definitivi nei Comuni Bettona (201 votanti, 144 Bocci e 55 Marini); Città di Castello (2394 votanti, 569 Bocci e 1819 Marini); Deruta (450 votanti, 105 Bocci e 345 Marini); Lisciano Niccone (91 votanti, 4 Bocci e 83 Marini); San Giustino (368 votanti, 133 Bocci e 234 Marini); Sigillo (109 votanti, 54 a pari merito); Torgiano (395 votanti, 149 Bocci e 243 Marini); Campello (132 votanti, 100 Bocci e 31 Marini); Collazzone 178 (68 Bocci e 110 Marini); Fratta Todina (141 votanti, 26 Bocci e 115 Marini); Magione (619 votanti, 125 Bocci e 491 Marini); Monteleone di Spoleto (128 votanti, 116 Bocci e 12 Marini); Nocera Umbra (453 votanti, 205 Bocci e 246 Marini); Norcia (670 votanti, 440 Bocci e 227 Marini); Passignano (217 votanti, 69 Bocci e 147 Marini); Preci (244 votanti, 210 Bocci e 27 Marini); Sellano (243 votanti, 189 Bocci e 50 Marini); Spello (663 votanti, 309 Bocci e 342 Marini); Todi (1757 votanti, 150 Bocci e 1600 Marini); Trevi (692 votanti, 450 Bocci e 237 Marini), Valtopina (292 votanti, 176 Bocci e 115 Marini). Corciano: (Marini 406 e Bocci 320); Marsciano (1222 Marini, 310 Bocci); Gubbio (1192 votanti, Marini 934 e Bocci 258); Foligno (Bocci 2550 e Marini 1640); Allerona (185 votanti, Bocci 50 e Marini 134); Terni (3881 votanti, 2605 Marini e 1335 Bocci); Orvieto (1339 votanti, Bocci 490 e Marini 839). Ha collaborato Lorenzo Federici.


07.02.2010 Perugia Elezioni Regionali

Il giorno di Bocci e Marini Il Pd sceglie il candidato.

Il giorno delle primarie Da sinistra Catiuscia Marini, il segretario regionale del Pd Lamberto Bottini e Gianpiero Bocci durante la conferenza di ieri (foto Belfiore)

"Chiunque vinca, vince il Pd". Lamberto Bottini, fra i duellanti che si sorridono e si abbracciano per far contenti i fotografi, ha la serafica tranquillità di chi finalmente, dopo mesi di burrasca, intravvede il porto a cui fare approdare la navicella piuttosto malandata del partito. Chiunque vinca, lunedì il Pd umbro avrà necessariamente voltato pagina. Magari sarà diviso come prima più di prima, ma avrà alle spalle il periodo più tormentato e lacerante della sua pur giovane vita. Ha un qualche orgoglio il segretario regionale: essere riuscito a organizzare in modo fulminante lo sprint per la gara dei cento metri di Catiuscia Marini e Gianpiero Bocci. "Non era scontato riuscirci, la macchina dell'organizzazione ha dimostrato di essere efficiente". Sicché oggi chi vorrà contribuire alla scelta del candidato presidente della Regione potrà recarsi in uno dei 332 seggi allestiti in tempi da fare invidia al Guinness dei primati. "Abbiamo messo in piedi una cosa rigorosa, seria, generosa, ritenendo le primarie uno strumento importante di democrazia. La scelta madre sancita dallo Statuto del Pd, che lega i cittadini alla politica, ai partiti, alle istituzioni".

Bottini e con lui i vertici democratici si aspettano una risposta importante dagli umbri. Se ci sarà lo si saprà solo domani sera. Previsioni, qui nella sala riunione della sede del Pd, non se ne fanno. Certo, dopo mesi di grande logoramento, sarebbe un miracolo se tornassero a votare gli oltre 70mila cittadini che scelsero a ottobre i timonieri del Pd. La speranza è almeno di raddoppiare il numero degli iscritti, che sono 24mila. "Noi ci ricandidiamo con forza alla guida della Regione - dice Bottini -, non siamo un partito di testimonianza, abbiamo la forza per governare l'Umbria". Questa volta con la spinta decisiva dei cittadini. E' la prima volta, infatti, nella storia del regionalismo umbro che un candidato presidente esce non dal cappello magico delle segreterie dei partiti, ma dal ventre caldo della società civile. "C'è stata una corsa estremamente leale fra i due concorrenti. I candidati sono del Pd - ricorda il segretario -. Da lunedì (domani, ndr), indipendentemente dal risultato, entrambi saranno disponibili a mettersi al servizio di chi ha vinto, del Pd e della società regionale in una visione plurale del partito e in un quadro di utilità per l'Umbria". Ma perché votare Marini o Bocci? Entrambi democratici, certo, ma ci sarà pure qualche differenza per giustificare una scelta? L'ex sindaco di Todi scansa ogni distinzione: "Noi siamo il Pd, i programmi sono quelli del partito, ognuno ci metterà la sua specificità, ma non ci sono programmi individuali. Non c'è una scelta alternativa sul progetto, ma riguardo al profilo di ciascuno di noi". Lunedì, dice Marini, saranno chiare due cose: chi è il candidato presidente e quale programma presentare alla coalizione. Bocci la pensa un po' diversamente e lo dice in modo garbato, ma chiaro: "Il giorno dopo il voto avremo un partito unito, indipendentemente da chi vincerà. Sbagliano gli scettici che la pensano diversamente. Il nostro avversario è Fiammetta Modena. Ma il Pd ha scelto le primarie, ognuno si è confrontato con i territori, dando una idea di progetto politico e di società regionale. Se vinco voglio attuare coerentemente quelle idee che ho speso con gli elettori e che potranno diventare patrimonio del partito e della coalizione".

Quelle idee, che si puntellano su un riformismo né tenue né opaco ma "vero e netto", sono per l'onorevole candidato "irrinunciabili". Domani si chiude una storia e se ne apre un'altra. Bottini incontrerà in giornata i rappresentanti della coalizione. C'è il rospo delle "primarione" che non va né su né giù. Bocci ribadisce la sua linea, dopo la polemica a distanza col segretario: "Se vinco darò la mia disponibilità a confrontarmi con Goracci, il candidato del Prc, sapendo tuttavia che la titolarità di compiere una scelta di questo tipo è dei partiti e dei loro segretari". Ma si capisce che Bottini non ha alcun entusiasmo verso le primarie di coalizione e non vede la questione posta da Rifondazione come un grandissimo problema: "Ragioneremo con i nostri alleati sul da farsi, consapevoli che di questo strumento non si può abusare. Potrebbero esserci controindicazioni per tutti". Anche perché, ricorda il segretario, "altre forze politiche del centrosinistra non convergono sulla proposta Prc". Eppure in ballo c'è una seconda candidatura, del sindaco di Gubbio, come uscirne senza umiliazioni per nessuno? "Parleremo con i rappresentanti rifondatori, sentiremo le loro ragioni. Mi auguro che non si arrivi a due proposte da presentare a marzo ai cittadini. Si trovino le modalità per stringerci intorno al candidato più forte". E le modalità è probabile che saranno trovate nella trattativa che si apre da domani su liste, candidati, posti in giunta, peso dell'una e dell'altra forza negli equilibri di governo. Con Goracci il Prc vuol avere una carta in più per pesare di più. Almeno più dell'Italia dei valori. lucia.baroncini@edib.it


01.02.2010 - Cultura

Quando l'onesta é un piacere...

La commedia Il piacere dell’onestà di Luigi Pirandello, interpretata dalla Compagnia di Leo Gullotta, ha inaugurato nel novembre scorso la stagione dell’Eliseo di Roma. Rappresentata in questo periodo in molti teatri italiani, riscuote ovunque grande successo di pubblico e di critica. La presenza sul palco di Gullotta nei panni del protagonista, Angelo Baldovino, assicura a ogni replica esiti felici e lunghi applausi. E forse anche qualche riflessione nello spettatore, che nella più spontanea disposizione d’animo sarà indotto a leciti paragoni di ordine morale e politico. (di Giuseppe Muscardini) 

Dopo aver assistito alla “prima” de Il piacere dell’onestà di Luigi Pirandello, andata in scena nel novembre 1917 al Teatro Carignano di Torino, Antonio Gramsci così si espresse dalle colonne dell’edizione torinese dell’«Avanti!»: C’è nelle sue commedie uno sforzo di pensiero astratto che tende a concretarsi sempre in rappresentazione, e quando riesce, dà frutti insoliti nel teatro italiano di una plasticità e d’una evidenza fantastica e mirabile. Così avviene nei tre atti del Piacere dell'onestà. Le profonde tematiche pirandelliane, riprese con maestria dalla compagnia teatrale di Leo Gullotta, si caricano oggi di quella nitidezza che solo i grandi interpreti dell’autore siciliano riescono a rendere in scena. Se poi anche l’interprete è siciliano, si comprende bene come la coesione fra vicenda e composizione scenica sia salutata ogni volta dal pubblico con applausi scroscianti.

L’azione sul palco di Leo Gullotta chiarisce bene il concetto pirandelliano secondo cui nella società perbenista coloro che sono additati come disonesti, o ne sono in odore, talvolta rivelano nel carattere e nella condotta qualità morali inaspettate, tanto da destabilizzare chi li giudica. Leo Gullotta è Angelo Baldovino, l’uomo di dubbia onestà che ha perso i propri beni in anni di sperperi, dissipazione e gioco, ma che per una sorta di riscatto interiore accetta di sposare Agata, giovane donna in attesa di un figlio. Complice la madre di lei, la “copertura” offerta da Baldovino permetterebbe così al marchese Fabio Colli, padre del bambino ma già coniugato, di mantenere intatta la rispettabilità delle due famiglie e nel contempo di continuare a frequentare l’amante. Alla fine la statura morale di Angelo Baldovino trionfa sui principî ipocriti di una squallida consorteria borghese, composta dai personaggi che ruotano attorno a quel matrimonio riparatore, tutti affaccendati a salvaguardare il loro buon nome e l’onorabilità. Accortasi ben presto delle marcate differenze fra lo sciagurato Baldovino e le persone insincere che l’attorniano, Agata sceglierà infine lo sciagurato, decidendo di abbandonare l’ambiente meschino nel quale vive per seguire il marito “pro forma”, ora non più tale perché incarnazione dell’onestà.

La regia di Fabio Grossi e il curatissimo impianto scenico, conferiscono ai due atti de Il piacere dell’onestà valenze tali da destare stupefazione nello spettatore, fin da quando, all’apertura del sipario, il palcoscenico è occupato da una casa di cristallo all’interno della quale l’intera vicenda si svolge. Nelle intenzioni del regista si vuole alludere alla concezione che Aldo Palazzeschi aveva dell’onestà, paragonata in una lirica apparsa nel 1913 ne «Lacerba» ad una casina di cristallo / semplice, modesta / piccolina piccolina: / tre stanzette e la cucina. / Una casina / come qualunque mortale può possedere, / che di straordinario non abbia niente, ma che sia tutta trasparente: / i cristallo… Non nasconderò più niente  / alla gente.

Una bella lezione, quella di Pirandello. Anche se raramente, accade a volte che il “diverso” risulti trasparente ed abbia qualcosa da insegnare agli altri. Portato magistralmente in scena da Leo Gullotta, lo spettacolo si ammanta di una straordinaria attualità. In un momento storico contrassegnato da malversazioni, raggiri, scandali e corruzione, una lezione sull’onestà e la trasparenza è prodigiosamente rilanciata sui contemporanei dai palchi dei teatri italiani. Al pari del risorgimentale Viva Verdi!, il messaggio ci giunge come un’esplicita provocazione. O così vogliamo leggerlo, quasi ad auspicare a nostra volta per il Paese un necessario riscatto morale, ancor prima di intraprendere qualsiasi azione sul piano politico, prima di proporre leggi e leggine, prima di promulgare decreti, indire referendum ed elezioni, o promuovere inasprimenti fiscali che vengono da ministri un po’ troppo compiaciuti del loro operato.

Janeiro 2010

Fotos de gente que é gente...

Il tramonto della Luna.

L´alba in India...

L´ultimo volo...

Inverno?

Momenti...

Clown in guerra !!!

Ciabattino.

Borsa che apre...

Tristezza...

Rio i fumi di capodanno...


31.01.2010 PERUGIA Politica

Corsa a tre per le primarie del Pd.

Fra una settimana si giocheranno la candidatura per la presidenza della Regione. Tre in lizza per le primarie.

Mauro Agostini, Catiuscia Marini, Gianpiero Bocci


Ai blocchi di partenza sono in tre: Catiuscia Marini per i bersaniani, Mauro Agostini per i veltroniani, Gianpiero Bocci per Area democratica. Firme e programmi presentati, puntuali, in regola. Oltre 1500 firme dei tesserati per la Marini, 60 firme dei dirigenti regionali per Bocci, Agostini aveva già presentato più di 1700 firme di iscritti. I magnifici tre fra una settimana si giocheranno alle primarie la candidatura per la presidenza della Regione, la carica per la quale il Pd in questi mesi si è sbranato, finendo in mille brandelli. Mai così acciaccato è arrivato alla meta il partito che guida il centrosinistra e da decenni governa la regione. L‘infermeria è stata svuotata di bende e cerotti. E ora non sarà un pic nic. Inizia una settimana da attraversare con l‘elmetto. Amici e compagni di partito, Marini Bocci e Agostini, ci mancherebbe altro, ma è sicuro che la competizione verrà combattuta fino all‘ultima goccia di sangue, fino all‘ultimo voto utile. Dovrà essere così per forza, perché la torta è una sola, da dividere in tre, di cui due - Agostini e Bocci - pescano consenso nello stesso bacino elettorale. Ma ormai steccati, recinti, cancelli sono ferri vecchi: le mozioni si sono sgretolate ed è probabile che i voti corrano liberi come farfalle da un colle all‘altro. La campagna elettorale comunque è già iniziata, con la selva prolifica di telefonate fatte dai candidati, dai loro supporters, dai monconi di mozioni rimasti uniti nonostante il terremoto che nelle ultime ore ha scombussolato equilibri, troncato amicizie e alleanze, rimescolato carte.

E‘ anche una corsa contro il tempo perché una settimana è davvero poco per dare ali a qualsiasi candidato. Ad aver risolto i problemi interni sono arrivati primi, ieri mattina, i franceschiniani. Riunione del coordinamento della mozione che dopo la tumultuosa assemblea di venerdì doveva cercare un secondo candidato più condiviso, più competitivo, con maggiore capacità di penetrazione di Agostini, il quale nonostante le sollecitazioni arrivate da più parti ha scelto di non fare passi indietro. Alla riunione il senatore non c‘era, c‘era invece Walter Verini, il sostenitore più accanito. Poche parole e il veltroniano, verificato che l‘aria non era cambiata, se ne è andato. A fare la proposta di Bocci è stata Marina Sereni, l‘altro cavallo di razza che Area democratica teneva pronto per la corsa. Ha chiesto all‘onorevole la disponibilità a candidarsi e Bocci l‘ha data. Una lezione, per molti quella della Sereni: di spirito di squadra, di assenza di rivalità, di volontà a ricucire ogni lacerazione nel partito. Perché c‘è un dopo alle primarie, il dopo che ha ricordato ieri mattina Pierluigi Castellani, presidente franceschiniano dell‘assemblea regionale: “Non è tanto il problema di maggiore penetrazione di questo o quel candidato, quanto il costruire un fronte trasversale che pensi al dopo e consenta a tutto il Pd di vincere le elezioni di marzo”. Ma lo strappo in Area democratica c‘è ed è profondo. Con Agostini, che annuncia il via delle sue armate a cavallo oggi da Narni. Sembra uno strappo anche quello di Stramaccioni, il segretario provinciale che si è dimesso. Detta senza più pazienza: “La lista dei Riformisti per l‘Umbria non ha fatto e non farà nessuna scelta come lista. Una volta che sono state decise le primarie ognuno è libero di fare ciò che gli pare”.

Stramaccioni non sosterrà nessuno, neppure l‘alleato di sempre Bocci: “Ogni riformista faccia ciò che ritiene più opportuno”. Nel fronte bersaniano il parto del candidato è stato più complicato. Ieri pomeriggio, per più di tre ore, la Marini è rimasta chiusa nella stanza del segretario regionale Lamberto Bottini, insieme alla presidente Maria Rita Lorenzetti, mentre altri rappresentanti della mozione erano in trepida attesa fuori dalla porta. L‘improvvisata auto convocazione di venerdì ha forzato la situazione coinvolgendo molti degli scalpitanti quarantenni boys sostenitori della governatrice, escludendo però molti altri dirigenti della mozione. L‘ “alzata di ingegno”, come è stata definita, promossa via sms da Moreno Caporalini, ha fatto saltare la mosca al naso a molti e ha dato la misura di uno scollamento per ricucire il quale si è lavorato tutto ieri, senza riuscirvi pienamente. “Sono stati smussati molti spigoli - dice Piero Mignini -, ma restano ancora alcune resistenze da superare”.

Le dimissioni di Gianluca Rossi a coordinatore dei bersaniani sono esse stesse l‘iceberg di un più vasto malessere dell‘area, causato prima di tutto dalla mancata convergenza sul candidato condiviso incarnato da Bottini, stoppata dalla stessa presidente, e poi dalla bocciatura della seconda candidatura istituzionale, quella di Renato Locchi, anch‘essa bloccata da una folta truppa di bersaniani. L‘ex sindaco di Perugia non parteciperà più alle riunioni della mozione, mentre secondo Rossi a questo punto va superata ogni logica di parte, visto che il congresso è finito e occorre andare al voto di marzo con l‘unica divisa buona, quella del Pd. La Marini, consapevole dello stato di salute della mozione, ha conservato titubanze fino all‘ultimo, evidentemente sedate dall‘incontro con Bottini e Lorenzetti. Ieri mattina un giro di telefonate per verificare la capacità di sfondamento del consenso non è stato entusiasmante. E‘ comprensibile che per l‘ex sindaco di Todi, ora nella segreteria nazionale, un‘altra sconfitta, nonostante la robustezza delle spalle, sarebbe insopportabile. Ma lo scontento fra i bersaniani c‘è, ha il serbatoio nel Pd ternano, in quello spoletino, in parte del Pd perugino e del lago Trasimeno, e a macchia di leopardo in altre zone della regione. Occorre vedere se verrà riassorbito nei prossimi giorni oppure troverà uno sfiatatoio fuori dall‘area di maggioranza, a sostegno di Agostini, ma più probabilmente di Bocci. E i mariniani? Nessuna candidatura. Ma per ora non si sa chi appoggeranno. lucia.baroncini@edib.it


29.01.10 PERUGIA, POLITICA

REGIONALI: PDL CANDIDA FIAMMETTA MODENA

(ASCA) - Perugia, 29 gen - Fiammetta Modena, avvocato 45enne, capogruppo del PdL nel consiglio regionale dell'Umbria (nel quale figura da diverse legislature avendo ricoperto i ruoli di vicepresidente del consiglio e presidente della commissione statuto) e' la candidata alla Presidenza della Regione per il centro destra. L'ufficializzazione e' arrivata nella tarda serata di ieri direttamente dal sito web della Modena.

''Per la prima volta l'Umbria puo' cambiare - si legge - per il PdL la vittoria e' a portata di mano, occorre solo credere che l'Umbria migliore sia possibile e che ognuno di noi si impegni per realizzarla''. La candidatura (in continuita' con l'attuale presidenza ricoperta sempre da una donna) ha trovato concordi i coordinatori nazionali del partito e lo stesso Premier Berlusconi, che Modena aveva incontrato recentemente a Palazzo Grazioli. Attorno al suo nome si e' concentrato, a detta degli osservatori politici, il 90% del Pdl umbro, l'area socialista a livello nazionale ed il blocco di Alleanza Nazionale, ripartito tra sostenitori di Fini e dello stesso Berlusconi.

Modena ha politicamente battuto gli altri contendenti alla Presidenza regionale, il deputato umbro Rocco Ghirlanda (che aveva partecipato con lei all'incontro con il Premier), l'attuale sindaco di Assisi Claudio Ricci ed il Presidente di Confapi Umbria Gabriele Chiocci. Non ha mai accettato la proposta, invece, l'imprenditrice tuderte Luisa Todini, indicata tanto da Berlusconi quanto dai vertici regionali del Pdl umbro.

La candidatura di Modena, inoltre, sgombra il campo dalla possibile allenza dell'Udc. Il coordinatore regionale Maurizio Ronconi (responsabile nazionale dei rapporti con gli enti locali), nel ribadire che da un anno non si sono tenuti incontri tra i partiti, ha nettamente affermato che ''l'UdC era e rimane indisponibile ad appoggiare candidati che siano esponenti del PdL e dunque, nessun parlamentare, consigliere regionale, amministratore di quel partito''.


27.01.2010 –  Shoah, Giorno della memoria per non dimenticare questo

Auschwitz, Ebrei, Giorno della memoria, nazismo, Olocausto, Shoah

Dal ghetto di Varsavia (Foto LaPresse)

Preghiere in sinagoga, mostre storiche e spettacoli teatrali, convegni e concerti si svolgono in tutta Italia in occasione della decima edizione del Giorno della memoria, che, per commemorare la fine della Shoah, ricorda il 27 gennaio del 1945, quando, sessantacinque anni fa, venivano aperti i cancelli di Auschwitz.

In questa giorno il Papa invoca “Dio onnipotente” affinché “illumini i cuori e le menti, perché non si ripetano più tali tragedie!”.

Ecco le foto per non dimenticare.

  

Dal ghetto di Varsavia   Protesi ad Auschwitz

Ex prigionieri di Dachau - Auschwitz, valige senza ritorno - Le scarpe dei prigionieri di Auschwitz